Associazione culturale
Monte Analogo

via Fabio Severo 31
34133 Trieste Italy
tel. +39 335 5279319

ALPI GIULIE CINEMA 2017 - ULTIMA SERATA

Si conclude giovedì 23 marzo la XXVII rassegna internazionale di cinema di montagna ALPI GIULIE CINEMA organizzata da MONTE ANALOGO. Il festival ha visto finora la partecipazione di oltre 500 spettatori nelle sei giornate al Teatro Miela e al BarLibreria Knulp di Trieste. Ben 18 produzioni (Italia, Polonia, USA, Austria, Francia, Romania, Turchia, Germania, Svizzera, Marocco, Australia), vari ospiti, 2 premi è in sintesi la straordinaria e originale offerta di emozioni proposta in questa edizione, come sempre con proiezioni sia pomeridiane che serali. La rassegna, come di consueto, farà adesso tappa in varie località della regione e in Croazia e Slovenia. A chiudere l’intera rassegna, la presentazione e premiazione dei video concorrenti al Premio Alpi Giulie Cinema, riservato a registi e produzioni delle tre regioni alpine contermini Carinzia, Slovenia e Friuli Venezia Giulia, con l’assegnazione della “Scabiosa Trenta”, premio ispirato dal grande vecchio nume tutelare: Julius Kugy

Giovedì 23 marzo il Premio verrà consegnato alle ore 20.00 dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Quest’anno la giuria è formata da: Carlo Sclauzero (fotografo), Vanja Sossou (giornalista), Matteo Sione (istruttore FASI). Un artista scelto nell'ambito regionale interpreta questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. La "Scabiosa Trenta" 2017 è stata creata da Sebastiano Calzi, giovane della minoranza slovena residente sul carso triestino, che percorrendo la strada dell’artigianato come scalpellino ha scoperto la sua vena artistica abbinando materiali come il legno con la pietra e il ferro. A partire dal 1994, il Premio la "Scabiosa Trenta" è stato assegnato ai seguenti film: Namastè Annapurna di M. Svetel (Slovenia); nel 1995 a Vivere è un pericolo mortale di V. Armar Stih (Slovenia); nel 1996 a Insieme sulle vette di M. Arnez (FVG); nel 1997 a Timavo: un fiume da proteggere di G. Penco (FVG); nel 1998 a Una salita tra le Giulie di G. Gregorio (FVG); nel 1999 a Camanchaca di T. Miklautsch (Carinzia); nel 2000/2001 a Valentin Stanič di M. Svetel (Slovenia); nel 2002 a Ski-Everest di J. Stucin (Slovenia); nel 2003 a Mednarodno Leto Gora di M. Svetel (Slovenia); nel 2004 a Terske doline in gore di M. Svetel (Slovenia); nel 2005 a Oxus - Montagne per la pace di G. Gregorio (FVG); nel 2006 a Oltarji Špika di B. Mašera (Slovenia); nel 2007 a L’uomo di Stregna di P. Rojatti - A. Petricig (FVG); nel 2008 a Dežela šerp di M. Žbontar (Slovenia); nel 2009 a On the sunny side of the Alps di J. Burger (Slovenia); nel 2010 a Giusto Gervasutti, il solitario signore delle pareti di G. Gregorio (FVG); nel 2011 a Trenutek reke di A. Medved - N. Velušček (Slovenia); nel 2012 a Sfinga di V. Anzeljc - G. Kresal (Slovenia); nel 2013 a Wild One - A Story of Philippe Ribiere di J. Breceljnik (Slovenia); nel 2014 a Amazonas – a sustainable life in the rainforest di T. Miklautsch (Carinzia); nel 2015 a Brez mej - Senza confini di G. Chariot (FVG); nel 2016 a Why di R. Rozman (Slovenia).

Le proiezioni si terranno giovedì 23 marzo al BarLibreria Knulp in via Madonna del Mare 7/a di Trieste, a ingresso libero, con questo programma: Ore 18.00 Paura dal bosco (Friuli Venezia Giulia – 21’) Si tramanda che il giorno quinto del mese di dicembre sia stato scelto dagli esseri dai lunghi artigli per svegliarsi e uscire dalle selve per scendere a valle nei villaggio per spaventare e terrorizzare i bambini. Altre memorie (Friuli Venezia Giulia – 24’) Altre memorie racconta frammenti di storia, memorie collettive e personali, la controversa aspirazione dell’uomo alla pace, l’arte come strumento per sollevare questioni e per sfuggire a facili risposte. Un viaggio attraverso le riflessioni e i ricordi di Marek Trizuljak, uno degli artisti invitati a costruire il Parco dell’arte in Val Saisera. Bled (Friuli Venezia Giulia – 7’) Viaggio in mountain bike a pedalata assistita da Bled a Trieste. Documentario di un’escursione a cavallo tra Slovenia e Italia, lungo sentieri, ciclabili e strade. Nel mare le montagne (Friuli Venezia Giulia – 20’) Reportage tratto da un’esperienza di scialpinismo tra i fiordi del Nord della Norvegia nell’aprile 2015. Dopo un primo inquadramento estetico ed emozionale dell’ambiente dei fiordi norvegesi si passa a raccontare le motivazioni che hanno spinto i protagonisti a recarsi tra quelle montagne lontane, ben oltre il circolo polare artico. Bila Pec (Friuli Venezia Giulia – 7’) Apertura di nuove vie dei climber Andrea Polo e Gabriele Gorobey sul Bila Pec (Alpi Giulie) nell’estate 2015. Never the same (Friuli Venezia Giulia – 30’) Il racconto di Andrea Polo, Gabriele Gorobey e Carlo Giuliberti che nell’estate 2015 hanno effettuato la prima libera della via d'arrampicata Mai più così - Never the Same sul Tsaranoro Atsimo in Madagascar. I tre sono stati accompagnati da Marco Sterni che, nel 1998, aveva aperto la via insieme a Rolando Larcher ed Erik Svab. Ore 20.00 Premiazioni Ore 20.30 Why (Slovenia- 13’) Fuori concorso Alcuni canoisti esplorano meravigliosi fiumi di Cile e Argentina. Non si tratta solo di kayak ma di scoprire la bellezza di madre natura (Premio Scabiosa Trenta 2016). Osem krogov in pol – 8 ½ circles (Slovenia – 32’) "Più in alto scali, più in basso cadi". Un film che scava nell'inconscio di un alpinista il cui sogno diventa una brutale immersione nell'inferno dantesco. Attraverso immagini allegoriche, la storia esplora la fragilità dell'individuo di fronte alla forza della natura. Saprà il protagonista ascoltarne il messaggio? Sulla via della goccia d’acqua–La storia di Emilio Comici (Friuli Venezia Giulia – 50’) Film-documentario che racconta la storia, le imprese e il coraggio del talento alpinistico più puro, il triestino Emilio Comici, pietra miliare del sesto grado, che legò il suo nome a salite montane diventate celeberrime; la cui passione lo portò a sfidare la sorte e lo scetticismo di un paese in apnea tra due guerre mondiali.

Alpi Giulie Cinema 2017 è organizzata dall’Associazione Monte Analogo, in collaborazione con ARCI Servizio Civile, Società Alpina delle Giulie-Sezione di Trieste del CAI, Commissione Grotte Eugenio Boegan, Associazione Mano Aperta, Cooperativa Bonawentura, BarLibreria Knulp e si tiene con il patrocinio del Comune di Trieste e della Regione Friuli Venezia Giulia.

SESTA SERATA DI CINEMA DI MONTAGNA A TRIESTE

Continua al BarLibreria Knulp, in via Madonna del Mare 7/a a Trieste, la XXVII edizione della rassegna di cinema di montagna ALPI GIULIE CINEMA. Ingresso libero. Giovedì 16 marzo si terranno due proiezioni: Alle ore 18.00 THE LAND BETWEEN (Marocco/Australia – 78’) sottotitoli italiano. Il film offre uno sguardo intimo nella vita nascosta dei migranti dell’Africa sub-sahariana che vivono nelle montagne del nord del Marocco. Il loro sogno è quello di entrare in Europa saltando la barriera di Miella, enclave spagnola. Il film documenta la quotidianità di questi migranti intrappolati in un limbo, così come la violenza e i maltrattamenti che si trovano ad affrontare, da parte delle autorità marocchine e spagnole.

Alle ore 20.30 invece LEAVING GREECE (Germania – 79’) sottotitoli italiano. Per gran parte dei rifugiati l'Egeo è la porta verso l'Europa. Ciò cosa significa per la Grecia? Ogni aspetto del suo sistema di asilo politico è sovraccarico. Nessuno è autorizzato a rimanere in Grecia, ma le autorità sono severe con chi tenta di uscire. Il film racconta la storia di tre rifugiati afgani, Hossein, Reza e Kakà. Un film sull'amicizia e sulle contraddizioni della politica europea sui rifugiati. La giornata rientra nelle attività di formazione dei volontari di ARCI Servizio Civile che collabora anche nell’organizzazione di tutta la rassegna.

Giovedì 23 marzo sarà l’appuntamento conclusivo della XXVII rassegna internazionale di cinema di montagna ALPI GIULIE CINEMA con, a partire dalle ore 18.00, le proiezioni dei film selezionati per il XXIII Premio “La Scabiosa Trenta”.

Alpi Giulie Cinema 2017 è organizzata dall’Associazione Monte Analogo in collaborazione con ARCI Servizio Civile e si tiene con il patrocinio del Comune di Trieste e della Regione Friuli Venezia Giulia.

ALPI GIULIE CINEMA 2017

Continua al BarLibreria Knulp, in via Madonna del Mare 7/a a Trieste, la XXVII edizione della rassegna di cinema di montagna ALPI GIULIE CINEMA. Ingresso libero. Giovedì 9 marzo alle ore 18.00 appuntamento con tre produzioni: EXTRAORDINARY PEOPLE (Turchia 45') sottotitoli italiano. Immersi nelle profonde vallate che attraversano le regioni orientali del Mar Nero, un gruppo di persone fuori dall ordinario porta avanti una serie di progetti che vanno dalla costruzione di teleferiche a impatto zero alla costruzione di eremi abbarbicati sul ciglio di un precipizio. Ad accomunare tutte queste figure è un bagaglio condiviso di tradizioni che proseguono incessantemente nel corso degli anni. LIFELINES (Regno Unito - 16 ) sottotitoli italiano. Dopo essere partito dal suo piccolo villaggio sull Himalaya indiano a 2500 metri di altitudine per cercare fortuna a Dehli, Makar Singh si trova presto costretto a farvi ritorno per aiutare la sua famiglia in seguito alla morte improvvisa di suo padre. Ma questo cambio di programmi sarà per Makar l occasione per organizzare una lotta per migliorare le condizioni di vita e per l emancipazione della propria piccola comunità attraverso la creazione di infrastrutture e l accesso alle telecomunicazioni. LA CATENA (Italia 18 ). In Val Badia, alle pendici delle Dolomiti, Tobias gestisce insieme alla sua famiglia un maso a 1.500 metri di altitudine. In questo microcosmo tutti gli aspetti della loro vita quotidiana trovano il loro posto e il loro ritmo. Giorno dopo giorno, un anno dopo anno, le stesse azioni si ripetono e i destini di uomo e animale, come gli anelli di una catena, si intrecciano indissolubilmente in una filiera che inizia con la nascita dell animale e prosegue con la macellazione fino ad arrivare sulla tavola attorno a cui la famiglia si riunisce. Alle ore 20.30 invece verrà proposto Z'BARG (Germania/Svizzera 85') sottotitoli italiano. Sarah e Sämi decidono di realizzare un sogno che covano da tempo: prendere in gestione una malga in montagna e trascorrervi l estate in compagnia di vacche, capre, maiali e alcune galline. Ma quel che all inizio sembrava un progetto carico di avventure, presto si trasforma in un impegno gravoso e totalizzante, che gli costringe a fare i conti ora con la testardaggine con le vacche, ora con la muffa dei formaggi, ma soprattutto, con una cronica mancanza di sonno. La loro relazione verrà messa alla prova dalla dura realtà che si nasconde dietro il sogno romantico della montagna.

Alpi Giulie Cinema 2017 è organizzata dall Associazione Monte Analogo, in collaborazione con ARCI Servizio Civile e si tiene con il patrocinio del Comune di Trieste e della Regione Friuli Venezia Giulia.

ALPI GIULIE CINEMA 2017 - Seconda parte

Dopo i tre appuntamenti al Teatro Miela la XXVII edizione della Rassegna Internazionale di Cinema di Montagna ALPI GIULIE CINEMA organizzata da Monte Analogo si trasferisce nell’accogliente salotto di ritrovo culturale bar libreria Knulp, in via Madonna del Mare 7/a, sempre a Trieste. La profonda crisi economica che stiamo vivendo ci ha costretti a rivedere molte nostre convinzioni e modi di vivere, facendo scoprire a molti possibili alternative anche tra le Terre Alte. E’ questa la linea guida della seconda parte della Rassegna, unita al grande problema di strettissima e urgente attualità: quello delle migrazioni alle quali stiamo assistendo e con le quali, volenti o meno, dovremo convivere. Quattro giovedì di marzo con otto produzioni ed il Premio La Scabiosa Trenta (giunto alla ventitreesima edizione) è in sintesi la straordinaria e originale offerta di emozioni proposta nel mese di marzo, come sempre con proiezioni sia pomeridiane che serali. Si inizierà il 2 marzo alle ore 18.00 con LIMITES (Francia – Italia 5’). La routine soffocante di una metropoli ai piedi delle Alpi spinge una giovane ragazza a immaginare e a idealizzare una vita alternativa sulle montagne. Decide quindi di mettersi in cammino, nell’intento di realizzare il suo sogno. Ma l’immagine di una natura unicamente benevole e idilliaca non corrisponde a una realtà in cui la montagna si rivela un ambiente abbandonato dagli uomini e alla mercé degli elementi. Seguirà LA MONTAGNE MAGIQUE (Francia/Polonia/Romania – 85') sottotitoli italiano. La biografia di Adam Jacek Winkler si dispiega lungo quasi metà Novecento: rifugiato polacco a Parigi, Adam è fotografo, alpinista e militante politico. La sua vita è un continuo tentativo di superare ogni limite, animato dal desiderio bruciante di dare un significativo contributo alla trasformazione del mondo. La sua vita avventurosa prende improvvisamente una piega inaspettata nel corso degli anni ottanta, quando decide di trasformarsi in un cavalliere del ventesimo secolo e, abbandonata la Francia, armato di coraggio e passione, parte per combattere a fianco delle truppe di Massoud contro l'Unione Sovietica sulle montagne dell'Afghanistan. Attraverso l'utilizzo di un numero strabiliante di tecniche di animazione, la vita di Adam viene rappresentata come un incantevole e ipnotico caleidoscopio di una persona che ha saputo fondere la ricerca della libertà con la febbre dell'avventura. Premio "Genziana d’oro" miglior film Trento Film Festival 2016. Alle ore 20.30 invece verrà proposto ALTA SCUOLA (Italia – 72’). Nel comune di Peio, a 1600 metri di altitudine, la scuola elementare pluriclasse è stata soppressa a favore di un moderno plesso scolastico nel fondovalle, che raccoglie i bambini di diversi paesi. Alcune famiglie hanno quindi deciso di optare per l’istruzione parentale, prevista dalla Costituzione Italiana, dando vita a Scuola Peio Viva. Al piano terra di una casa privata i genitori e alcuni insegnanti volontari fanno scuola assieme a nove bambini, dalla prima alla quinta classe. In questa scuola non si danno voti. Giovedì 9 marzo alle ore 18.00 appuntamento con tre produzioni: EXTRAORDINARY PEOPLE (Turchia – 45') sottotitoli italiano. Immersi nelle profonde vallate che attraversano le regioni orientali del Mar Nero, un gruppo di persone fuori dall’ordinario porta avanti una serie di progetti che vanno dalla costruzione di teleferiche a impatto zero alla costruzione di eremi abbarbicati sul ciglio di un precipizio. Ad accomunare tutte queste figure è un bagaglio condiviso di tradizioni che proseguono incessantemente nel corso degli anni. LIFELINES (Regno Unito - 16’) sottotitoli italiano. Dopo essere partito dal suo piccolo villaggio sull’Himalaya indiano a 2500 metri di altitudine per cercare fortuna a Dehli, Makar Singh si trova presto costretto a farvi ritorno per aiutare la sua famiglia in seguito alla morte improvvisa di suo padre. Ma questo cambio di programmi sarà per Makar l’occasione per organizzare una lotta per migliorare le condizioni di vita e per l’emancipazione della propria piccola comunità attraverso la creazione di infrastrutture e l’accesso alle telecomunicazioni. LA CATENA (Italia – 18’). In Val Badia, alle pendici delle Dolomiti, Tobias gestisce insieme alla sua famiglia un maso a 1.500 metri di altitudine. In questo microcosmo tutti gli aspetti della loro vita quotidiana trovano il loro posto e il loro ritmo. Giorno dopo giorno, un anno dopo anno, le stesse azioni si ripetono e i destini di uomo e animale, come gli anelli di una catena, si intrecciano indissolubilmente in una filiera che inizia con la nascita dell’animale e prosegue con la macellazione fino ad arrivare sulla tavola attorno a cui la famiglia si riunisce. Alle ore 20.30 invece verrà proposto Z'BARG (Germania/Svizzera – 85') sottotitoli italiano. Sarah e Sämi decidono di realizzare un sogno che covano da tempo: prendere in gestione una malga in montagna e trascorrervi l’estate in compagnia di vacche, capre, maiali e alcune galline. Ma quel che all’inizio sembrava un progetto carico di avventure, presto si trasforma in un impegno gravoso e totalizzante, che gli costringe a fare i conti ora con la testardaggine con le vacche, ora con la muffa dei formaggi, ma soprattutto, con una cronica mancanza di sonno. La loro relazione verrà messa alla prova dalla dura realtà che si nasconde dietro il sogno romantico della montagna. Il 16 marzo due proiezioni: Alle ore 18.00 THE LAND BETWEEN (Marocco/Australia – 78’) sottotitoli italiano. Il film offre uno sguardo intimo nella vita nascosta dei migranti dell’Africa sub-sahariana che vivono nelle montagne del nord del Marocco. Il loro sogno è quello di entrare in Europa saltando la barriera di Miella, enclave spagnola. Il film documenta la quotidianità di questi migranti intrappolati in un limbo, così come la violenza e i maltrattamenti che si trovano ad affrontare, da parte delle autorità marocchine e spagnole. Alle ore 20.30 invece LEAVING GREECE (Germania – 79’) sottotitoli italiano. Per gran parte dei rifugiati l'Egeo è la porta verso l'Europa. Ciò cosa significa per la Grecia? Ogni aspetto del suo sistema di asilo politico è sovraccarico. Nessuno è autorizzato a rimanere in Grecia, ma le autorità sono severe con chi tenta di uscire. Il film racconta la storia di tre rifugiati afgani, Hossein, Reza e Kakà. Un film sull'amicizia e sulle contraddizioni della politica europea sui rifugiati. La giornata rientra nelle attività di formazione dei volontari di ARCI Servizio Civile che collabora anche nell’organizzazione di tutta la rassegna. Giovedì 23 marzo ultima giornata della XXVII rassegna internazionale di cinema di montagna ALPI GIULIE CINEMA con, a partire dalle ore 18.00, le proiezioni dei film selezionati per il XXIII Premio “La Scabiosa Trenta”. Il Premio, riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente) verrà consegnato alle ore 20.30 dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Quest’anno la giuria era formata da: Carlo Sclauzetto (fotografo), Vanja Sossou (giornalista), Matteo Sione (istruttore FASI). Il nome del premio richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreta questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. "La Scabiosa Trenta" 2017 è stata creata da Sebastiano Calzi, giovane della minoranza slovena residente sul carso triestino, che percorrendo la strada dell’artigianato come scalpellino ha scoperto la sua vena artistica abbinando materiali come il legno con la pietra e il ferro.

LA SPELEOLOGIA IN ALPI GIULIE CINEMA 2017

Dal 2012 si tiene, in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste, HELLS BELLS Speleo Award. Ultimo nato della famiglia Alpi Giulie Cinema il concorso è dedicato specificamente a documentari, reportages e fiction di speleologia: girati dunque nel complesso e molto poco sconosciuto mondo ipogeo. Martedì 21 febbraio 2017 si è tenuta al Teatro Miela di Trieste la sesta edizione di HELLS BELLS che ha visto la proiezione di ben 14 produzioni. La Giuria, formata da Maria Pia Zay, guida turistica in Grotta Gigante, speleologa e scrittrice, Marco Bellodi, speleologo e scrittore, Antonio Giacomin, speleologo e “videomaker”, si è così espressa: MENZIONE SPECIALE SUNGAI AOUK - Ottimo “reportage” esplorativo. Incredibile impresa speleologica ben documentata dalle immagini che rendono l’idea della vastità degli ambienti e delle difficoltà superate, ben spiegate dalle interviste in diretta. Autore: Andrea Benassi – Archeloos Geo Exploring - Sacile (Italia) CAMPANA D’ARGENTO PROTEUS HUNTERS - Documentario di stampo televisivo, buona scelta e bilanciamento tra contributi visivi e sonori. Con poche immagini ben montate e poche parole l’autore descrive il fascino degli animali e di quanto, soprattutto il Proteo, siano in pericolo a causa di noi umani.
Autore: Ciril Mlinar Cic – Lubiana (Slovenia) CAMPANA D’ORO BREZNO POD VELBOM - Ottimo bilanciamento tra racconto ed esperienza. Ottimo utilizzo del linguaggio audiovisivo con riprese "estreme" e interviste. Buon montaggio sia visivo che sonoro con colonna sonora avvincente per un soggetto di avventura “off limits”. Autore : Alberto Dal Maso Associazione XXX Ottobre CAI –Trieste (Italia) Climbers: Luca Vallata, Matteo Rivadossi, Andrea Tocchini In ricordo di Leonardo Comelli HELLS BELLS 2017 ha visto inoltre la partecipazione del “Team La Salle” che ha ben concluso l’evento con la proiezione in 3D di CUBA: L’ALTRA DIMENSIONE.

ALPI GIULIE CINEMA 2017

MARTEDI' 21 FEBBRAIO 2017 al Teatro Miela di Trieste terzo appuntamento della XXVII edizione della Rassegna Internazionale di Cinema di Montagna ALPI GIULIE CINEMA organizzata da Monte Analogo, in collaborazione con ARCI Servizio Civile. Dalle ore 18.00 sarà una intera giornata dedicata alla speleologia con HELLS BELLS SPELEO AWARD, concorso dedicato specificatamente a documentari, reportages e fiction di speleologia. Ultimo nato della famiglia ALPI GIULIE CINEMA il concorso si tiene dal 2012 in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste. La giuria di HELLS BELLS 2017 è formata da: Marypia Zay (guida in Grotta Gigante, scrittrice), Antonio Giacomin (videomaker, speleologo) e Marco Bellodi (scrittore, speleologo). Il Programma: Ore 18.00 1 - EQUILIBRI SOTTERRANEI (5’) Paolo Forti S.A.G.- Commissione Grotte E. Boegan Trieste (fuori concorso) 2 - RIO VAAT (23’) Gruppo Speleologico Carnico CAI Tolmezzo (fuori concorso) 3 - PULENDO L’ABISSO TRA ORLE E FERNETTI (07’04”) Società di Studi Carsici A.F. Lindner, Ronchi dei Legionari, Gorizia 4 - D P 2016 (2’46”) Alessandro Mosetti, Gruppo Triestino Speleologi - Trieste 5 - GOSTIVAR 2016 (11’43”) Daniele Campagnoli - Montelago - Ancona 6 - PATAGONIA 2016 (09’10”) Martino Frova – Team La Venta (fuori concorso) 7 - GLI ORSI DI GOVJESTICA (09’09”) G.S.B. – U.S.B. Bologna
8 - LA SORGENTE DI VRELO UNE (4’) Gigi Casati 2016 (Croazia – Italia) (fuori concorso) 9 - EXPEDITION SPELEOLOGIQUE TOTESGEBIRGE 2015 (10’) (Francia – Austria) (fuori concorso)

Ore 19.40 CUBA L’ALTRA DIMENSIONE (Antonio Danieli, Team La Salle – Italia: proiezione in 3D) (fuori concorso)

ORE 20.30 PREMIAZIONI

10 - EQUILIBRI SOTTERRANEI (02’) Paolo Forti S.A.G.- Commissione Grotte E. Boegan, Trieste (fuori concorso) 11 - HIDDEN ICE (03’) Progetto C3- Canin R. Colucci CNR – Commissione Grotte E. Boegan – Trieste (fuori concorso) 12 - PROTEUS HUNTERS (6’) Ciril Mlinar Cic (Slovenia) 13 - SUNGAI AOUK (17’) Andrea Benassi – Acheloos Geo Exploring – Sacile, Pordenone 14 - BREZNO POD VELBOM (17’08”) Alberto dal Maso, Associazione XXX Ottobre C.A.I. Trieste

Ore 21.40 CUBA L’ALTRA DIMENSIONE (Antonio Danieli, Team La Salle – Italia: proiezione in 3D)

ALPI GIULIE CINEMA 2017 proseguirà nel mese di marzo al BarLibreria Knulp ogni giovedì sempre con proiezioni pomeridiane e serali (ingresso libero).

Davide Riva anche a Gorizia

Davide Riva presenterà il suo film SOLO DI CORDATA anche a Gorizia, grazie al CAI di Gorizia, giovedì 16 febbraio alle ore 20.30 al Kinemax in piazza della Vittoria (ingresso libero).

ALPI GIULIE CINEMA 2017

MARTEDI' 14 FEBBRAIO 2017 al Teatro Miela di Trieste secondo appuntamento della XXVII edizione della Rassegna Internazionale di Cinema di Montagna ALPI GIULIE CINEMA organizzata da Monte Analogo, in collaborazione con ARCI Servizio Civile. Tutta la giornata sarà dedicata a Biografie di alpinismo Si inizierà alle ore 18.00 con CHRIS BONINGTON LIFE AND CLIMBS (Italia 22'). Chris Bonington, uno dei più grandi alpinisti della seconda metà del Novecento, ripensa alle avventure di una vita passata a scalare le montagne di tutto il mondo. È questo il punto di partenza per un viaggio che abbraccia i sentimenti più profondi e contraddittori del suo essere alpinista e uomo: l amore per la famiglia e la sua scelta di vivere per l alpinismo, le conquiste ma anche la sofferenza per la perdita di tanti amici, diventano il racconto di una ricerca unica che non possono avere fine, come le grandi passioni. Seguirà JUREK (Polonia 73') sottotitoli italiano. Jerzy Kukuczka è stato uno dei più forti scalatori nella storia dell'alpinismo. Ha scalato gli ottomila per ben diciassette volte, aprendo nuove vie, a volte anche in inverno. La sua diciottesima spedizione è stata l'ultima: ha infatti trovato la morte sulla parete Sud del Lhotse nell'ottobre del 1989. Questo ritratto è il frutto di un lungo lavoro di ricerca che ha portato al ritrovamento di materiali rarissimi custoditi dalla televisione polacca e da suoi conoscenti. Alle ore 20.30 verrà proposto invece SOLO DI CORDATA (Italia 84'), ospite in sala il regista Davide Riva. Un ritratto filmico del fortissimo scalatore solitario Renato Casarotto che, ripercorrendo le sue più famose imprese alpinistiche e grazie a preziosi materiali di repertorio inediti uniti alla voce dei suoi più intimi amici e compagni di cordata, racconta, con pensieri e voce dello stesso Casarotto, la ricerca umana celata dietro l esigenza dell azione alpinistica immersa nella natura più selvaggia. Una raccolta di immagini e pensieri sconosciuti che gettano luce sulla complessità umana e l eclettismo di un uomo che, con la sua volontà e tecnica di salita, ha compiuto imprese straordinarie, molte delle quali ancora oggi insuperate e mai ripetute.

ALPI GIULIE CINEMA 2017 proseguire al Teatro Miela MARTEDI' 21 FEBBRAIO con HELLS BELLS SPELEO AWARD, concorso dedicato specificatamente a documentari, reportages e fiction di speleologia e la proiezione di CUBA L ALTRA DIMENSIONE, proiezione in 3D, per trasferirsi successivamente al BarLibreria Knulp GIOVEDI' 2, 9, 16, 23 marzo sempre con proiezioni pomeridiane e serali (ingresso gratuito).

H-HAMBIENT2 martedì 7 febbraio 2017 al Teatro Miela di Trieste in Prima Nazionale Assoluta

«Esplorazione, alpinismo, scienza, arte visiva e musica, tutto assieme dal vivo in un unico contenitore a restituirci un'idea pionieristica, ottocentesca, del salire una montagna (e che montagna! Uno dei giganti della Terra!) e nel contempo estremamente nuova, futuristica dell'alpinismo» - con queste parole dell'Associazione Monte Analogo di Trieste arriva in scena l’ultimo lavoro di Alberto Peruffo, pioniere del Teatro Multimediale e grande sperimentatore culturale. Paolo Rumiz l'ha definito il Grande Artificiere. Altre volte, il Libraio Volante e Anima Partigiana. Autore di molteplici operazioni divenute storiche come The Sad Smoky Mountains, le tristi montagne fumanti in difesa del Tibet, attivista di prima linea che usa e abusa dell'arte per fini politico-civili (The Wandering Cemetery), pioniere dell'editoria digitale con Intraisass.it e del teatro multimediale, a 10 anni dalla sua ultima sperimentazione scenica (Ventimila piedi sopra il mare, Trento Film Festival 2006), Peruffo ritorna in scena con un concerto-video-performance che lui stesso ci presenta come un fatto artistico "imprevisto" dopo la sua ultima spedizione himalayana. Così lo riassume: «Ho preso una macchina a vento, frammenti di musiche antiche e moderne, e montagne mai viste. Ho immaginato che andassero d'accordo, senza bisogno di raccontare alcunché. Ho perciò ucciso la narrazione per lasciare libero il sentimento, il pensiero, la visione di ciò che io e i miei compagni abbiamo vissuto, e che forse ognuno di noi, adulto/bambino, vive, quando si trova immerso in una magnifica esplorazione che non ti permette alcuna certezza. E meno che meno, alcuna salvezza». La bellezza non salverà il mondo, si legge nel Foglio di Sala. Di ritorno come capo spedizione da una delle più difficili e importanti spedizioni himalayane degli ultimi anni, ai piedi del lato sconosciuto del gigante Kanchenzonga, senza possibilità di contatti con il mondo esterno e di soccorso, dopo aver attraversato un’impenetrabile foresta ed esplorato 3 bacini glaciali, salito 7 colli e 7 cime vergini, prima impresa himalayana italiana a rientrare nella Big List del Piolet d'Or, grazie a una straordinaria squadra di alpinisti e all'abilità artistica del fotografo reatino Enrico Ferri, Peruffo ricompone l'ambiente estremo himalayano con gli ambienti artistici dell'arte comunemente intesa, classica e contemporanea. Musica e arte visiva spariscono dietro a uno strumento "diabolico" (l’AKAI EWI 5000) e a immagini che sembrano quadri di un'esposizione astratta e invece sono radicale natura. Il tutto avviene con estrema semplicità, di fronte a una sfida complessa, per fare emergere il mantra che segna come un filo rosso tutta «l'impressionante qualità» (così Reinhold Messner ancora ai tempi di Intraisass) del suo lavoro: «le montagne sono i luoghi di resistenza del mondo». Assolutamente da non perdere per l'imprevedibilità dell'autore e la coerenza di un percorso ventennale che fa scrivere a Wu Ming nel 2016: «se c’è un lavoro che fa emergere la dimensione di “invisibile ovunque” che ha oggi la guerra, è il lavoro di Alberto Peruffo». E per combattere coloro che alimentano le guerre, per trovare antidoti e anticorpi di civiltà, Alberto prende forza dalle montagne. Montagne di cui tuttavia egli sa riconoscere il limite. L’appuntamento è alle ore 20.30. Alla fine della performance sarà proiettato il nuovo film ZEMU EXPLORATORY EXPEDITION. Alla ricerca delle nuove frontiere dell'alpinismo in Himalaya (Selezione Ufficiale in concorso al Cervino Cine Mountain) che documenta i luoghi dove è stato possibile realizzare H-AMBIENT2. Regia di Enrico Ferri. Durata della performance: 46 minuti. Durata del docufilm: 29 minuti.

Alberto Peruffo: Nato nel 1967, vive a Montecchio Maggiore (VI). Più di 20 anni di militanza culturale radicale e indipendente lo hanno reso voce autorevole dell'impegno civile italiano e dell'alpinismo di ricerca. Vanta importanti riconoscimenti e collaborazioni con grandi personalità della cultura italiana e internazionale, in molteplici discipline. Fondatore di intraisass.it e della casa editrice Antersass, dirige da molti anni i lavori della Casa di Cultura C offrendo consulenza, regia culturale e fondamento storico-teorico a tutti i lavori in cui è chiamato in causa. È stato leader della recente spedizione esplorativa nell'area Zemu del Kanchenzonga per i 150 anni del CAI.

Prodotto in collaborazione con: Montura Editing, Rifugio Campogrosso e Casa di Cultura C.

Alpi Giulie Cinema 2017

Locandina edizione 2017

Sarà questa la foto immagine della XVII edizione della Rassegna “Alpi Giulie Cinema” organizzata da Monte Analogo, in collaborazione con ARCI Servizio Civile. Edizione parzialmente rinnovata in quanto la programmazione è stata tutta accorpata in febbraio (Teatro Miela) e marzo (BarLibreria Knulp). Sette giornate, 15 produzioni (Italia, Polonia, USA, Austria, Francia, Romania, Turchia, Germania, Svizzera, Marocco, Australia), vari ospiti, 2 premi (Scabiosa Trenta e Hells Bells) è in sintesi la straordinaria e originale offerta di emozioni proposta in questa edizione, come sempre con proiezioni sia pomeridiane che serali. La rassegna, come di consueto, farà tappa in varie località della regione e, novità, in Croazia e Slovenia.

Il termine ultimo per la partecipazione ai 2 premi scade il giorno 31 dicembre 2016. Per l'iscrizione scaricare i bandi di concorso e le schede di partecipazione dal sito www.monteanalogo.net.

Il Premio la Scabiosa Trenta, riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente) verrà consegnato nel mese di marzo 2017 al Bar Libreria Knulp quando verranno proiettate le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Il nome del premio richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Il Premio è giunto alla ventitreesima edizione.

Dal 2012 si tiene invece, in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste, HELLS BELLS Speleo Award. Ultimo nato della famiglia Alpi Giulie Cinema il concorso è dedicato specificamente a documentari, reportages e fiction di speleologia: girati dunque nel complesso e molto poco sconosciuto mondo ipogeo.

Le produzioni premiate verranno proiettate al Teatro Miela nel mese di febbraio 2017.

Monte Analogo vi consiglia...

Montagna Cinema

dal 7 novembre al 13 dicembre a San Daniele del Friuli

Potete scaricare la locandina e il volantino.

La rassegna ALPI GIULIE CINEMA 2016 si conclude a Fiume, in Croazia

Alpi Giulie Cinema è la rassegna cinematografica che da oltre 25 anni Monte Analogo, nota associazione culturale triestina, organizza a Trieste e in diverse altre città del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con ARCI Servizio Civile. La manifestazione itinerante presenta annualmente una selezione di film-documentari legati alla cultura della montagna e, in senso esteso, all'ambiente. I film provengono dai migliori festival internazionali di tutto il mondo (Trento Film Festival, Toronto International Film Festival, Ljubljana International Film Festival, Bovec Outdoor Film Festival, ecc.), selezionati da giornalisti, fotografi, alpinisti ed esperti di settore. Lunedì 6 giugno verrà presentato il documentario Ninì, una produzione il cui sostegno è stato assicurato, per una parte consistente, da una campagna di crowdfunding in rete (finanziamento collettivo). Il lavoro è stato premiato nel 2015 al Trento Film Festival con la Genziana d'Oro per il miglior film di alpinismo. Il regista Gigi Giustignani è un documentarista trentenne originario della Valsesia che dal 2005 lavora a Milano come film-maker e direttore della fotografia. Sarà presente in sala Daniele Ietri, presidente dell'Associazione La Fournaise che ha curato la produzione del film, sia per raccontare della genesi del progetto e delle modalità di finanziamento dal basso, sia per rispondere a eventuali domande del pubblico. La Fournaise riunisce professionisti del mondo della produzione audio-visuale, della comunicazione e della ricerca territoriale e sono presenti in Valle d'Aosta e nel Friuli Venezia Giulia.

ALPI GIULIE CINEMA 2016

Continua ALPI GIULIE CINEMA, la rassegna di cinema di montagna organizzata da MONTE ANALOGO di Trieste che quest anno è giunta alla ventiseiesima edizione. La rassegna dopo Trieste e Gorizia in aprile verrà proposta, in versione ridotta, a Pinzano al Tagliamento e, successivamente, anche a Fiume (Rijeka) in Croazia.

In questa edizione a Pinzano al Tagliamento la prima serata viene dedicata agli uomini del primo conflitto mondiale con ospite il regista Alessio Bozzer che presenterà il suo film Guerra in Montagna. Il fronte italo-austriaco nella Prima Guerra Mondiale era lungo 650 chilometri. 600 di questi superavano i 1000 metri di altitudine. La Grande Guerra è stata la prima guerra di montagna. La prima volta gli eserciti hanno dovuto affrontare azioni militari e sopravvivenza ad alte quote.

L'idea invece di raccontare un percorso di circa 200 Km di cerniera tra due culture differenti, ma unite da sempre attraverso scambi commerciali, culturali, religiosi, anche sportivi e che purtroppo sono state uno dei principali teatri dei cruenti combattimenti della Prima guerra mondiale è venuta a Giampaolo Penco, nel film "a piedi" intitolato Attraverso le Carniche e che verrà proiettato nella seconda giornata della rassegna.

Cambiano i temi e gli orizzonti nella proiezione della terza serata. Damnation, degli statunitensi Ben Knight e Travis Rummel, è stato insignito del Premio speciale della Giuria e del Premio RAI al Trento Film Festival 2015, la più vecchia, autorevole, importante manifestazione del settore. Il film tocca un tema tanto inconsueto quanto importante per l'equilibrio ecologico delle Terre Alte e non solo. Le dighe venivano considerate, un tempo, il simbolo del progresso e del controllo dell'uomo sulla natura. Oggi invece si trovano al centro di un acceso dibattito sostenuto da chi valuta negativamente il loro impatto sull'ecosistema. Negli Stati Uniti un crescente movimento d'opinione chiede da anni che le dighe costruite a cavallo tra Otto e Novecento vengano rimosse e che i fiumi possano tornare al loro corso originario. Frutto di tre anni e mezzo di lavoro DAMNATION documenta per la prima volta la spettacolare rimozione di alcune dighe e le successive conseguenze sull'ambiente. Un viaggio nella storia e nel paesaggio degli Stati Uniti dove natura e libertà sono termini inscindibili. Il film, in lingua originale, è sottotitolato in italiano.

Con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia, il patrocinio del Comune di Pinzano al Tagliamento, la collaborazione di ARCI Servizio Civile e dell Associazione Il Progetto.

PROGRAMMA

Mercoledì 6 aprile Guerra in montagna
Mercoledì 13 aprile Attraverso le Carniche
Mercoledì 20 aprile Damnation

Le proiezioni avranno inizio alle ore 20.15 con ingresso libero.

Organizzazione:
S.O.M.S.I. Pinzano al Tagliamento (PN) - somsi.pinzano@gmail.com

Premio Alpi Giulie Cinema 2016

Si è conclusa a Trieste la Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA", il meglio dei film di arrampicata, alpinismo, speleologia, esplorazione e cultura della montagna che quest'anno è giunta alla venti seiesima edizione. Un appuntamento organizzato da Monte Analogo, divenuto ormai tradizionale, con i migliori cortometraggi provenienti dai più disparati luoghi del mondo, che è vissuto a cavallo tra due secoli, ma soprattutto tra due ere del racconto per immagini e di tutta la comunicazione: quella analogica e quella digitale.

Mercoledì 24 febbraio al bar libreria Knulp si è tenuto il Premio Alpi Giulie Cinema “la Scabiosa Trenta”, riservato alle produzioni cinematografi che di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente), giunto alla ventiduesima edizione.

Alla presenza dei registi , sceneggiatori e protagonisti delle produzioni presentate la giuria, quest'anno composta da Giorgio Gregorio (alpinista e giornalista), Massimo Gobessi (programmista regista RAI) e Demis Albertacci (fotografo), ha espresso all'unanimità il verdetto pubblicato alla pagina dell'ultima edizione

Hells Bells Speleo Award 2016

Mercoledì 17 febbraio 2016 dalle ore 18.00 alle 23.00 al Teatro Miela, in Piazza Duca degli Abruzzi 3 a Trieste si è tenuto “HELLS BELLS Speleo Award”, maratona di video di speleologia, organizzata da MONTE ANALOGO in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan.

Il verdetto della giuria, composta da Ivan Bormann (regista e videomaker), Sergio Serra (speleologo, alpinista, pubblicista, presidente di Monte Analogo), Marco Pavan (istruttore di scialpinismo, delegato del Gruppo Italiano Scrittori di Montagna), è pubblicato alla pagina dell'ultima edizione

Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione: Quinto appuntamento

"ALPI GIULIE CINEMA" ventiseiesima edizione edizione 9 dicembre 2015: quinta giornata di cinema di montagna

Continua mercoledì 9 dicembre 2015, con ingresso libero, al Bar Libreria KNULP, in via Madonna del Mare 7/a (Trieste), la prima parte della Rassegna Alpi Giulie Cinema, organizzata dall Associazione Monte Analogo e giunta alla ventiseiesima edizione grazie alla collaborazione del Comune di Trieste, il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste.

Alle ore 18.00 verrà presentato:
Contadini di Montagna (Italia - 2015) 74 , regia di Michele Trentini.

Nel contesto di uno dei paesaggi terrazzati più suggestivi dell'arco alpino, nella Valle di Cembra in Trentino, coltivato quasi esclusivamente a vigneto, due generazioni di contadini si raccontano. Rare immagini d'archivio affiancate a quelle di oggi, narrano il lavoro dell'uomo e il ritmo delle stagioni.

Alle ore 20.30 verrà proiettato il film: Il sogno breve di Campochiaro (Italia - 2014) 53 , regia di Renzo Maria Grosselli. Un pugno di boscaioli e segantini della Valle di Fiemme parte con le rispettive famiglie nel 1935 per raggiungere Rodi, possedimento italiano dal 1912, lasciandosi alle spalle una regione in preda ad una crisi profonda. Nell'area dell'Egeo si sta realizzando un progetto per creare una vetrina dell'impero italiano e per questo fanno arrivare i trentini per conservare e sviluppare le foreste locali. Ma la guerra è alle porte.

La rassegna proseguirà nel 2016 al Teatro Miela di Trieste mercoledì 10 febbraio con una serata di arrampicata, alpinismo, sci, esplorazione e avventura con produzioni internazionali, mercoledì 17 febbraio dedicato a Hells Bells Speleo Award (concorso dedicato a produzioni di speleologia) ritornando mercoledì 24 febbraio al KNULP con il Premio Alpi Giulie Cinema La Scabiosa Trenta (premio dedicato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia). ALPI GIULIE CINEMA si svilupperà successivamente anche in varie sedi della nostra regione e, per la prima volta, a Fiume-Rijeka in Croazia.

Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione: Quarto appuntamento

Cinema di Montagna con Alpi Giulie Cinema

Si terrà mercoledì 2 dicembre 2015, con ingresso gratuito, presso il Bar Libreria KNULP in via Madonna del Mare 7/a (Trieste), la quarta giornata della ventiseiesima edizione della Rassegna Alpi Giulie Cinema, organizzata dall Associazione Monte Analogo. Alle 18.00 verrà presentato il film Damnation (Stati Uniti) che documenta per la prima volta la spettacolare rimozione di alcune dighe, costruite tra l Otto e il Novecento con le successive conseguenze sull'ambiente, per riportare i fiumi al loro corso originario. Alle 20.30 ci sarà invece Life in Paradise (Svizzera): il governo svizzero decide di trasformare un ex colonia alpina per ragazzi in un centro per richiedenti asilo, in attesa di rimpatrio. La rassegna si concluderà mercoledì 9 dicembre 2015.

Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione:

Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione: terzo appuntamento.

Si terrà mercoledì 25 novembre 2015, con ingresso libero, al Bar Libreria KNULP, in via Madonna del Mare 7/a (Trieste), la terza giornata della ventiseiesima edizione della Rassegna Alpi Giulie Cinema, organizzata dall Associazione Monte Analogo. Alle 18.00 verrà rappresentato il film L alpinista (Italia): La vita di un operario innamorato dell alpinismo che sogna di scalare le montagne già scalate dai più grandi alpinisti. Alle 20.30 invece ci sarà la rappresentazione di Ninì (Italia): L incontro di due alpinisti, Gabriele e Ninì, che si innamorano ad alta quota.

La rassegna continuerà mercoledì 2 e 9 dicembre 2015.

Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione: secondo appuntamento.

Lunedì 16 novembre alle ore 18.00, presso il Centro Didattico Naturalistico di Basovizza; Roberto Todero, storico ed alpinista triestino, presenterà al pubblico il documentario Vie di Pace che propone alcune riflessioni sulla prima guerra mondiale. Alle ore 17.00 inoltre si svolgerà a cura del Corpo forestale regionale una visita guidata alle mostre naturalistiche realizzate all interno del Centro. Ingresso libero.

Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione: primo appuntamento.

Si terrà lunedì 9 novembre alle ore 18.00 presso l'Auditorium Civico Museo Revoltella di Trieste il primo appuntamento della della rassegna cinematografica "Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione": La Grande Guerra sui ghiacci. Sarà presente anche Marco Preti e ci sarà la presentazione del libro "il ghiacciaio di nessuno" con documentari sugli eventi bellici nel gruppo montuoso dell'Adamello.

Alpi Giulie Cinema - ventiseiesima edizione: conferenza stampa.

Si terrà mercoledì 4 novembre alle ore 11.00 presso il BAR LIBRERIA KNULP (via Madonna del Mare 7/a) di Trieste la conferenza stampa di presentazione della ventiseiesima edizione di ALPI GIULIE CINEMA. La tradizionale rassegna internazionale di cinema e montagna è organizzata da MONTE ANALOGO grazie alla collaborazione del Comune di Trieste e il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste.

DUE PREMI CON "ALPI GIULIE CINEMA"

In parallelo alla ventiseiesima edizione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" organizzata dall’ Associazione Monte Analogo si terranno come di consueto a Trieste i due concorsi Premio La Scabiosa Trenta e HELLS BELLS Speleo Award.

Il termine ultimo per la presentazione scade il giorno 31 dicembre 2015. Il materiale dovrà pervenire presso la sede organizzativa. Per l'iscrizione scaricare i bandi di concorso e le schede di partecipazione dal sito www.monteanalogo.net

Monte Analogo, in molti anni di organizzazione di rassegne cinematografiche e concorsi con tema la cultura e gli sport della montagna, ha accumulato un patrimonio di filmati di alpinismo, speleologia, esplorazione, ricerca etnografica, esperienze terapeutiche, scalate estreme da tutto il pianeta, in files e dvd dal 1989 ad oggi. Si tratta di oltre 300 documenti video, praticamente irreperibili per comuni cittadini, se non presso rari circuiti specializzati, che l’ associazione mette a disposizione ai soci e a tutti i cittadini, giornalisti, studiosi, giovani appassionati attraverso la Mediateca della Montagna organizzata nella propria sede di via Fabio Severo 31 a Trieste, in collaborazione con i volontari di ARCI Servizio Civile.

Il Premio la Scabiosa Trenta, riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente) verrà consegnato il 24 febbraio 2016 al Bar Libreria KNULP quando verranno proiettate le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Il nome del premio richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreta questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. Viene assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna). Il Premio è giunto alla ventunesima edizione.

Dal 2012 si tiene inoltre, in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste, HELLS BELLS Speleo Award. Ultimo nato della famiglia Alpi Giulie Cinema il concorso è dedicato specificamente a documentari, reportages e fiction di speleologia: girati dunque nel complesso e molto poco sconosciuto mondo ipogeo. Creato appena da tre anni, anche grazie alla prestigiosa collaborazione con le sezioni di speleologia del Club Alpino Italiano, il premio ha avuto immediatamente un grande successo, sia di pubblico, anche qui internazionale, sia di opere presentate, le quali hanno messo lo spettatore davanti a una vera e propria maratona visiva di oltre 7 ore! con filmati da Slovenia, Croazia, Francia, Inghilterra, Messico e naturalmente Italia. Non a caso, alcune campane (premi) nelle prime edizioni sono andate anche a produzioni inglesi e messicane. Le produzioni premiate verranno proiettate al Teatro Miela il 17 febbraio 2016.

La ventiseiesima edizione della Rassegna Alpi Giulie Cinema inizierà lunedì 9 novembre 2015 all'Auditorium del Civico Museo Revoltella con una serata dedicata alla Grande Guerra sui ghiacci alla presenza del regista e scrittore Marco Preti che presenterà il suo libro “Il ghiacciaio di nessuno” con documentari sugli eventi bellici nel gruppo montuoso dell'Adamello (RAI – 2014 e Luca Comerio – 1917). Successivamente la Rassegna si terrà al Centro Didattico Naturalistico di Basovizza, al Bar Libreria Knulp e al Teatro Miela.

Alpi Giulie Cinema 2016 si tiene grazie alla partecipazione del Comune di Trieste, il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste, la collaborazione del CAI sezione di Gorizia, Cooperativa Bonawentura e ARCI Servizio Civile.

ALPI GIULIE CINEMA 2015 PINZANO AL TAGLIAMENTO (Pordenone) Sala S.O.M.S.I.

ALPI GIULIE CINEMA è la rassegna di cinema di montagna organizzata da MONTE ANALOGO di Trieste che quest’anno è giunta alla venticinquesima edizione. La rassegna negli anni viene proposta anche a Gorizia, in Carnia e da qualche anno, in versione ridotta, anche a Pinzano. Un traguardo senza dubbio significativo, in mezzo ad una vera e propria tempesta che sta mettendo a dura prova tutta la proposta culturale della nostra regione e del nostro paese. Nonostante i tempi si è sempre riuscito a proporre immagini di alta suggestione e qualità, spesso tornando sui temi delle genti di montagna, con cortometraggi più “sociali” o, se vogliamo, più riflessivi rispetto allo spettacolo e all’emozione pura degli sport alpini. La forza terapeutica dell’avventura, la straordinaria esperienza di vita solitaria, il ritorno alla terra e uno straordinario documento del cinema muto sloveno dei primi anni ‘30 accompagnato da una performance sonora dal vivo saranno le proposte della S.O.M.S.I. di Pinzano al Tagliamento per il prossimo mese di aprile. Le serate ad ingresso libero avranno inizio alle ore 20.00.

Giovedì 16 aprile Voci dal Lagorai (Italia - 2012) 33’, regia Claudio Valeriani Un gruppo di persone e sei asinelli attraversano la catena del Lagorai dalla Valle Campanelle a Valmaggiore. Il gruppo è formato da utenti, familiari, volontari e operatori del Servizio di Salute Mentale di Trento. Si instaura un rapporto di amicizia tra gli asini che portano le tende e i viveri e il gruppo che si gode la passeggiata nella natura. Questo documentario ci fa vedere come una cosa che a tanti sembra normale e banale come il trekking possa diventare un percorso terapeutico che valorizza la partecipazione e il protagonismo delle persone coinvolte.

Guardiano di Stelle (Italia - 2012) 38’, regia Giuseppe Brambilla Alpinista, fotografo, scrittore ispirato di racconti di montagna, cacciatore di emozioni Oreste Forno è anche il guardiano di un impianto idroelettrico nella lombarda Valle di Ratti. Qui c’è il tempo per meditare in solitudine a tu per tu con boschi e rocce.. e le stelle. Guardiano di stelle è la storia dominata dalla passione per la montagna che condiziona ogni scelta di vita, in un suggestivo contesto naturale.

Giovedì 23 aprile Piccola Terra (Italia - 2012) 54’, regia Michele Trentini Piccole “terrazze di terra” un tempo coltivate a tabacco adesso si trovano in uno stato di abbandono e trovano nuovi destini e nuovi proprietari. Proprietari diversi, scelte diverse; c’è chi rimane aggrappato all’antico podere di famiglia, chi si licenza da operaio di una cava per ritrovare se stesso tra i campi, chi venendo dalla città decide di prendersene cura con un nuovo progetto di adozione, chi viene dal Marocco e gestisce una pizzeria e coltivando il sogno dell’integrazione dei propri figli senza però dimenticare i sapori della sua infanzia. Piccola Terra ci racconta il valore universale del legame con la Terra che va oltre gli interessi economici, impedimenti politici o steccati culturali.

Giovedì 30 aprile V kraljestvu Zlatoroga - Nel regno di Zlatorog (Slovenia – 1931) 108’, regia Janko Ravnik 1931. In America veniva proiettato il Frankenstein interpretato da Karloff. In Germania Lang portava in sala il suo primo film sonoro, M – Il mostro di Dusseldorf. In Slovenia invece, un gruppo di appassionati membri del Club Turistico Skala – tra cui il fotoamatore Janko Ravnik – provavano a produrre il primo glorioso film dedicato ai paesaggi sloveni. Ne è uscito V kraljestvu Zlatoroga (Nel regno di Zlatorog) un film muto, un po’ documentario un po’ avventura, che vede protagonisti 3 ragazzi che decidono di affrontare un lungo viaggio per i paesi e villaggi sloveni, con l’obbiettivo finale di scalare il monte Triglav, il monte Tricorno – cima più alta delle Alpi Giulie. Partono da una irriconoscibile, ma già sviluppata, Ljubljana, passano per tanti paesini, fino ad arrivare sullo stupendo lago di Bled, famoso già a quei tempi per il castello arroccato sul fianco e la chiesa in mezzo alle sue acque. Poi Kranjska Gora, città (a quel tempo poco più che un paese) di confine per eccellenza, nella lingua di Slovenia in mezzo a Friuli e Austria. Ma le immagini più belle rimangono quelle sulla campagna e sulla montagna. I 3, seguiti da una troupe straordinariamente preparata e coraggiosa, toccano la vetta a 2.864 metri dopo una scalata incredibile: zero dispositivi e misure di sicurezza, abbigliamento e attrezzatura amatoriale e tanti muscoli. Uno spettacolo con il doppio obbiettivo: un occasione per viaggiare ed esplorare per gli attori/scalatori che stanno davanti alla camera e meravigliare, mostrare angoli sconosciuti e incuriosire chi sta davanti allo schermo. A 84 anni di distanza, questo capolavoro amatoriale di Janko Ravnik, rivive grazie all’Associazione Monte Analogo di Trieste che lo porta alla Sala S.O.M.S.I. di Pinzano al Tagliamento, nella pedemontana pordenonese all’ iniziativa “Un Ponte di Benessere-Open Space” e lo fa musicare dal vivo dal musicista triestino Giorgio De Santi. Un film che vale più di tanti libri di storia.

Con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia e del Comune di Trieste, il patrocinio del Comune di Pinzano al Tagliamento, la collaborazione di ARCI Servizio Civile e dell’Associazione Il Progetto.

Organizzazione: S.O.M.S.I. Pinzano al Tagliamento (PN) somsi.pinzano@gmail.com

XXI Premio Alpi Giulie Cinema la Scabiosa Trenta

A conclusione della Venticinquesima edizione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" si svolgerà giovedì 5 marzo 2015 al Bar Libreria KNULP, in via Madonna del Mare 7/a, a Trieste, il **Premio Alpi Giulie Cinema la Scabiosa Trenta **, riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente), giunto alla ventunesima edizione.

La giuria, composta da Stefano De Franceschi (giornalista), Massimo Gobessi (programmista regista RAI) e Enrico Mosetti (aspirante guida alpina) all'unanimità si è così espressa:

Premio Alpi Giulie la Scabiosa Trenta 2015 a Brez Mej - Senza Confini (Friuli Venezia Giulia)

Anche se il documentario non parla propriamente di alpinismo e scalate, tratta comunque della vita in un piccolo paese di montagna in via di abbandono, delle problematiche e delle opportunità del vivere su un territorio di confine finalmente aperto, della speranza e dell'impegno di un giovane che ha fatto una scelta controcorrente e ha deciso di trasferirsi quassù per vivere, lavorare e per cercare di dare un contributo alla sua rinascita. Si distingue dagli altri documentari per un taglio ed un'impostazione meno classica, in presa diretta, ed una regia pulita senza fronzoli. La fotografia ed il montaggio sono funzionali alla storia. La musica, quando presente, accompagna piacevolmente il racconto. Un premio all'autore per aver individuato una storia originale e coinvolgente, ed uno al protagonista per la sua scelta di vita. In Alto Adige una storia simile la tilizzerebbero per fare promozione del territorio...

A maggioranza, invece, si è così espressa:

Premio Luigi Medeot per il miglior soggetto: L'uomo che sussurrava alle montagne (Friuli Venezia Giulia)

Julius Kugy è sempre Julius Kugy e al Premio Alpi Giulie Cinema non può che essere l'ospite d'onore. In questo filmato, un lungo e preciso susseguirsi di splendide fotografie, l'originalità sta nel fatto che Kugy si racconta in prima persona attraverso alcuni passaggi scelti dei suoi scritti, letti con voce calda e coinvolgente. La musica si accompagna allo stile classico scelto per la narrazione. Consigliato l'uso didattico nelle scuole per far comprendere cosa voleva dire amare, in modo romantico, la montagna.

Menzione speciale: Mira Marko (Slovenia)

La storia della prima grande scalatrice ed alpinista di origini slovene, originale figura vissuta agli inizi del '900, è molto interessante e valeva la pena di essere raccolta e raccontata. Purtroppo la mancanza di immagini e video risalenti all'epoca delle sue imprese ha penalizzato la narrazione e ha costretto il regista ad utilizzare l'escamotage di far ripetere in chiave moderna le scalate compiute all'epoca dalla Marko. Complete ed esaustive le interviste e le estimonianze raccolte che ci consentono di farci un quadro completo della donna e dell'atleta. Le immagini ed il montaggio sono puliti e funzionali al racconto così come le musiche.

Verrà assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna).

Il nome del premio, _ la Scabiosa Trenta _, richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreta questo fiore che ostituisce il principale riconoscimento del concorso. _ la Scabiosa Trenta 2015 _ è stata creata dall artista triestina Cristina Lombardo. Nata a Trieste il 5 giugno 1957, ha studiato nel liceo classico Dante Alighieri di Trieste, dove, seguendo le lezioni di Sergio Molesi, ha indirizzato i suoi interessi al mondo dell arte. Tali interessi si sono poi concretizzati, seguendo i corsi di ceramica del I.R.Fo.P. di Gradisca d Isonzo, e frequentando il laboratorio dello scultore Renzo Possenelli. Nel 2006 ha frequentato il corso per curatori di mostre organizzato dalla galleria d arte slovena A+A di Venezia. Si dedica principalmente alla scultura in argilla ma volentieri sconfina in altri ambiti usando la stoffa, le materie plastiche, il legno e da ultimo la fotografia. Inizia la sua attività espositiva nel 1989. Nel 1990 allestisce la sua prima personale a Trieste con una serie di ritratti scultorei dedicati a donne famose vissute a cavallo tra 800 e 900. Si dedica poi alla scultura di grandi dimensioni ed all installazione e partecipa a varie rassegne di public art (Trieste, Cervignano, Venezia). Organizza workshop e partecipa a concorsi. Nel 2011 viene invitata a partecipare alla Biennale d Arte Diffusa del Friuli Venezia Giulia, Biennale di Venezia. Nel gennaio 2013 partecipa al Progetto Ponte Internazionale di Arte Contemporanea Italia Messico con una mostra collettiva allestita nella città di Oaxaca. Vive e lavora a Trieste.

Le produzioni premiate nelle precedenti edizioni sono state nel 1994 Namastè Annapurna di M. Svetel (Slovenia), nel 1995 Vivere è un pericolo mortale di V. Armar Stih (Slovenia), nel 1996 Insieme sulle vette di M. Arnez (FVG), nel 1997 Timavo: un fiume da proteggere di G. Penco (FVG), nel 1998 Una Salita tra le Giulie di G. Gregorio (FVG), nel 1999 Camanchaca di T. Miklautsch (Carinzia), nel 2000-1 Valentin Stanic di M. Stevel (Slovenia), nel 2002 Ski-Everest di J. Stucin (Slovenia), nel 2003 Mednarodno Leto Gora di M. Stevel (Slovenia), nel 2004 Terske doline in gore di M. Stevel (Slovenia), nel 2005 Oxus Montagne per la pace di G. Gregorio (FVG), nel 2006 Oltarji Špika di B. Mašera (Slovenia), nel 2007 L uomo di stregna di P. Rojatti A. Petricig (FVG), nel 2008 Dežela šerp di M. Žbontar (Slovenia), nel 2009 On the sunny side of the Alps di J. Burger (Slovenia), nel 2010 Giusto Gervasutti, il solitario signore delle pareti di G. Gregorio (FVG), nel 2011 Trenutek Reke/Il Tempo del Fiume di A. Medved e N. Velušcek (FVG), nel 2012 Sfinga di V. Anzeljc e G. Kresal (Slovenia), nel 2013 Wild one A story of Philippe Robiere di J. Breceljinik (Slovenia), nel 2014 Amazonas a sustainable life in the rainforest di Thomas Miklautsch (Carinzia).

la Scabiosa Trenta 2015

Alpi Giulie Cinema 2015 si è tenuta grazie al contributo del Comune di Trieste, il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste, la collaborazione del CAI sezione di Gorizia, Cooperativa Bonawentura, Commissione E.Boegan e ARCI Servizio Civile.

Alpi Giulie Cinema 2015 - Conferenza stampa di presentazione

Nel giugno del 1990, nella saletta di proiezione del teatro Miela di Trieste (antico cinema Aldebaran, allora appena restaurato e restituito alla città attraverso l'operazione Bonawentura ) arrivavano le prime pizze in 35 mm dei film di arrampicata, alpinismo, speleologia, esplorazione e cultura della montagna di quella rassegna che oggi, sotto diverso nome ma coi medesimi promotori, giunge alla venticinquesima edizione. Un appuntamento, divenuto ormai tradizionale, con i migliori cortometraggi provenienti dai più disparati luoghi del mondo, che è vissuto a cavallo tra due secoli, ma soprattutto tra due ere del racconto per immagini e di tutta la comunicazione: quella analogica e quella digitale. Con falsa modestia Monte Analogo lo annuncia come un traguardo non indifferente, dentro ad una sottocultura del visivo che ormai tutto tritura e dimentica in fretta; dentro ad una nicchia di appassionati, che rappresenta una esigua minoranza. Assieme alla rassegna vera e propria, Monte Analogo è riuscita negli anni anche a promuovere ben due concorsi cinematografici legati agli ambienti ed ai personaggi delle Alpi Orientali, e a quei pazzi sulle macchine volanti che affrontano, silenziosi ed ignorati, gli abissi di questo pianeta.

Come di consueto si inizierà al Miela: la prima giornata sarà interamente dedicata a immagini di arrampicata, alpinismo, sci, esplorazione e avventura con produzioni internazionali mentre la seconda giornata sarà tutta dedicata alla speleologia con il Premio HELLS BELLS. La conclusione, dedicata al XXI Premio Alpi Cinema La Scabiosa Trenta , sarà invece ospitata al Bar Libreria KNULP.

La venticinquesima edizione della Rassegna Alpi Giulie Cinema inizierà quindi giovedì 19 febbraio 2015 per proseguire giovedì 26 febbraio e 5 marzo, grazie al contributo del Comune di Trieste, il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste, la collaborazione del CAI sezione di Gorizia, CAI Società Alpina delle Giulie Commissione Grotte E.Boegan, Cooperativa Bonawentura e ARCI Servizio Civile.

Presentata la 25° edizione

Si è tenuta venerdì 14 novembre al Bar Libreria KNULP di Trieste la conferenza stampa di presentazione della venticinquesima edizione della rassegna cinematografica ALPI GIULIE CINEMA.

Giuliano Gelci, coordinatore organizzativo dell'iniziativa, ha iniziato con un un passaggio veloce sui venticinque anni di Cinema di Montagna a Trieste iniziata sotto diverso nome ma fisicamente sempre con gli stessi promotori. Si era costituita localmente la Lega Montagna dell’UISP (struttura parallela ma con una visione "un poco diversa", al CAI) condividendo la rassegna a livello nazionale all’inizio per poi diventare gli stessi promotori e organizzatori in tutta Italia.Poi svariati motivi, in primis tenere in piedi una rassegna nazionale con zero fondi di partenza, crisi delle aziende sponsorizzatrici ma anche, di conseguenza, costruire rapporti con gli enti locali con cui collaborare e non più nazionali, ha fatto nascere, da zero, nel 2006 (8 settembre) MONTE ANALOGO.

Nuove collaborazioni, sponsor locali, istituzioni disponibili hanno permesso di sviluppare idee e creatività aggiustando anno per anno la rassegna diventando quella che è oggi.

Nel mezzo c’è l’ideazione del Premio Alpi Giulie “La Scabiosa Trenta” (quest’anno 21a edizione), c’è il concorso Hells Bells dedicato alla speleologia (quest’anno alla quarta edizione), c’è una convenzione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Trieste per lo svolgimento di stage. C’è infine una cosa importante: MONTE ANALOGO è socia di ARCI Servizio Civile. Molti giovani si avvicinano quindi alla montagna e alla cultura della montagna grazie a queste attività e sono pezzi insostituibili nell’aspetto organizzativo (ricerca dei film, traduzioni, comunicazioni, ecc.).

Gelci, infine, si è rammaricato di alcune cose che MONTE ANALOGO non è riuscito a fare. Sicuramente una è la mediateca. 25 anni di cinema di montagna significa anche avere qualcosa come 400 e passa produzioni ma che per svariati motivi, sicuramente uno è stato un black out informatico, l'associazione non è riuscita a mettere ancora a disposizione degli interessati, in particolare degli studenti.

Sergio Serra, presidente di MONTE ANALOGO, prendendo la parola ha giustamente parlato di un futuro incerto, di un rischio concreto della rassegna dovuto al passaggio dal mondo analogico al mondo digitale delle produzioni che l'associazione propone annualmente che può facilitare, assieme alla crisi generale, l’estinzione di questa esperienza. E non solo quella di MONTE ANALOGO.

Ci ha fatto prendere fiato quest’anno, dopo anni, continua Serra, la presenza degli Enti locali e quindi va ricordato l'intervento del Comune di Trieste e della Regione Friuli Venezia Giulia.

La rassegna inizierà mercoledì 19 novembre 2014 al Bar Libreria KNULP a Trieste con 4 appuntamenti per poi spostarsi al Teatro Miela, sempre a Trieste, nel mese di febbraio del 2015. Sempre a febbraio sono previste 4 date al Kulturni Dom di Gorizia mentre in aprile ALPI GIULIE CINEMA si terrà nella provincia di Pordenone alla Sala SOMSI di Pinzano al Tagliamento con altre 3 date

SERVIZIO CIVILE E AMBIENTE

L'iniziativa rientra nel progetto: “L’educazione ambientale come terreno di cittadinanza per una società capace di futuro" che prevede una serie di attività di educazione ambientale finalizzate a sensibilizzare i giovani all'importanza della salvaguardia della natura ed a creare uno stretto rapporto con il territorio, inteso nel senso più ampio del termine, non solo come luogo, ma soprattutto come cittadinanza.

Le attività inizieranno nel mese di ottobre 2014 e termineranno nella primavera del 2015 e si concretizzano, nella prima fase:

  • 18 ottobre Puliamo il boschetto
  • 25 ottobre Passeggiata nel boschetto del Farneto con la Guardia Forestale per conoscere gli alberi
  • 9 novembre Lettura nel boschetto

ARCI Servizio Civile, assieme a Legambiente Circolo Verdeazzurro Trieste, Bioest e la Pro Loco di S.Giovanni Cologna, è consapevole dell’importanza di questo importante momento di sinergia tra le varie realtà, istituzionali e non, che trovano in questa iniziativa occasioni per un lavoro di rete futuro.

Sarà presente con i suoi giovani già dalla prima giornata sabato 18 ottobre 2014 e invita tutti i giovani a partecipare a questo percorso di cittadinanza attiva e partecipata che come obiettivo quello di sviluppare nei cittadini il senso di responsabilità e di rispetto verso l’ambiente e il senso di appartenenza al territorio.
All’appuntamento (ore 10.00 al Ferdinandeo) possono partecipare tutte le persone che hanno a cuore l'ambiente, basta munirsi di buste di plastica, guanti robusti, portare un abbigliamento e scarpe adeguate e …… tanta buona volontà (del materiale sarà comunque messo a disposizione dall’organizzazione).

DUE PREMI CON "ALPI GIULIE CINEMA"

Il termine ultimo per la presentazione scade il giorno 31 dicembre 2014. Il materiale dovrà pervenire presso la sede organizzativa. Per l'iscrizione scaricare i bandi di concorso e le schede di partecipazione dal sito www.monteanalogo.net

Monte Analogo (dal titolo dell omonimo libro di René Daumal, un classico della letteratura di montagna) è il nome assunto dall Associazione costituita a Trieste, che opera in tutta la Regione Friuli Venezia Giulia, e che mira a sviluppare e dare un nuovo impulso alla divulgazione, alla didattica e alla diffusione di immagini e materiale riguardo alle vette di tutto il mondo e ai protagonisti di viaggi, spedizioni e attività sportive nell ambito di un percorso dell impegno ambientale.

Monte Analogo, in molti anni di organizzazione di rassegne cinematografiche e concorsi con tema la cultura e gli sport della montagna, ha accumulato un patrimonio di filmati di alpinismo, speleologia, esplorazione, ricerca etnografica, esperienze terapeutiche, scalate estreme da tutto il pianeta, in files e dvd dal 1989 ad oggi. Si tratta di oltre 300 documenti video, praticamente irreperibili per comuni cittadini, se non presso rari circuiti specializzati, che l associazione mette a disposizione ai soci e a tutti i cittadini, giornalisti, studiosi, giovani appassionati attraverso la Mediateca della Montagna organizzata nella propria sede di via Fabio Severo 31 a Trieste, in collaborazione con i volontari di ARCI Servizio Civile. Il Premio la Scabiosa Trenta, riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente) verrà consegnato il 26 febbraio 2015 al Bar Libreria KNULP quando verranno proiettate le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Il nome del premio richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreta questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. Viene assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna). Il Premio è giunto alla ventunesima edizione.

Dal 2012 si tiene inoltre, in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste, HELLS BELLS Speleo Award. Ultimo nato della famiglia Alpi Giulie Cinema il concorso è dedicato specificamente a documentari, reportages e fiction di speleologia: girati dunque nel complesso e molto poco sconosciuto mondo ipogeo. Creato appena da tre anni, anche grazie alla prestigiosa collaborazione con le sezioni di speleologia del Club Alpino Italiano, il premio ha avuto immediatamente un grande successo, sia di pubblico, anche qui internazionale, sia di opere presentate, le quali hanno messo lo spettatore davanti a una vera e propria maratona visiva di oltre 7 ore! con filmati da Slovenia, Croazia, Francia, Inghilterra, Messico e naturalmente Italia. Non a caso, alcune campane (premi) nelle prime edizioni sono andate anche a produzioni inglesi e messicane. Le produzioni premiate verranno proiettate al Teatro Miela il 19 febbraio 2015.

La venticinquesima edizione della Rassegna Alpi Giulie Cinema inizierà mercoledì 19 novembre 2014 al Bar Libreria KNULP con una serata storica dedicata all alpinismo, climbing e avventura di montagna, grazie al contributo del Comune di Trieste, il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste, la collaborazione del CAI sezione di Gorizia e Cooperativa Bonawentura.

ALPI GIULIE CINEMA - Tirocinio per studenti universitari

In particolare il giovane si occuperà in questo periodo dell’organizzazione della rassegna “Alpi Giulie Cinema” con ruoli di assistenza al coordinamento tecnico, all’ospitalità e alla comunicazione dell’evento. Lo stage è un’attività che si svolge all’esterno dell’università presso enti, ditte, istituzioni o privati. È anche un adempimento che l’attuale ordinamento di legge prevede per gli Atenei e le Facoltà. Gli studenti interessati sono invitati a contattare MONTE ANALOGO per concordare le modalità di svolgimento dello stage. Si rimanda al sito dell'Università di Trieste per ulteriori dettagli.

Incontro "L'idea di alpinismo"

Andrea Zannini (Università di Udine) converserà con Franco Perlotto (guida alpina e scrittore), Maurizio Fermeglia (Rettore dell Università di Trieste) e Paolo Pezzolato (alpinista).

Sabato 4 ottobre, presso i Giardini Pubblici di Corso Verdi, con orario 10.00-13.00 e 14.00-19.00 si terranno invece: - attività pratica promozionale rivolta alla cittadinanza e agli Istituti Scolastici: Arrampicata Sportiva con istruttori Scuola Isontina Alpinismo e Alpinismo Giovanile su Torre Attrezzata , Mountain Bike con UC Caprivesi e MTB CAI, Nordic Walking con istruttore qualificato, Speleologia a cura del Gruppo Speleo Bertarelli con visite ai sotterranei di Gorizia alle ore 11.00-15.00/16.00-17.00 - Workshop ore 14.30 Montagna amica e sicura ore 15.15 Medicina in montagna ore 16.00 ARPA Friuli Venezia Giulia ore 16.45 Soccorso Alpino ore 17.30 Protezione Civile ore 18.15 Esibizione del Coro Monte Sabotino In caso di maltempo tempo tutte le attività previste per la giornata del sabato, tranne le visite ai sotterranei, si svolgeranno nella sala maggiore dell UGG. Riprendono inoltre gli incontro domenicali alla Casa Cadorna, al Colle Nero sopra il Lago di Doberdò. Domenica 5 ottobre alle ore 11.30 lo scrittore veneziano Paolo Ganz presenterà il suo libro Adriatico, piccolo taccuino di viaggio mentre domenica 16 novembre, nel terzo anniversario della scomparsa di Carlo Gasparini, sarà ospite lo scrittore e poeta triestino Fulvio Segato.

ALPI GIULIE CINEMA - Venticinquesima edizione

Sono previste produzioni provenienti oltre che dall'Italia, dagli Stati Uniti, Norvegia, Germania, Inghilterra, Grecia, Svizzera, Canada, Olanda, Slovenia. Il gruppo di lavoro (aperto a tutte le auspicabili collaborazioni) si ritrova nella sede di Via Fabio Severo 31 a Trieste (+39 040 761683 oppure +39 335 5279319) ogni mercoledì dalle 15.00 alle 17.00.

Timavo system exploration 2013-2014

Il giorno sabato 19 Luglio alle ore 21.00 verrà proiettato al cinema dei Fabbri a Trieste un film documentario sull'esplorazione del Fiume Timavo. Il documentario è stato girato negli anni 2013 e 2014 da un gruppo di speleologi triestini e spleosub francesi uniti alla ricerca del fiume Timavo. Il biglietto d'ingresso costerà 3 euro. Film di Benjamin Guignet & Giacomo Marsi.

Un film che vale più di tanti libri di storia - V kralijestvu Zlatoroga (Nel Regno di Zlatorog)

  1. In America veniva proiettato il Frankenstein interpretato da Karloff. In Germania Lang portava in sala il suo primo film sonoro, M Il mostro di Dusseldorf. In Slovenia invece, un gruppo di appassionati membri del Club Turistico Skala tra cui il fotoamatore Janko Ravnik provavano a produrre il primo glorioso film dedicato ai paesaggi sloveni. Ne è uscito V kraljestvu Zlatoroga (Nel regno di Zlatorog) un film muto, un po documentario un po avventura, che vede protagonisti 3 ragazzi che decidono di affrontare un lungo viaggio per i paesi e villaggi sloveni, con l obbiettivo finale di scalare il monte Triglav, il monte Tricorno cima più alta delle Alpi Giulie. Partono da una irriconoscibile, ma già sviluppata, Ljubljana: il mercato all aperto, le fabbriche, i contadini, i bar, i mezzi di trasporto, le acciaierie Passano per tanti paesini, fino ad arrivare sullo stupendo lago di Bled, famoso già a quei tempi per il castello arroccato sul fianco e la chiesa in mezzo alle sue acque. Poi Kranjska Gora, città (a quel tempo poco più che un paese) di confine per eccellenza, nella lingua di Slovenia in mezzo a Friuli e Austria. Ma le immagini più belle rimangono quelle sulla campagna e sulla montagna. Gli uomini che falciano o tagliano la legna, le donne che imballano il fieno o mungono le capre. Faticosissime favole di altri tempi. E poi le tende, i vestiti, il fuoco, i picchetti, gli sci e le corde per dominare le vette. Altre fatiche, ma altre grandi soddisfazioni. I 3, seguiti da una troupe straordinariamente preparata e coraggiosa (certe riprese ce le scordiamo anche oggi senza computer), toccano la vetta a 2.864 metri dopo una scalata incredibile: zero dispositivi e misure di sicurezza, abbigliamento e attrezzatura amatoriale e tanti muscoli. Uno spettacolo con il doppio obbiettivo: un occasione per viaggiare ed esplorare per gli attori/scalatori che stanno sta davanti alla camera e meravigliare, mostrare angoli sconosciuti e incuriosire chi sta davanti allo schermo. A 83 anni di distanza, questo capolavoro amatoriale di Janko Ravnik, rivive grazie all Associazione Monte Analogo di Trieste che lo porta a Campo Sacro Božje Polje a Sgonico (sul carso triestino) all iniziativa Trieste on Sight e lo fa musicare dal vivo dal musicista triestino Giorgio De Santi. Un film che vale più di tanti libri di storia. L appuntamento è sabato 28 giugno 2014 alle ore 20.00 (ingresso libero)

ALPI GIULIE CINEMA - Ultima serata nella pedemontana pordenonese

Si terrà venerdì 2 maggio 2014 alle ore 21.00 nella Sala S.O.M.S.I. di Pinzano al Tagliamento, nella pedemontana pordenonese, con ingresso libero, la quarta serata della rassegna "Alpi Giulie Cinema 2014", organizzata da Monte Analogo in collaborazione con la locale S.O.M.S.I. e con il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e del Comune di Pinzano al Tgliamento. Verrà proposto il film FRIULI MANDI NEPAL NAMASTE di Giorgio Gregorio. Il film, girato in quindici giorni e nato grazie alla collaborazione fornita dalla Regione Friuli Venezia Giulia alla Onlus del tarvisiano, mette a confronto il Friuli di ieri ed il Nepal di oggi, raccontando il lavoro, i progetti portati a termine, e quelli futuri, per dare aiuto a chi vive, come ogni alpinista sogna, tra le montagne. Sarà presente alla serata il presidente della Onlus Friuli Mandi Nepal Namaste, Massimo Rossetto.

ALPI GIULIE CINEMA nella Pedemontana Pordenonese

La S.O.M.S.I. di Pinzano al Tagliamento in collaborazione con Monte Analogo e con il patrocinio del Comune di Pinzano al Tagliamento prganizza presso la propria sala nella piazza del paese (edificio rosso sopra il bar) ad INGRESSO LIBERO! VENERDI 04 APRILE 2014 ore 20.30 LA DURA DURA Stati Uniti, 2012, 28' , regia Josh Lowell THE WAITING GAME Italia, 2013, 41' , regia Emilio Previtali PETZL ROCTRIP CHINA Francia, 2012, 23' , regia Vladimir Cellier presenta Giuliano Gelci (Monte Analogo Trieste) GIOVEDI 10 APRILE 2014 ore 20.30 LIBRI E NUVOLE Italia, 2013, 95', regia Pier Paolo Giarolo presenta Francesco Destro (Biblioteca Comunale di Pinzano) GIOVEDI 17 APRILE 2014 ore 20.30 IL RIFUGIO Italia, 2012, 52' , regia Vincenzo Mancuso IL LUSSO DELLA MONTAGNA Italia, 2012, 34 , regia Valentina De Marchi VENERDI 02 MAGGIO 2014 ore 21.00 FRIULI MANDI NEPAL NAMASTE Italia, 2013, 60 regia Giorgio Gregorio presenta Massimo Rossetto (Friuli Mandi Nepal Namastè Onlus)

ALPI GIULIE CINEMA - Premio la "Scabiosa Trenta 2014"

E’ terminata giovedì 20 febbraio 2014 al Bar Libreria KNULP di Trieste, con grande successo di pubblico, la rassegna ALPI GIULIE CINEMA (cinema di montagna) organizzata dall’Associazione MONTE ANALOGO.

L’ultima giornata era dedicata alla premiazione e proiezione delle opere scelte dalla Giuria del “Premio Alpi Giulie Cinema”, giunto alla ventesima edizione, riservato alle produzioni cinematografiche di autori della Carinzia, Friuli Venezia Giulia e Slovenia. Al regista del miglior video è stata assegnata la “SCABIOSA TRENTA”, fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Quest’anno il premio è stato realizzato dal fotografo goriziano Franco Spanò, presente in sala.

Sono stati premiati come miglior film “Premio Alpi Giulie Cinema 2014” il carinziano Thomas Miklautsch, produttore del film "Amazonas - a sustainable life in the rainforest” con la “SCABIOSA TRENTA”, principale riconoscimento del concorso e lo sloveno Miha F.Kalan, regista del film “Na Pogled” con il premio in memoria “Luigi Medeot” come miglior soggetto.

Erano presenti in sala anche molti registi e protagonisti delle dieci produzioni presentate nella lunga maratona che hanno potuto illustrare le loro produzioni.

XX Premio Alpi Giulie Cinema la Scabiosa Trenta

A conclusione della Ventiquattresima edizione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" si svolgerà giovedì 20 febbraio 2014 al Bar Libreria KNULP, in via Madonna del Mare 7/a, a Trieste, il Premio Alpi Giulie Cinema la Scabiosa Trenta , riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente), giunto alla ventesima edizione.

Programma: Ore 18.00 Soča Outdoor Festival 4 (Slovenia) Il grande salto 19 (Friuli Venezia Giulia) Planet Slovenija 25 (Slovenia) Kajak potovanje Čile Argentina 5 (Slovenia) 100 anni dopo 31 (Friuli Venezia Giulia) Gremo na Kum 32'(Slovenia) Lost in Bosnia 22 (Friuli Venezia Giulia) Ore 20.30 Premiazioni Ore 21.00 Amazonas A sustainable life in the rainforest 36 (Carinzia) Na Pogled 20 (Slovenia) Friuli Mandi Nepal Namaste 60 (Friuli Venezia Giulia)

Il XX Premio Alpi Giulie Cinema la Scabiosa Trenta è stato realizzato dal fotografo Franco Spanò. Nato nel 1966 a Gorizia dove vive e lavora. Fotografo autodidatta, dal 1993 ha partecipato a diverse esposizioni personali e collettive. Utilizza la tecnica dell esposizione multipla, in genere da due a quattro scatti sovrapposti eseguiti con apparecchio reflex analogico. Dal 2005 organizza e dirige le attività dell associazione culturale per la promozione delle arti contemporanee Prologo di Gorizia. Verrà assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna).

ALPI GIULIE CINEMA - HELLS BELLS SPELEO AWARD 2014

Si è tenuta giovedì 13 febbraio 2014 al Teatro Miela di Trieste la seconda serata della rassegna Alpi Giulie Cinema organizzata dall Associazione Monte Analogo. Una giornata interamente dedicata alla speleologia nel mondo dove sono stati proiettati ben 15 corti e lungometraggi che hanno partecipato al premio Hells Bells Speleo Award 2014. Alla presenza di un folto pubblico e di parecchi autori e registi dei filmati presentati, la giuria, composta da Louis Torelli, Mario Gherbaz, Riccardo Corazzi e Sergio Serra, si è così espressa:

Primo premio, campana d'oro, assegnata all'unanimità a "SUPRAMONTE" di Luca Melis. Un documentario in perfetto equilibrio tra immagine e suono che conduce lo spettatore in un mondo nascosto di tradizione, esplorazione speleologica e archeologia nel cuore di roccia della Sardegna antica e attuale.

Secondo premio, campana d'argento, assegnata a maggioranza a "SIFONE IVANO" di Luca Pedrali. Reportage di esplorazione che restituisce allo spettatore, in modo essenziale ed efficace, l'intensa emozione di una esplorazione speleosubacquea oltre i 1000 m di profondità, con le immagini autentiche così come vissute in prima assoluta dal protagonista.

La giuria ha inoltre menzionato le seguenti opere:

"LAPIS SPECULARIS" di Danilo Demaria, per l'originale ricostruzione storica dell'antico rapporto dell'uomo con il mondo ipogeo, sorprendentemente incrociato con quello di oggi.

"DAVORJEVO BREZNO" di Antonio Giacomin, come lavoro che valorizza efficacemente gli ambienti ipogei della nostra area, attraverso una vera e propria sceneggiatura ed un montaggio magistrale.

Speleologia con ALPI GIULIE CINEMA 2014

Giovedì 13 febbraio 2014 si terrà, la seconda serata della rassegna Alpi Giulie Cinema organizzata dall associazione Monte Analogo. Al Teatro Miela, in Piazza Duca degli Abruzzi 3 a Trieste (ingresso €5,00), verrà presentata una magnifica serata dedicata alla speleologia nel mondo. Dalle ore 18.00 alle 23.00, con solo una brevissima interruzione, verranno proiettati ben 15 corti e lungometraggi che hanno partecipato al premio Hells Bells Speleo Award 2014. (ingresso unico 5,00 €)

Programma

ore 18.00 _Rana Pisatella_35 Sandro Sedran (Italia) _Geheimnisvolle Tiefe_25 Georg Wilhelm Pabst Estratto storico del 1949 (Austria) _Pala in groppa tutti in grotta_17 Daniela Perhinek (Italia) _Experiences_10 Fabio Bollini (Italia) _Inghiottitoio Sterna_20 Paride Peric , Jasmina Jovic (Croazia) _Grotta Aladino_6 Luca Pedrali (Italia) _Esplorazioni - Sorgente Tufere_14 Luca Pedrali (Italia) _Esa 2013_10 Vittorio Crobu, Sirio Sechi (Italia) _Dentro il Sebino_22 Max Pozzo (Italia)

ore 21.00 _Supramonte_30 Davide Melis (Italia) _Sifone Ivano_10 Luca Pedrali (Italia) _Lapis Specularis, la luminosa trasparenza del gesso_12 Danilo Demaria (Italia) _Una grotta da record_10 Fabio Bollini (Italia) _Davorjevo Brezno _15 Antonio Giacomin (Italia) _Auyan (Tepui)_6 Vittorio Crobu (Italia)

ALPI GIULIE CINEMA 2014

Si è tenuta venerdì 31 gennaio 2014 al Teatro Miela di Trieste la conferenza stampa di presentazione della ventiquattresima edizione della rassegna di cinema di montagna “ALPI GIULIE CINEMA” organizzata dall’Associazione MONTE ANALOGO.

Un traguardo senza dubbio significativo, in mezzo ad una vera e propria tempesta che sta mettendo a dura prova tutta la proposta culturale della nostra regione e del nostro paese.

Si inizierà giovedì 6 febbraio con una magnifica carrellata di performance estreme di alpinismo, arrampicata sportiva, avventura proponendo un documento storico, un film sloveno del 1932, muto come da tradizione dell’epoca: Triglavske Strmine di Ferdo Delak, proseguendo con altri 4 film che arrivano dagli Stati Uniti, Francia, Austria e Italia.

Seconda serata il 13 febbraio con il Premio “Hells Bells”, maratona di ben 13 video di speleologia.

La terza serata (20 febbraio) festeggia invece il suo ventesimo compleanno il concorso “Scabiosa Trenta Premio Alpi Giulie Cinema” dedicato agli autori di produzioni cinematografiche dedicate alla montagna provenienti dal Friuli Venezia Giulia, Carinzia e Slovenia. Sono 10 i filmati pervenuti e che verranno proposti.

Le prime due serate si terranno al Teatro Miela (ingresso 5 €), la terza al Bar Libreria KNULP (ingresso libero).

“ALPI GIULIE CINEMA”: una tre giorni no stop (dalle ore 18.00 alle 23.00) di immagini, emozioni e suggestioni della montagna.

Alpi Giulie Cinema su TV Koper-Capodistria

Ogni Venerdì alle ore 20.00 su TVKoper va in onda "K2-LA MONTAGNA E LE SUE GENTI" a cura di Stefano De Franceschi. Ampi servizi con immagini vengono realizzati su “Alpi Giulie Cinema”. Tutte le puntate si possono vedere comodamente sulla nuova pagina dell’archivio di TeleCapodistria: http://www.rtvslo.si/tvcapodistria/archivio/show/30. Buona visione!

Alpi Giulie Cinema 2014

Festeggia il suo ventesimo compleanno il concorso “Scabiosa Trenta Premio Alpi Giulie Cinema”, organizzato dall'Associazione Monte Analogo dentro la rassegna di cinema di montagna che porta lo stesso nome; giunta, a sua volta, alla ventiquattresima edizione. Un traguardo senza dubbio significativo, in mezzo ad una vera e propria tempesta che sta mettendo a dura prova tutta la proposta culturale della nostra regione e del nostro paese. Venti sono state anche le opere d'arte, tutte diverse tra loro, che hanno rappresentato altrettanti "trofei" nelle mani di autori di Friuli Venezia Giulia, Carinzia e Slovenia ai quali il concorso è tradizionalmente dedicato. Come di consueto, la premiazione e la proiezione dei film premiati concluderà anche questa edizione del contenitore di immagini, emozioni e suggestioni della montagna che è Alpi Giulie Cinema 2013/14. Molto più giovane, ma di grande successo, prosegue l'avventura di Hells Bells, maratona di video di speleologia che si conclude con l'assegnazione delle campane d'oro e d'argento. Nel mezzo tante immagini di arrampicata, alpinismo e un particolare omaggio ai pionieri sloveni delle Alpi Giulie (con una proiezione del 1932!).

VENERDI’ 31 GENNAIO 2014 alle ore 10.30 al Teatro Miela in Piazza Duca degli Abruzzi 3 a Trieste si terrà la presentazione ufficiale

BOFF (Bovec Outdoor Film Festival) 28-30 dicembre 2013 (settima edizione)

La giuria del festival, composta da Karmen Tomšič, Stefano De Franceschi, Boštjan Mašera e Klemen Premrl, ha assegnato i seguenti premi: Vincitore nella categoria Natura ed Ecologia: Stand (Canada) Vincitore nella categoria Sport e Azione - Short: Swissman Xtreme Triathlon 2013 (Svizzera) Vincitore nella categoria Sport e Azione - Long: Valhalla (USA) Premio speciale della giuria: The Water Tower (USA) Premio speciale del pubblico: The Sensei (USA)

DUE PREMI CON "ALPI GIULIE CINEMA"

In parallelo alla ventiquattresima edizione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" organizzata dall Associazione Monte Analogo si terranno come di consueto a Trieste i due concorsi Premio La Scabiosa Trenta e HELLS BELLS Speleo Award . Il termine ultimo per la presentazione scade il giorno 31 dicembre 2013. Il materiale dovrà pervenire presso la sede organizzativa. Per l'iscrizione scaricare i bandi di concorso e le schede di partecipazione dal sito www.monteanalogo.net. Monte Analogo (dal titolo dell omonimo libro di René Daumal, un classico della letteratura di montagna) è il nome assunto dall Associazione costituita a Trieste, che opera in tutta la Regione Friuli Venezia Giulia, e che mira a sviluppare e dare un nuovo impulso alla divulgazione, alla didattica e alla diffusione di immagini e materiale riguardo alle vette di tutto il mondo e ai protagonisti di viaggi, spedizioni e attività sportive nell ambito di un percorso dell impegno ambientale. Monte Analogo, in molti anni di organizzazione di rassegne cinematografiche e concorsi con tema la cultura e gli sport della montagna, ha accumulato un patrimonio di filmati di alpinismo, speleologia, esplorazione, ricerca etnografica, esperienze terapeutiche, scalate estreme da tutto il pianeta, in files e dvd dal 1989 ad oggi. Si tratta di oltre 300 documenti video, praticamente irreperibili per comuni cittadini, se non presso rari i circuiti specializzati, che l associazione mette a disposizione ai soci e a tutti i cittadini, giornalisti, studiosi, giovani appassionati attraverso la Mediateca della Montagna organizzata nella propria sede di via Fabio Severo 31 a Trieste, in collaborazione con i volontari di ARCI Servizio Civile. Il Premio la Scabiosa Trenta , riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente) verrà consegnato il 20 febbraio 2014 al Bar Libreria KNULP quando verranno proiettate le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Il nome del premio richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreta questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. Viene assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna). Il Premio è giunto alla ventesima edizione. Dal 2012 si tiene inoltre, in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste, HELLS BELLS Speleo Award . Ultimo nato della famiglia Alpi Giulie Cinema il concorso è dedicato specificamente a documentari, reportages e fiction di speleologia: girati dunque nel complesso e molto poco sconosciuto mondo ipogeo. Creato appena da due anni, anche grazie alla prestigiosa collaborazione con le sezioni di speleologia del Club Alpino Italiano, il premio ha avuto immediatamente un grande successo, sia di pubblico, anche qui internazionale, sia di opere presentate, le quali hanno messo lo spettatore davanti a una vera e propria maratona visiva di oltre 7 ore! con filmati da Slovenia, Croazia, Francia, Inghilterra, Messico e naturalmente Italia. Non a caso, alcune campane (premi) nelle prime edizioni sono andate anche a produzioni inglesi e messicane. Le produzioni premiate verranno proiettate al Teatro Miela il 13 febbraio 2014. La ventiquattresima edizione della Rassegna Alpi Giulie Cinema inizierà giovedì 6 febbraio 2014 al Teatro Miela con una serata dedicata all alpinismo, climbing e avventura di montagna, grazie al contributo del Comune di Trieste, il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste.

ALPI GIULIE CINEMA A TRIESTE

Mentre è terminata la rassegna ALPI GIULIE CINEMA di Gorizia con una discreta affluenza di pubblico (certi minimi cali di presenza sono stati dovuti principalmente a fattori atmosferici!) l’iniziativa ha preso avvio invece mercoledì scorso (20 novembre) a Trieste in un nuovo particolare contesto il bar libreria KNULP, in via Madonna del Mare 7/a a Trieste). Come di consueto non è un programma scontato di film di montagna bensì di documenti visivi che trattano anche il tema della solidarietà, dell’ambiente, della vita sociale. Iniziato con Libros y nubes, film italiano premiato al Trento Film Festival 2013 e girato tra le valli e i villaggi rurali delle Ande peruviane, al seguito dei volontari che cercano di preservare e difendere la cultura e la sapienza tradizionale mercoledì 27 novembre verranno proposti due film che avranno come centro d'attenzione il rifugio alpino e l'evoluzione che questa struttura fondamentale per l'alpinista e l'escursionista, ma anche per il turismo montano, ha subito negli anni, in questi ultimi in maniera particolare, coinvolgendo le strutture delle costruzioni ma anche la componente umana e l'offerta dell'ospitalità. (Il lusso della montagna e Il rifugio). Mercoledì 4 dicembre verrà proiettato invece il film belga Le Thé ou l’Electricité (epico e comico racconto di come l'energia elettrica arriva finalmente in un piccolo villaggio isolato nel mezzo dell'Alto Atlante marocchino) mentre mercoledì 11 dicembre verranno proposti due film (Conversazioni all’aria aperta e Il turno di notte lo fanno le stelle) che hanno come fine la divulgazione e la consapevolezza dell'importanza della donazione degli organi. La serata è stata organizzata in collaborazione con l’ ADMO, l' associazione dei donatori di midollo osseo. Due opzioni di orario per tutte le serate: ore 18.00 oppure ore 20.30.

PRESENTATA A TRIESTE ALPI GIULIE CINEMA 2013

Mentre la rassegna è in fase di conclusione a Gorizia, venerdì 15 novembre è stata presentata a Trieste nel bar libreria KNULP l edizione triestina che avrà inizio mercoledì 20 con doppia proiezione (ore 18.00 oppure 20.30). Alla conferenza stampa, Sergio Serra (Presidente), Giuliano Gelci (Responsabile organizzativo) e Riccardo Trulla (antropologo culturale) di Monte Analogo assieme a Hèctor Sommerkamp (Presidente della Consulta Immigrati di Trieste) e Alessandro Comuzzi (Presidente ADMO Trieste), hanno illustrato la ventiquattresima edizione di Alpi Giulie Cinema . Da quest anno la prima parte della rassegna si terrà in un nuovo contesto culturale quale il Bar Libreria KNULP per quattro mercoledì di seguito, come di consueto ad ingresso libero, con documenti visivi legati alle catene montuose del mondo che trattano la presenza dell uomo non solo sotto l aspetto sportivo. Alpi Giulie Cinema 2103 si avvale quest anno del contributo del Comune di Trieste e del patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste nonché della collaborazione del CAI di Gorizia e di ARCI Servizio Civile.

CORSO BASE PER OPERATORI SPORTIVI VOLONTARI UISP

Il Comitato UISP (Unione Italiana Sport Per tutti) di Pordenone organizza il 23-24 e il 29-30 novembre 2013 a Castelnovo del Friuli (PN) un Corso Base per Operatori Sportivi UISP. L’iniziativa, pur denotando una spiccata attenzione per il rispetto dell’ambiente e per la sicurezza, specie in montagna, tratta le più importanti tematiche che un dirigente di associazione dovrebbe conoscere. Il programma prevede infatti, tra l’altro, temi come la conduzione di gruppo in funzione degli obiettivi, i modelli della didattica delle attività motorie, lo sport e la diversa abilità senza tralasciare argomenti quali l’ambiente e sostenibilità e la sicurezza in ambiente naturale. Il corso si tiene in collaborazione con la Lega Montagna UISP Nazionale, il Comitato UISP FVG e l’Associazione “Il Progetto”. Info: (+39) 328 3626494

Conferenza Stampa presentazione Alpi Giulie Cinema 2013

Si terrà VENERDI 15 NOVEMBRE 2013 alle ore 12.00 nel Bar Libreria KNULP, in Via della Madonna del Mare 7/a , a Trieste la presentazione ufficiale di ALPI GIULIE CINEMA Genti & Montagne .

Libri, televisione, un luogo per dormire, una onlus da sostenere....sono aspetti della nostra vita sociale ormai scontati, talmente abituali, da non accorgerci quasi più della loro compagnia consueta, della loro ovvia presenza. Ma tra le montagne del mondo, nel centro Europa di tutti i giorni e in altri mondi più distanti, forse non è proprio così; forse la presenza (o il suo contrario) degli oggetti e dei soggetti quotidiani alle alte quote può rivelarci un valore diverso delle nostre abitudini e delle nostre necessità. Come di consueto, la prima parte della rassegna Alpi Giulie Cinema, da quest'anno ospitata in un nuovo contesto culturale della città di Trieste, si occupa di documenti visivi legati alle catene montuose del mondo che trattano la presenza dell'uomo non sotto l'aspetto sportivo. Non ultimo, il tema della solidarietà, caro a Monte Analogo, attraversa ancora una volta la nostra manifestazione annuale. La ventiquattresima edizione della Rassegna Alpi Giulie Cinema avrà inizio mercoledì 20 novembre 2013 al Bar Libreria KNULP, grazie al contributo del Comune di Trieste, il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste.

ALPI GIULIE CINEMA 2013 a Trieste

Sarè il Bar Libreria KNULP in via della Madonna del Mare 7/a a Trieste ad ospitare la prima parte della rassegna "ALPI GIULIE CINEMA" come di consueto dedicata a "Genti & Montagne".

Quattro le date con doppia proiezione (alle ore 18.00 oppure alle 20.30): 20 novembre, 27 novembre, 4 dicembre, 11 dicembre.

A presto il programma dettagliato.

ALPI GIULIE CINEMA 2013 - MONTI FILM

Si terrà anche quest'anno al Kulturni Dom di via I.Brass a Gorizia la rassegna MONTI FILM - ALPI GIULIE CINEMA organizzata dal CAI di Gorizia assieme a MONTE ANALOGO. Ecco le date: martedì 5, 12 e 19 novembre con doppia proiezione: ore 17.30 e 21.00

ALPI GIULIE CINEMA 2013-14: Tirocinio per studenti universitari

MONTE ANALOGO offre la possibilità di svolgere attività di stage a studenti universitari iscritti alla facoltà di Lettere e Filosofia di Trieste. In particolare il giovane si occuperà in questo periodo dell’organizzazione della rassegna “Alpi Giulie Cinema” con ruoli di assistenza al coordinamento tecnico, all’ospitalità e alla comunicazione dell’evento. Lo stage è un’attività che si svolge all’esterno dell’università presso enti, ditte, istituzioni o privati. È anche un adempimento che l’attuale ordinamento di legge prevede per gli Atenei e le Facoltà. Gli studenti interessati sono invitati a contattare MONTE ANALOGO per concordare le modalità di svolgimento dello stage. Si rimanda al sito dell'Università di Trieste per ulteriori dettagli.

Servizio Civile con Monte Analogo

ARCI Servizio Civile è la più grande associazione di scopo italiana dedicata esclusivamente al servizio civile che mette a disposizione dei giovani dai 16 ai 28 anni l’opportunità di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno nell’ambito della promozione di una cultura di pace e solidarietà, di educazione e promozione culturale e alla pratica sportiva, di salvaguardia e tutela dell’ambiente. In quest’ambito il 13 maggio 2013 è uscito il bando Servizio Civile Solidale rivolto a giovani di 16-17 anni che ha visto ARCI Servizio Civile del Friuli Venezia Giulia partecipare con quattro progetti di cui uno in particolare avrà come principali attività previste l'organizzazione di eventi e l'affiancamento nel campo della comunicazione e informazione (grafica, fotografia, informatica, ufficio stampa, ...). La sede operativa sarà in via Fabio Severo 31 a Trieste dove già si possono chiedere informazioni più dettagliate. I giovani interessati possono presentare la domanda direttamente all’ARCI Servizio Civile entro il 10 giugno 2013, con probabile inizio servizio nel mese di luglio, al termine dell’anno scolastico. L’impegno dei giovani è di 360 ore distribuite nell’arco dell’anno scolastico che non andranno ad intaccare lo studio o gli impegni personali ma anzi saranno occasione di formazione civica, sociale, culturale e professionale. E’ previsto un riconoscimento economico pari a 892,38 euro. Secondo le notizie più recenti il bando Servizio Civile Nazionale (18/28 anni) sarà invece emesso non prima di settembre.

Per info: Arci Servizio Civile via Fabio Severo 31 34133 Trieste tel. 040 761683
www.arciserviziocivilefvg.org trieste@arciserviziocivile.it

TRIESTE ON SIGHT - "Puliamo una dolina"

Sono aperte le iscrizioni all'iniziativa “Puliamo una dolina”, in programma dal 21 al 23 giugno, una tre giorni di concerti, mostre, workshop e dibattiti all’ostello Amis di Campo Sacro a Prosecco, organizzata da ARCI Servizio Civile in collaborazione con il Circolo VerdeAzzurro della Legambiente di Trieste, l’associazione Monte Analogo e la Commissione Grotte E. Boegan, e rivolta particolarmente ai giovani. L'utilizzo delle doline carsiche come discariche abusive è un fenomeno purtroppo molto diffuso. I danni provocati all'ambiente carsico e alle risorse idriche profonde sono incalcolabili. “Puliamo una dolina” vuole portare una luce nel buio e segnalare in modo puntuale e dettagliato le situazioni di rischio e indicare le possibili soluzioni. L’iniziativa si propone di bonificare almeno in parte le discariche abusive in una dolina, in ogni caso di documentarle, valutarne il grado di pericolosità e di individuare i possibili rimedi, proponendoli poi all’opinione pubblica e alle amministrazioni locali. L'operazione di sgombero dei rifiuti verrà effettuata in un'area tra Prosecco, Rupinpiccolo e Borgo Grotta Gigante. Si comincia venerdì 21 giugno alle 19.00 con un incontro, seguito dalla presentazione e inaugurazione della mostra fotografica “Il Carso classico, l’acqua e l’uomo” e un evento in ricordo dello speleologo Franco Tiralongo. Alle 20.00 “Speleo Award 2013”, rassegna video. Sabato 22 giugno al via la pulizia vera e propria, dalle 9.00 alle 18.00, che proseguirà anche domenica. Chi desidera aderire o ricevere semplicemente informazioni può contattare l'ARCI Servizio Civile ai numeri 040-761683 o 3409943166, via mail a trieste@arciserviziocivile.it. L'iniziativa è realizzata nell’ambito di “Trieste on sight – esperienze di cittadinanza”: una tre giorni di concerti, mostre, workshop, area benessere, dibattiti, libri, ambiente, cinema, bar, cavalli e bici, arte, spazio bambini, infogiovani, installazioni… Un camp, dove i giovani avranno a disposizione a costi convenzionati anche la possibilità di soggiornare in campeggio o in ostello. Più di una rassegna, di un festival o di un semplice insieme di iniziative, “Trieste on sight” vuole manifestare concretamente lo spirito, l’entusiasmo e i talenti di una città in trasformazione, in cui i giovani sono i protagonisti. “Puliamo una dolina” si tiene in collaborazione con il Comune di Trieste – area educazione, università e ricerca e gode del patrocinio di Regione, Provincia e Comune di Sgonico, con l’adesione del Gruppo comunale volontari Protezione civile.

ALPI GIULIE CINEMA 2013 nella Pedemontana Pordenonese

ALPI GIULIE CINEMA, la rassegna di cinema di montagna organizzata dall Associazione Monte Analogo e giunta alla ventitreesima edizione, da sempre proposta a Trieste e Gorizia, da quest anno sale anche nella Pedemontana Pordenonese e, in particolare, a Pinzano al Tagliamento grazie alla locale SOMSI. Verranno proposte quattro serate seguendo le linee guida della rassegna che sono sia la spettacolarizzazione delle prestazioni sportive su vette e pareti sia lo scoprire, indagare, capire i complessi rapporti che vengono ad interagire tra chi in montagna vive, chi la montagna frequenta per sport, per diletto, per studio, e l ambiente stesso. L inizio della rassegna sarà caratterizzato da Walter Bonatti, con i muscoli, con il cuore, con la testa, un dovuto omaggio a questa figura unica nella storia dell alpinismo e dell esplorazione. Ma Alpi Giulie Cinema non è solamente alpinismo, è anche attenzione all'ambiente, al sociale, alla vita nelle valli alpine. Sentire il mio passo sul sentiero è la testimonianza di un piccolo fenomeno che sta' montando negli ultimi anni: giovani che ritornano a vivere in montagna. Chi invece in montagna non avrebbe voluto più lavorare ma ci è stato costretto dai ripetuti rimpatri da clandestino nel natio Kosovo manda i suoi Saluti da Sar Planina. Compagno orso racconta attraverso immagini uniche ed eccezionali il difficile e talvolta drammatico rapporto tra chi in montagna vive e lavora e l'orso. Il ritorno dei pastori ai monti di casa nostra sarà ben presentato con Fame d erba. La regista dei due film, Valentina De Marchi, sarà presente in sala. Grande alpinismo nei film in programma la terza serata: Cold, con la prima salita invernale, Simone Moro protagonista, del Broad Peak, 8035 metri; Hardest of the Alps, Manolo, alea Huber, Beat Kammerlander ripercorrono alcune vie simbolo della storia dell'alpinismo sulle Alpi; l arrampicata sportiva tutta al femminile di diverse generazioni viene ben illustrata in Outside the Box ed ancora altre produzioni spettacolari ed emozionanti. Le serate si terranno alla Sala SOMSI di Pinzano al Tagliamento (PN) venerdì 12, 19, 26 aprile e 3 maggio alle ore 20.00.

PREMIO ALPI GIULIE CINEMA 2013 - LA SCABIOSA TRENTA

Il premio la “Scabiosa Trenta” è stato vinto dal film “WILD ONE – A story of Philippe Ribiere” - regia di Jure Breceljnik (Slovenija) Il film mostra una realtà particolare come quella dell’arrampicata praticata da disabili, che ha un forte valore sociale, con un prodotto filmico di alta qualità, un’ottima fotografia e un’accattivante colonna sonora. Il premio “Luigi Medeot” è stato vinto dal film “VIE DI PACE – L’alpinismo e la Grande Guerra” - regia di Samantha Faccio (FVG) Il film riassume e interpreta con l’aiuto di alcuni storici e giornalisti e con accurate ricostruzioni affidate anche ad attori, la vicenda straordinaria di Julius Kugy a cui è indirettamente collegato il premio. Molto adatto come strumento didattico (scuole, musei, canali storici). Menzione particolare al film “DOLINA SOČE” – regia di Gregor Kresal (Slovenija) Ottimo spot pubblicitario realizzato lungo il corso dell’Isonzo. Menzioni anche a “Fachiri – Echi Verticali” di Giorgio Gregorio (FVG), dedicato a Enzo Cozzolino ed a “Il rumore della Neve” di Gianpaolo Penco (FVG), sugli scultori che operano sull’arco alpino .

ALPI GIULIE CINEMA 2013 - Terza serata

A conclusione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" organizzata dall’Associazione “Monte Analogo”, che si è tenuta nella sua prima parte a Trieste all’Antico Caffè San Marco nel mese di novembre 2012 e, successivamente, al Teatro Miela nel mese di febbraio 2013, si svolgerà giovedì 28 febbraio alle ore 20.30 ancora all’Antico Caffè San Marco, in via C. Battisti 18, il “Premio Alpi Giulie Cinema", riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente).

HELLS BELLS SPELEO AWARD 2013

La giuria della seconda edizione del concorso cinematografico dedicato al documentario di speleologia HELLS BELLS SPELEO AWARD, composta da - Lucio Comello speleologo della Commissione Grotte E.Boegan - Edy Haipel cultore delle discipline carsiche - Sergio Serra presidente dell’associazione Monte Analogo dopo aver visionato le 12 opere presentate in concorso, si è così espressa all’unanimità: • MENZIONE SPECIALE a Sirio Sechi (già vincitore della prima edizione di Hells Bells) per l’originalità e la vena umoristica dei suoi corti • MENZIONE SPECIALE al film “Cro Ri Di Lo Ma” di Antonio Giacomin, ed in particolare alla testimonianza di Francesca Debelli, che è riuscita a trasmettere con spontaneità ed efficacia lo spirito, le sensazioni, l’entusiasmo di un partecipante ad un corso di speleologia, e di una persona che in genere si avvicina al mondo sotterraneo. • CAMPANA D’ARGENTO al film “Il sogno carsico di Istettai” di Vittorio Crobu, per aver prodotto un video dinamico, spettacolare, coinvolgente sulle esplorazioni speleologiche di profondità in Sardegna. • CAMPANA D’ORO, PRIMO PREMIO HELLS BELLS 2013 al film “Naica, un lugar en la memoria” diretto e prodotto dal messicano Gonzalo Infante. Un documento straordinario, che sfonda il confine dell’onirico con immagini e storie degne del miglior Jules Verne!

ALPI GIULIE CINEMA 2013

Anche quest anno Monte Analogo e La Commissione Grotte E. Boegan di Trieste promuovono e organizzano un pomeriggio e serata dedicata alla speleologia. All insegna di ALPI GIULIE CINEMA i materiali e documenti presentati, concorrono al secondo evento Hells Bells Speleo Award 2013 . L'appuntamento di giovedì 21 febbraio, al Teatro Miela di Trieste, prevede una miscellanea di audiovisivi, un lungometraggio e diversi corti, (alcuni fuori concorso), visibili dalle ore 18.00 alle 23.00 con una interruzione verso la 20.00 circa; i lavori presentati ci faranno viaggiare in diverse parti del mondo attraverso produzioni italiane ma anche slovacche (canyoning) e messicane, dandoci una visione della speleologia esplorativa e di ricerca attenta anche agli aspetti più specialistici della disciplina che coinvolge sistemi di documentazione anche complessi. Saranno gli speleologi i veri protagonisti, ma non solo, l ambiente sotterraneo ed i suoi molteplici aspetti anche visionari, faranno viaggiare lo spettatore in mondi mai visti. Scopriremo anche attraverso il canyoning, pratica vicina alla speleologia, il territorio segreto custodito nell isola sperduta della Reunion in mezzo all Oceano Indiano, e poi nella profondità della terra in Messico scopriremo i cristalli di Gesso (Selenite) più grandi al mondo. Questi uomini e donne saranno i veri protagonisti della serata assieme alle realtà locali e italiane che affondano le loro radici nella storia della speleologia moderna, e ci dimostreranno attraverso il loro lavoro, la scuola e la didattica quelli che sono i ferri del mestiere senza tralasciare nulla, neanche dal lato umano. Ma aggiungendo pure, una grandissima dose di autoironia che è sempre stata una delle caratteristiche più invidiata degli speleologi o se volete, come certi preferiscono definirli, dei grottisti .

I film stranieri saranno proposti in lingua originale con traduzione simultanea.

ALPI GIULIE CINEMA 2013

Giovedì 14 febbraio 2013 si terrà, la prima serata di Cinema di Montagna “Alpi Giulie Cinema” organizzata dall’associazione Monte Analogo. Al Teatro Miela in Piazza Duca degli Abruzzi 3 a Trieste (ingresso €5,00), verrà presentata una magnifica carrellata di performance estreme di alpinismo ed arrampicata.

Il Programma prevede la proiezione come segue: ore 18.00 THE WIZARD’S APPRENTICE (Repubblica Ceca)
ore 21.00 HARDEST OF THE ALPS (Italia) OUTSIDE THE BOX – A FEMALE TALE (Germania) COLD (Stati Uniti) LINEA CONTINUA (Italia) LINEA 4.000 (Italia) I film stranieri saranno proposti in lingua originale con traduzione simultanea.

Conferenza Stampa di Presentazione

Si terrà VENERDI' 8 FEBBRAIO 2013 alle ore 11.00 al Teatro Miela di Trieste la presentazione ufficiale della rassegna di Cinema di Montagna "ALPI GIULIE CINEMA 2013". Grande arrampicata, grande alpinismo, grande speleologia riunite in due autentiche maratone cinematografiche il 14 e il 21 febbraio al Teatro Miela per concludersi, come di consueto, all'Antico Caffè S.Marco il 28 con il Premio "La Scabiosa Trenta" per le più belle immagini di montagna girate da video maker sloveni, austriaci e friuliani.

Premio Alpi Giulie Cinema

A conclusione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA"organizzata dall’Associazione “Monte Analogo”, che si è tenuta nella sua prima parte a Trieste all’Antico Caffè San Marco nel mese di novembre 2012 e, successivamente, al Teatro Miela nel mese di febbraio 2013, si svolgerà giovedì 28 febbraio ancora all’Antico Caffè San Marco, in via C. Battisti 18, il “Premio Alpi Giulie Cinema", riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente). Al regista del miglior video verrà assegnata la “Scabiosa Trenta", fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy, che ogni anno viene interpretato da un artista, scelto in ambito regionale. Quest’anno saranno due scultori goriziani che si occuperanno della creazione: Claudio Mrakic e Paolo Figar. Claudio Mrakic, nato a Gorizia il 9 gennaio 1953, diplomato Maestro dArte presso lIstituto S.dArte di Gorizia nel 1973, frequenta successivamente lAccademia di Belle Arti di Lubiana (SLO) negli anni 1973-75. Inizia ad esporre nel 1979, ha all’attivo un ottantina tra mostre personali e collettive, interventi artistici e simposi internazionali tra Slovenja, Italia, Austria e Svizzera. Nel 2012 ha partecipato su invito al XXVI Simposio internazionale di Scultura della città di Belluno, una delle prime manifestazioni di questo genere in Italia. Fa’ parte del direttivo dell’associazione per l’arte contemporanea Prologo, a Gorizia. Attualmente è presente con un opera alla mostra Profezzie al Palazzo Attems di Gorizia. Paolo Figar, nato a Gorizia il 16 gennaio 1968. Formazione: Istituto Statale d`Arte di Gorizia, Accademia di Belle Arti di Venezia. Opera con la scultura in legno, marmo, bronzo, si occupa anche di pittura e grafica, è tra i soci fondatori di Prologo, associazione per l’arte contemporanea, a Gorizia di cui è membro del direttivo. Ha partecipato ad un ottantina tra mostre collettive, personali, simposi internazionali su invito, interventi artistici e fiere del settore.

BOFF - Bovec Outdoor Film Festival

I vincitori della sesta edizione del Festival di Bovec sono stati: Congo (sports and action), www.h (nature and ecology), Wild One (migliore produzione slovena) e Cold (preferenza del pubblico). Il miglior film della categoria “Sports and Action” è stato Congo – The Grand Inga Project , prodotto dal sudafricano canoista Steve Fisher che con successo discende un tratto pericoloso di un torrente africano . La giuria ha premiato come miglior film nella categoria “Nature and Ecology”, www.h (Why? Where? When? How?) diretto da Jasna Hribernik. Il documentario della durata di 22 minuti è incentrato sull’ecologia, supportato dall’ Istituto di Biologia Sloveno, che unisce la scienza alla comunicazione visiva. Gli organizzatori del Festival hanno premiato il film Wild One di Jure Breceljnik come il migliore film sloveno. Gli 88 minuti di pellicola sono il ritratto dello scalatore professionista Philippe Ribiere, nato con disabilità. La preferenza del pubblico presente ha portato a premiare Cold prodotto da Cory Richards e Anson Fogel, che raccontava il primo tentativo di scalata invernale andato a successo sulla cima della montagna pakistana del Gasherbrum II. Cold sarà presentato anche a Trieste nell’ambito di “Alpi Giulie Cinema” giovedì 14 febbraio 2013 al Teatro Miela.

A tutti gli amici

AUGURI DI BUONE FESTE VESELE PRAZNIKE HAPPY HOLIDAYS

Termina "Alpi Giulie Cinema - Genti e Montagne"

In fase di conclusione la prima parte di Alpi Giulie Cinema , come di consueto dedicata a temi più sociali o se vogliamo più riflessivi rispetto allo spettacolo e all emozione pura degli sport alpini. A questa è dedicata l appuntamento di febbraio 2013 al Teatro Miela, anche se un primo accenno si terrà Martedì 11 Dicembre 2012 alle ore 20.30 all Antico Caffè San Marco in Via C.Battisti 18 a Trieste, sempre con ingresso libero. Verrà infatti proposto il film ENCORDADES di Gerard Montero Coromines Spagna 52 Il documentario vuole proporre una riflessione sul ruolo delle donne nella società e nello sport, dagli anni 40 ai giorni nostri. Lo fa soffermandosi sulle pagine e le figure femminili entrate nella storia dell alpinismo. Donne ammirevoli per la loro forte e coraggiosa passione per la montagna che hanno realizzato le proprie aspirazioni alpinistiche spesso dopo una tormentata lotta interiore e sfidando i pregiudizi sociali e anche quelli dell ambiente alpinistico. Un viaggio attraverso le scelte e le vicende personali di donne innamorate della montagna e dell arrampicata sportiva in Spagna, che testimonia come con gli anni e con l impegno di tutte, le barriere e stereotipi siano stati superati. Il film verrà proposto in lingua originale con sottotitoli. I prossimi appuntamenti saranno al Teatro Miela di Trieste il 14 febbraio 2013 dedicato all'alpinismo e arrampicata, il 21 febbraio con il "Premio Hells Bells" (speleologia) per concludersi, ancora al S.Marco, il 1° marzo con il "Premio Alpi Giulie Cinema".

Conferenza Stampa ALPI GIULIE CINEMA 2012

Si terrà VENERDI’ 16 novembre 2012 alle ore 11.00 nell’Antico Caffè San Marco, in via Cesare Battisti 18 a Trieste la presentazione ufficiale di ALPI GIULIE CINEMA 2012 - “Genti & Montagne”

Nella notte tra il 13 e il 14 settembre dello scorso anno ha lasciato il nostro piccolo/grande mondo di amatori delle montagne e di piccole grandi avventure il grandissimo Walter Bonatti. Aveva sulle sue spalle 81 anni assolutamente straordinari ed intensi, probabilmente come pochissimi altri uomini al mondo. Nel nostro piccolo mondo cinematografico non potevamo assolutamente trascurare il suo ritratto non privo (come tutti i grandi) di luci e ombre, il suo ricordo sempre vivo e attivo in chiunque l’abbia conosciuto, anche semplicemente attraverso la lettura dei suoi libri epici, dei suoi mitologici reportages, delle sue fotografie cariche di pathos. La sua completa ed esauriente biografia filmata “Con il cuore, con i muscoli, con la testa” caratterizza così l’inizio della 23esima edizione della rassegna di Monte Analogo, tradizionalmente collocata a cavallo tra novembre e dicembre nell’antico Caffè San Marco, nel cuore culturale di Trieste. Oltre al dovuto omaggio a questa figura unica nella storia dell’alpinismo e dell’esplorazione, lo sguardo attraverso l’obiettivo spazierà, come di consueto in questa prima parte, verso altri luoghi ed altri temi delle donne e degli uomini nelle montagne: l’Est d’Europa (forse unita, forse no), l’arrampicata sportiva tutta al femminile, il ritorno dei pastori ai monti di casa nostra. **La rassegna si terrà martedì 20, 27 novembre, 4 e 11 dicembre 2012 alle ore 20.30. Ingresso libero. **

ALPI GIULIE CINEMA - Tirocinio per studenti universitari

MONTE ANALOGO offre la possibilità di svolgere attività di stage a studenti universitari iscritti alla facoltà di Lettere e Filosofia di Trieste. In particolare il giovane si occuperà in questo periodo dell’organizzazione della rassegna “Alpi Giulie Cinema” con ruoli di assistenza al coordinamento tecnico, all’ospitalità e alla comunicazione dell’evento. Lo stage è un’attività che si svolge all’esterno dell’università presso enti, ditte, istituzioni o privati. È anche un adempimento che l’attuale ordinamento di legge prevede per gli Atenei e le Facoltà. Gli studenti interessati sono invitati a contattare MONTE ANALOGO per concordare le modalità di svolgimento dello stage. Rimandiamo al sito dell'Università di Trieste per ulteriori dettagli.

Due Premi con ALPI GIULIE CINEMA

In parallelo alla Ventitreesima edizione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" si terranno come di consueto i due concorsi Premio “la Scabiosa Trenta” e “HELLS BELLS – Speleo Award”. Il termine ultimo per la presentazione scade il giorno 31 dicembre 2012. Il materiale dovrà pervenire presso la sede organizzativa. Per l'iscrizione scaricare il bando di concorso e la scheda di partecipazione dal sito. Il 28 febbraio 2013, nell’Antico Caffè San Marco di Trieste verranno proiettate le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna, e verrà consegnato il Premio “la Scabiosa Trenta”, riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente). Il nome del premio richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreterà questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. Verrà assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista “Alpinismo Goriziano” e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna). Il Premio è giunto alla diciannovesima edizione. Dal 2012 si tiene inoltre, in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan – Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste, “HELLS BELLS – Speleo Award”: il primo concorso di produzioni cinematografiche che abbiano come ambientazione il mondo sotterraneo e le attività speleologiche collegate, di autori e/o produttori italiani e di qualsiasi altra nazionalità. Le premiazioni e la proiezione dei film in concorso avrà luogo giovedì 21 febbraio 2013 al Teatro Miela.

LE GROTTE DEL CARSO: tesori da svelare

MONTE ANALOGO sarà presente alla manifestazione “Le Grotte del Carso: tesori da svelare” organizzata dalla Federazione Speleologica Triestina, con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato al Turismo. Tale iniziativa, tesa alla promozione turistico-didattica, avrà luogo a Trieste, presso la sede del MIB School of Management (Palazzo del Ferdinandeo) ed aree adiacenti, in Largo Caduti di Nassiriya 1, nel periodo compreso fra giovedì 8 e domenica 11 novembre 2012. Scopo dell'iniziativa è quello di divulgare la speleologia e l’ambiente carsico in ogni suo aspetto ed è rivolto principalmente alle scuole di ogni ordine e grado del nostro territorio, ma anche ai gruppi sportivi, culturali ed alla cittadinanza, nonché agli speleologi di tutta Italia e d'oltre confine. La partecipazione è aperta a tutti i portatori d’interesse che operano nei settori della divulgazione speleologica e della didattica ambientale al fine di una più attenta e rispettosa gestione del patrimonio carsico. Nei giorni della manifestazione verranno organizzati: - una tavola rotonda su presente e futuro della didattica speleologica; - escursioni speleologiche a tutti i livelli; - mostre fotografiche riguardanti la didattica; - proiezioni video e filmati in 3D inerenti le grotte; - allestimento di banchi informativi; - dimostrazioni e prove delle tecniche di progressione su sola corda e simulazione dei principali passaggi.

Ventitreesima edizione di ALPI GIULIE CINEMA

Dal mese di novembre 2012 alla primavera 2013 sono previste proiezioni in tutta la regione Friuli Venezia Giulia. E' in fase di ultimazione il programma definitivo mentre sono state definite le date di inizio a Gorizia e Trieste. Il primo appuntamento è a Gorizia al Kulturni Dom il 6 novembre e a Trieste all Antico Caffè San Marco il 20 novembre 2012, per poi proseguire nel 2013 nel resto della Regione Friuli Venezia Giulia.

ALPI GIULIE CINEMA - Ventitreesima edizione

E' in fase di programmazione la ventitreesima edizione di "ALPI GIULIE CINEMA" che si terrà da novembre 2012 alla primavera 2013 in varie località della nostra Regione. Sono previste produzioni provenienti oltre che dall'Italia, dagli Stati Uniti, Francia, Germania, Olanda, Austria, Ungheria, Slovacchia, Spagna, Svizzera e Nepal. Il gruppo di lavoro (aperto a tutte le auspicabili collaborazioni) si ritrova nella sede di Via F.Severo 31 (+39 040 761683)ogni mercoledì dalle 15.00 alle 17.00,

TRENTO FILM FESTIVAL 2012

PREMIO MUSEO USI E COSTUMI DELLA GENTE TRENTINA: Al film che meglio rappresenti con rigore documentario etnoantropologico, gli usi e costumi delle genti della montagna. For the film best documenting the traditions and customs of mountain people with ethno-anthropological accuracy.

STOFF DER HEIMAT di OTHMAR SCHMIDERER (Austria, 2011)

Nell'ambito di una selezione molto ricca di documentari legati all'etnografia della montagna di oggi, nella quale, anche limitando lo sguardo alla sola Europa, hanno fatto spicco in questa 60esima edizione del Trento Film Festival alcuni prodotti di notevolissima qualità, Stoff der Heimat di Othmar Schmiederer (Austria, 2011) si impone all'attenzione come una ricerca originale e molto articolata sul tema controverso e molto attuale del costume alpino tradizionale, addentrandosi con compunta determinazione etnografica all'interno del campo minato delle sue ingombranti valenze ideologiche. Su questo terreno difficile, il film non rinuncia a uno sguardo sagace, rispettoso e ironico insieme, e si presenta pertanto come un grande libro aperto, che risulterà indispensabile a chiunque voglia provare a capire e a interpretare i motivi veri, sulle Alpi e dintorni e più che mai oggi, del mettersi o rimettersi in costume. :::::::::::::::

PREMIO MARIO BELLO Al miglior film di alpinismo realizzato da alpinisti che divulgano le loro imprese attraverso il mezzo cinematografico, anche con ridotti mezzi di produzione. Con questo riconoscimento si vuole premiare soprattutto l iniziativa e l intraprendenza verso la comunicazione per immagini di soggetti, anche alla prime esperienze di cinematografia in montagna, che dimostrino novità di idee e di linguaggio. For a mountaineering film made by alpinists who reveal their feats through cinema also on a tight production budget. With this prize we mainly want to acknowledge the initiatives of people making their first mountain film, who show new ideas and language in communication through images.

VERTICALMENTE DÉMODÉ di DAVIDE CARRARI (Italia, 2012)

Dal film emerge in modo coinvolgente e affascinante Maurizio Manolo Zanolla, alpinista di raro talento e coerenza nella filosofia di vita. La stessa vigorosa fotografia in bianco e nero si rivela funzionale nel sottolinearne la progressione su difficoltà estreme, accompagnandolo nelle riflessioni e motivazioni via via accennate dallo stesso Manolo, sino alla conclusione vittoriosa sulla vetta di quella montagna forse piccola e démodé, ma infinitamente ricca di valori. Traducendosi, in definitiva, in un grande atto d'amore per l'alpinismo stesso. :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PREMIO GIANBATTISTA LENZI, RINO ZANDONAI E LUIGI ZORTEA AL MIGLIOR REPORTAGE TELEVISIVO: La Giuria del premio, composta da Sergio Pezzola Direttore della Sede RAI di Trento, Carlo Corazzola Direttore della Sede RAI di Bolzano, Waimar Perinelli Vicecapo Redattore RAITGR Trento, ha assegnato il Premio Rai, in memoria dei tre trentini morti nel disastro aereo della Air France del giugno 2009, all opera: The Jury of this prize, namely Sergio Pezzola (Head of RAI Trento), Carlo Corazzola (Head of RAI Bolzano), Waimar Perinelli Vicecapo Redattore RAITGR Trento, awarded the RAI prize, in memory of the three people from Trentino who died in the Air France disaster in June 2009, to:

PICCOLA TERRA di MICHELE TRENTINI (ITALIA, 2012)

I film ammessi al Premio Miglior Reportage televisivo 2012 della Rai sono tutti di buon livello. I contenuti artistici, antropologici, economici e socio-turistici. Il film premiato racconta di una località della Valsugana dove rivivono tradizione, emigrazione ed immigrazione. Tornano, lasciando il lavoro in cava o nella scuola, per riaffrontare le fatiche dei loro padri che alla montagna, con muri a secco e terrazzamenti, hanno sottratto Piccole Terre . A loro si aggiunge l immigrato marocchino, che sui fazzoletti di terra pianta la fresca, colorata e profumata menta di suo padre, chiedendo che i figli, nati in questa valle, si sentano a casa propria. Rilevanti la presenza di un filmato storico e la spontaneità del dialogo, che ci riportano in parte ai mai dimenticati reportage che Mario Soldati realizzò per la Rai negli anni Sessanta. :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PREMIO CITTA DI IMOLA: Il premio Città di Imola era assegnato al miglior film italiano presente alla Mostra del Cinema di Venezia prima di essere soppresso negli anni della contestazione. Lo ebbero fra gli altri Monicelli, Visconti, Olmi, Pasolini, Bellocchio, Pontecorvo, i fratelli Taviani. E stato portato nel 2004 al TrentoFilmfestival e torna ad essere assegnato, come lo fu a Venezia, al miglior film, documentario o fiction di autore italiano e prodotto in Italia . La Giuria del premio Città di Imola , composta da Reinhold Messner (Presidente), Italo Zandonella Callegher, Valter Galavotti, Assessore alla cultura del Comune di Imola, Roberto Paoletti, Sezione CAI di Imola e Giuseppe Savini, Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, ha deciso di assegnare il premio al film

VERTICALMENTE DÉMODÉ di DAVIDE CARRARI (Italia, 2012) A questo breve ma intenso ed emozionante cortometraggio va riconosciuto il grande merito di aver saputo raccontare, senza fronzoli retorici ed inutili divagazioni epico-romantiche, il senso più profondo di una sfida che ha due protagonisti essenziali: la montagna, qui rappresentata dalla bellissima falesia del Baule (Vette Feltrine), e un uomo, Maurizio Manolo Zanolla, che con le sue mani magiche e i suoi occhi penetranti affronta una via con cui molti anni prima aveva ritenuto impossibile confrontarsi e che lo stesso Manolo definisce Una via incredibile. Completamente naturale ma soprattutto assolutamente verticale . Caratteristica che la rende anomala e Verticalmente demodé fra le vie estremamente strapiombanti dell arrampicata odierna. Fin dalle prime immagini del film la parete e le mani di Manolo occupano la scena e diventano elementi sostanziali del racconto. Davide Carrari, grazie ad una fotografia in bianco e nero incisiva e di altissima qualità estetica, fa rivivere allo spettatore quanto più possibile dall'interno l'avventura della scalata: dalla lentezza della progressione sulla roccia, alle difficoltà di identificare le rughe, le tacche e gli appigli che rendono possibile l impresa. Nella parte conclusiva del film Manolo confessa che per realizzare un progetto così arduo e complesso bisogna esser consapevoli delle difficoltà e della necessità di andare oltre i propri limiti. Ho dovuto mettere più di tutto me stesso dice il grande freeclimber in modo straordinariamente suggestivo ed efficace. Carrari con le sue splendide immagini è riuscito a farci comprendere meglio il senso di quelle parole. :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PREMIO SOLIDARIETA CASSA RURALE DI TRENTO: All' opera che meglio sappia interpretare le situazioni di povertà, ingiustizia, emarginazione ed isolamento sociale che, nella solidarietà e nell aiuto reciproco, possano trovare il loro riscatto, come avvenne alle origini del movimento cooperativo nelle vallate e nelle montagne del Trentino.

La giuria del Premio Solidarietà Cassa Rurale di Trento, composta da Corrado Segata, Rossana Gramegna e Massimo Occello , ha deciso di assegnare all unanimità il premio al film:

LASCIANDO LA BAIA DEL RE di CLAUDIA CIPRIANI (Italia, 2011)

Ci sono modi diversi di viaggiare, ci sono spazi diversi da conquistare. Scivolando su diversi piani narrativi, il film di Claudia Cipriani, intreccia luoghi esteriori ed interiori. Il quartiere periferico di Milano, dove Claudia insegna in un doposcuola, si chiama come l isolato, freddo e in qualche modo mitico avamposto artico da cui partì la sfortunata spedizione di Nobile nel 1928 : La Baia del Re . A Milano, assieme ad altri ragazzi impegnati ad integrarsi in un difficile contesto sociale, Claudia incontra Valentina, che affronta la sua difficile vita con rabbia, caparbietà ed ironia. E quando anche il percorso di Claudia prende una via inaspettata, insieme le due giovani donne si dirigono al Polo Nord: un viaggio in un luogo estremo, nel periodo dell anno in cui mai scende la notte, che consente ad entrambe di affrontare le proprie paure e di confrontare senza veli, in un ambiente terso e pulito, le proprie emozioni profonde, in un percorso di aiuto reciproco e di condivisione, consapevoli, alla fine, che aiuto e condivisone non vanno mai in una direzione univoca ma in quella, imprescindibile, della reciprocità. ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PREMIO STUDENTI UNIVERSITA DI TRENTO E INNSBRUCK: Ad un opera di particolare valore culturale realizzata da un autore di età inferiore ai 33 anni. La giuria studentesca composta da, per Università di Trento - Stefania Pezzi, Claudia Osti, Giacomo Cortese, per Università di Innsbruck - Stefanie Rettenwander, Nicole Hoertnagl and Kilian Mehl, per l'Università di Bolzano -Giulia Cavazzani, Nicola Chemotti e Matthias Kossmehla, ha assegnato il premio al seguente film: The Students' Jury, which comprised Stefania Pezzi, Claudia Osti, Giacomo Cortese (University of Trento), Stefanie Rettenwander, Nicole Hoertnagl and Kilian Mehl (University of Innsbruck), Giulia Cavazzani, Nicola Chemotti e Matthias Kossmehla (University of Bolzano), would like to award special prize to the following film:

SHOSHALA di YANNICK BOISSENOT

Un'opera dalla narrazione incalzante che, attraverso uno stile efficace proprio per la sua continuità e semplicità, proietta lo spettatore all'interno di un'impresa che confonde i limiti del viaggio. Il tutto accompagnato da una colonna sonora funzionale al ritmo del racconto e da scelte registiche coinvolgenti nella loro naturalezza priva di eccessi. L'unanimità della giuria sottolinea la validità del film. ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PREMIO DELLA STAMPA BRUNO CAGOL: All opera che più si avvicina allo spirito della cronaca giornalistica. Il premio è assegnato a:

PICCOLA TERRA di Michele Trentini

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PREMIO SPIRITO OUTDOOR IOG: Il Premio, istituito per la prima volta quest'anno dall'Italian Outdoor Group, è assegnato all'opera in grado di raccontare al meglio lo spirito più autentico dell'outdoor: soft, slow, non estremo. La Giuria, composta da: Vinicio Stefanello (Presidente), Benedetto Sironi, Stefano Mayr, Isabella Gomez, Gerardine Parisi ha assegnato il Premio al film: The Jury, made of: Vinicio Stefanello (President), Benedetto Sironi, Stefano Mayr, Isabella Gomez, Gerardine Parisi, has awarded the Prize to:

VITE TRA I VULCANI di Mario Casella e Fulvio Mariani (Svizzera, 2012)

Vite fra i vulcani incarna perfettamente la filosofia del premio speciale "spirito Outdoor IOG", volto a premiare il film in grado di esprimere al meglio i valori dell'attività all'aria aperta. Il documentario racconta con estrema semplicità un viaggio di scoperta dove la meta e "l'impresa sportiva" spariscono diventando un pretesto per vivere la natura come luogo dove conoscere meglio se stessi e una cultura diversa dalla propria. Il lavoro di Casella e Mariani è un'esperienza vera ed autentica direttamente messa in pellicola. Non c'è nulla di costruito o di artefatto. Il leit motive è un senso di semplicità e felicità che deriva da un rapporto autentico con la natura e dall'apertura a conoscere gli altri e ciò che ci circonda senza pregiudizi. Vite fra i vulcani is the perfect embodiment of the philosophy behind the special IOG outdoor spirit prize, awarded to the film best capable of expressing the values of activities in the open air. The documentary recounts with disarming simplicity a voyage of discovery in which the destination and the sporting feat disappear, becoming a way of experiencing nature as a place in which to gain further understanding of ourselves and a culture different from our own. The work of Casella and Mariani is a true and authentic experience, transferred directly to film. There is nothing fabricated or artificial. The leitmotif is the sense of simplicity and happiness coming from an authentic relationship with nature and the ability to open up to others and all that surrounds us without prejudice. :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PREMIO LUCIANO EMMER: Il Direttivo Nazionale del Sngci composto da Antonella Amendola, Fulvia Caprara, Franco Cicero, Maurizio Di Rienzo, Francesco Festuccia, Teresa Marchesi, Franco Mariotti, Francesco Norci, Baba Richerme Laura Delli Colli (Presidente), Romano Milani (Segretario generale) ha deciso di assegnare il premio a: The national executive board of SNGCI, made up of Antonella Amendola, Fulvia Caprara, Franco Cicero, Maurizio Di Rienzo, Francesco Festuccia, Teresa Marchesi, Franco Mariotti, Francesco Norci, Baba Richerme Laura Delli Colli (President) and Romano Milani (General Secretary) has decided to award the prize to:

L ENFANT D EN HAUT di URSULA MEIER

Ispirato alla regista dal ricordo di un suo coetaneo dodicenne conosciuto in Svizzera, nel Massiccio del Giura dove ha trascorso l infanzia e che i genitori gli imponevano di evitare perché ritenuto un ladruncolo, il film esplora gli squilibri e le contraddizioni nascoste nel mondo dorato di una stazione sciistica di lusso. Affrontando la vita di Simon che ruba costosissimi sci e rivende a prezzi irrisori non solo per mantenere se stesso e la sorella ma anche per comprare un inappagabile bisogno di tenerezza e un effimera felicità, Ursula Meier, alternando il taglio realistico a suggestioni favoleggianti, mantiene alto il tono dell analisi sociale evitando la trappola del conflitto di classe.

TRENTO FILM FESTIVAL 2012 - Film vincitori

GRAN PREMIO CITTÀ DI TRENTO GENZIANA D ORO /GOLD GENTIAN

¡Vivan las Antipodas! di Victor Kossakovski (Germany/Holland/Argentina/Chile, 2011) La Giuria Internazionale ha deciso all unanimità di conferire la Genziana d Oro a un film documentario che è un indimenticabile omaggio alla Madre Terra nella sua diversità, maestosità e antichità. L idea è ingegnosa, la realizzazione è piena di qualità artistiche e tecnicamente brillante.

PREMIO DEL CLUB ALPINO ITALIANO GENZIANA D'ORO al miglior film di alpinismo o montagna.

Verticalmente Démodé di Davide Carrari (Italy, 2012) Nonostante l alto livello dei film in questa categoria, la Giuria è stata unanime nell'attribuire la Genziana d Oro per il miglior film di alpinismo ad un film che incarna la pura idea del free climbing. Vivere, sognare la scalata attraverso lo studio e la progettazione meticolosa, sino all ultima coraggiosa ascesa; questo film dimostra che l'arrampicata libera non è soltanto uno sport ma un arte creativa. Manolo spinge costantemente le sue capacità oltre i propri limiti, in un opera profondamente legata alle Dolomiti.

PREMIO CITTÀ DI BOLZANO GENZIANA D ORO al miglior film di esplorazione o avventura.

La Nuit Nomade di Marianne Chaud (France, 2011) Anche in questo caso la giuria ha deciso all unanimità. Attraverso una narrazione ricca di sensibilità e un profondo legame stabilito con i nomadi di Ladakh, la Regista ha diretto un film di rara esplorazione umana, grazie al quale il pubblico può condividere le avventure dei nomadi e la loro battaglia senza speranza per difendere la loro vita e cultura sull altipiano tibetano

GENZIANA D ARGENTO al miglior contributo tecnico-artistico

La vie au loin di Marc Weymuller (France, 2011) La maggioranza dei giurati, dopo una lunga discussione, ha deciso di premiare LA VIE AU LOIN di Marc Weymuller (France, 2011) per le sue qualità poetiche e filosofiche

MENZIONE SPECIALE - CONTRIBUTO TECNICO

Die Huberbuam di Jens Monath (Germany, 2011) La giuria ha deciso inoltre di assegnare una menzione speciale a DIE HUBERBUAM di Jens Monath (Germany, 2011) per i virtuosismi tecnici di questo film in 3D. Questa tecnica permette agli spettatori di vivere, come mai prima, le sfide dell arrampicata estrema, tenendoci col fiato sospeso.

GENZIANA D ARGENTO al miglior mediometraggio

La Voie Bonatti di Bruno Peyronnet (France, 2011) La giuria ha deciso di scegliere un film coraggioso e realizzato con stile, capace di collegare attraverso una corda sottile l eroica epoca dell alpinismo e le sfide affrontate dagli scalatori contemporanei. LA VOIE BONATTI di Bruno Peyronnet (France, 2011) offre una prova evidente che anche oggi che gli alpinisti possono contare su un equipaggiamento avanzato, lo spirito di Bonatti è fondamentale per raggiungere la vetta. Questo film ci ha colpiti, sotto ogni aspetto.

GENZIANA D ARGENTO al miglior cortometraggio

Cold di Anson Fogel (USA, 2011) Il miglior cortometraggio è un documentario che ha la capacità di mostrare cosa sia la vera sofferenza e la sopravvivenza nell ascesa invernale di una delle cime più alte al mondo. Una storia molto personale che mostra emozioni estreme, capace, alla fine della visione, di farci sentire congelati. Il premio per il miglior cortometraggio va a COLD di Anson Fogel (USA, 2011)

PREMIO DELLA GIURIA

Strong A Recovery Story di Andras Kollmann (Hungary, 2011) La giuria ha ritenuto che un solo film potesse rientrare in questa categoria, un film che possa ispirare e, al contempo, essere un tributo allo spirito umano. È la storia di Zsolt Eross, della sua rinascita in seguito alla perdita di una gamba e del suo ritorno sull Himalaya per scalare per la nona volta un 8.000 mt.

Silvia Metzeltin a Gorizia

Mercoledi 16 maggio la sezione di Gorizia del Club Alpino Italiano prosegue la sua attività culturale presentando ai suoi soci e a tutti gli appassionati isontini un personaggio di primo piano dell'alpinismo italiano e internazionale: Silvia Metzeltin. Nata a Lugano, laureata a Milano in Scienze geologiche, è cresciuta alpinisticamente in Italia. Attirata dai monti fin da bambina ha fatto dell'alpinismo il mediatore di tutte le scelte della sua vita. Un alpinismo sfaccettato e multiforme che comprende l'impegno sportivo e le problematiche del rapporto con gli altri, dalla ricerca di avventura alla riflessione su motivazioni che possono portare a scelte radicali di vita. Geologa di formazione, Silvia Metzeltin oltre a studiare la Terra e le sue conformazioni ha scelto di percorrerne le pieghe e le asperità, spesso estreme, facendone una narrazione e un'esperienza da raccontare. Viaggiatrice instancabile, giornalista appassionata e meticolosa ha tratta dai luoghi impervi, in particolare dalle montagne, linfa per i suoi scritti. Ha collaborato e collabora a riviste italiane e straniere, si occupa di convegni e tavole rotonde, ha rivestito incarichi ufficiali nell'U.I.A.A. (massimo organismo alpinistico internazionale), e la vice-presidenza del movimento internazionale di alpinismo femminile R.H.M.. Conosciuta e apprezzata nell'ambiente alpinistico internazionale, ha iniziato la sua attività da giovanissima sulle Alpi svizzere allungando ben presto l'orizzonte all'intero arco alpino con ascensioni di valore assoluto. Legata in felice cordata coniugale con Gino Buscaini gli interessi si allargano fino alle Ande, all'Himalaya, al Sahara, attraversando montagne e pareti di quasi tutti i continenti. Il nome della coppia Metzeltin-Buscaini rimarrà però legato indissolubilmente alla Patagonia, meta di innumerevoli spedizioni, di prime ascensioni, di vie nuove aperte su quelle aspre e difficili vette. Per il valore delle ascensioni compiute e per i suoi contributi organizzativi e culturali è considerata una personalità di primo piano nell'alpinismo femminile europeo. E' docente a contratto di "Storia e risorse della montagna" presso la Facoltà di Scienze dell'Università dell'Insubria. Tra le sue innumerevoli pubblicazioni: "Alpinismo a tempo pieno", "Patagonia, terra magica per viaggiatori e alpinisti", "El macino del San Lorenzo", "Polvere nelle scarpe: storie di Patagonia", "Geologia per alpinisti". Silvia Metzeltin incontrerà gli appassionati isontini nella sede del Club Alpino Italiano di Gorizia, in via Rossini 13, alle ore 21,00 di mercoledì 16 maggio e proporrà la sua riflessione su "Esperienze di alpinismo femminile" supportata da immagini commentate direttamente dall'autrice. La serata è aperta a tutti gli appassionati delle terre alte. L'ingresso è libero.

Per ulterior contatti: Marino Furlan cell. 3297020764 Marko Mosetti cell. 320 2322506

ALPI GIULIE CINEMA 2012 - Ultimo Appuntamento

Si terrà lunedì 30 aprile 2012 alle ore 19:00 all'ex Latteria di Valeriano Pinzano al Tagliamento (PN) una serata di proiezioni estratte dal catalogo storico di ALPI GIULIE CINEMA (ingresso gratuito) con il seguente programma:
- PROMO SFINGA (arrampicata in montagna) 4'13" Film vincitore del Premio Alpi Giulie Cinema 2012. Un originale e affascinante confronto tra la prima ascesa in assoluto alla prima ascesa in free climbing della Faccia della Sfinge sul lato nord del Triglav, in Slovenia. - IL SEGRETO DELL'ORRIDO DI CASASOLA (torrentismo) 25' Video vitalizzato dalle immagini di esplorazioni in Canyoning in un territorio regionale abitato, secondo una leggenda, da mitiche creature femminili, solite, sempre secondo il folklore locale, emergere durante i periodi di piena. - PROMO GROTTENARBEITER (speleo) 13' Ricostruzione storica, esplorazione del Carso e del Timavo, nascita della speleologia moderna 800. - VIA DI MEZZO (arrampicata in falesia) 10' 48" Un avventura tra sogno e realtà. Un arrampicata ricca di sfide sia fisiche che mentali. - L'ESPRIT DE LA COUPE ICARE (volo libero) 11' Breve filmato che ci introduce nella manifestazione della Coppa Icaro, la più importante manifestazione di volo libero. - IN CIMA AI TROPICI (alpinismo) 25' I due alpinisti Andrea Olivieri e Alessandro Simonazzi partono per il Perù per scalare il Nevado Huascaran, la cima più alta della Cordigliera Bianca con i suoi 6768 m, ma anche la cima più alta compresa nella fascia tropicale.

Info: (+39) 334 1719130

Cultura Fotografica

Avete mai pensato di imparare a fotografare bene, di migliorarvi nelle conoscenze tecniche fondamentali e nelle vostre capacità espressive? L'associazione A.C.Q.U.A. organizza un ciclo di incontri di cultura fotografica: sessioni di studio delle tecniche di ripresa e della composizione dell'immagine, di sperimentazione fotografica 'sul campo', di lettura collegiale delle foto catturate dai partecipanti durante le esercitazioni e di opere selezionate, esempi concreti di 'buona fotografia' (libri e scatti singoli di diversi autori). Imparare, chiarire dubbi, approfondire le conoscenze, comunicare e, perché no, divertirsi. Il percorso inizierà lunedì 2 aprile. 9 sessioni di studio, 3 uscite di ripresa collegiali accompagnate, per sperimentare 'sul campo' e alcune esercitazioni fotografiche individuali su temi proposti. Tutto con la partecipazione di fotografi professionisti. Ad ogni partecipante saranno consegnati dispense e due libri da tenere per se. Per informazioni scrivere alla e-mail wmaestro@libero.it. Tel 340 25 00 270

Non proponiamo lezioni ma 'incontri', occasioni di insegnamento-apprendimento approfonditi, di partecipazione attiva, di scambio di esperienze ed opinioni, di accrescimento culturale e di socializzazione, costruite attorno ad una straordinaria forma di espressione e creatività.

FilmFestival Trento

Dal 26 aprile al 6 maggio 2012 si terrà il 60° FilmFestival di Trento, fonte principale per la prima programmazione di ALPI GIULIE CINEMA 2012-2013.

PREMIO ALPI GIULIE CINEMA 2012 - La Scabiosa Trenta

PREMIO ALPI GIULIE CINEMA 2012 LA SCABIOSA TRENTA
Si è riunita, nella serata dedicata alla speleologia presso la sala del Teatro Miela durante il film festival Alpi Giulie Cinema 2011/2012 , la giuria alla quale sono stati commissionati i lavori di critica e giudizio dei filmati pervenuti per la XVIII° edizione del Premio Alpi Giulie Cinema 2012 La Scabiosa Trenta.

La giuria era formata da Walter Slatich, fotografo ricercatore, Gianpaolo Penco, regista, Giorgio Godina, alpinista.

E stata un edizione ricca di film meritevoli. Vengono segnalati anche la presenza di due filmati a costo zero, interessanti per la passione e la tenacia che trasmettono: "Il Lucano di Legno" di Marco Arnez e "Via di Mezzo" di Andrea Padoan.

MIGLIOR FILM Premio Scabiosa Trenta 2012 "SFINGA" (Slo) Tanta roccia impervia e rocciatori che sfidano le pareti. Una montagna impegnativa, una sfida, ma vicino casa. Il film è bello in tutte le sue componenti, a partire dalla sceneggiatura innovativa e dalla fotografia eccellente, all uso di tecniche cinematografiche differenti. Ma a catturare maggiormente la nostra attenzione ed ammirazione è il confronto tra diverse generazioni di alpinisti, che diventa la storia di una delle più affascinanti pareti delle Alpi slovene, e rappresenta lo spirito di un Paese dove la montagna è simbolo di solidarietà e mutualità, ed è presente nella bandiera nazionale. Il montaggio parallelo tra 2 epoche della storia dell alpinismo è godibile, raccontato con qualche momento fantastico, una leggera vena di umorismo e fantasia, e sorpresa finale.

Premio Luigi Medeot per il miglior soggetto "Rosandra, principessa della valle" (FVG) In questo film, che fonde in una prospettiva cinematografica natura, storia e cultura ci siamo profondamente innamorati delle eccezionali immagini della natura che è stata ripresa nel suo continuo mutare, a seconda delle condizioni atmosferiche e delle stagioni, e siamo grati al regista, che con inesauribile pazienza ci ha permesso di conoscere da vicino la vita, che si nasconde in un territorio raro, piccolo ma ricchissimo di particolarità, popolato da piccoli e grandi animali, un luogo contiguo alla città, ma forse proprio per questo non sufficientemente apprezzato

PREMIO ALPI GIULIE CINEMA

A conclusione della Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" organizzata dall’Associazione “Monte Analogo”, che si è tenuta nella sua prima parte a Trieste all’Antico Caffè San Marco nel mese di novembre 2011 e, successivamente, al Teatro Miela nel mese di febbraio 2012, si svolgerà giovedì 01 marzo 2012 ancora all’Antico Caffè San Marco, in via C. Battisti 18, il “Premio Alpi Giulie Cinema", riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente). L'iniziativa, unica nel suo genere, sia per il contenuto delle opere che per la caratterizzazione internazionale è un punto fisso di riferimento culturale in un territorio come quella dell'Alpe Adria che ferve di piccoli e grandi produttori di filmati dedicati alla montagna che difficilmente trovano gli spazi adeguati per proporre le loro realizzazioni. Al regista del miglior video verrà assegnata la “Scabiosa Trenta", fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy, che ogni anno viene interpretata da un artista, scelto in ambito regionale. Le produzioni premiate nelle precedenti edizioni sono state nel 1994 “Namastè Annapurna” di M. Svetel (Slovenia), nel 1995 “Vivere è un pericolo mortale” di V. Armar Stih (Slovenia), nel 1996 “Insieme sulle vette” di M. Arnez (FVG), nel 1997 “Timavo: un fiume da proteggere” di G. Penco (FVG), nel 1998 “Una Salita tra le Giulie” di G. Gregorio (FVG), nel 1999 “Camanchaca” di T. Miklautsch (Carinzia), nel 2000-1 “Valentin Stanič” di M. Svetel (Slovenia), nel 2002 “Ski-Everest” di J. Stucin (Slovenia), nel 2003 “Mednarodno Leto Gora” di M. Svetel (Slovenia), nel 2004 “Terske doline in gore” di M. Svetel (Slovenia), nel 2005 “Oxus – Montagne per la pace” di G. Gregorio (FVG), nel 2006 “Oltarji Špika” di B. Mašera (Slovenia), nel 2007 “L’uomo di stregna” di P. Rojatti – A. Petricig (FVG), nel 2008 “Dežela šerp” di M. Žbontar (Slovenia), nel 2009 “On the sunny side of the Alps” di J. Burger (Slovenia), nel 2010 “ Giusto Gervasutti, il solitario signore delle pareti” di G. Gregorio (FVG), nel 2011 “Trenutek Reke/Il Tempo del Fiume” di A.Medved e N.Velušček (FVG). Quest’anno l’artista che si è occupato della creazione è Giorgio Godina. Presidente del CAI XXX Ottobre – Sezione di Trieste, che sarà presente alle premiazioni. Verrà assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista “Alpinismo Goriziano” e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna). Le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna, verranno proiettate in lingua originale con traduzione simultanea. I registi dei film premiati saranno presenti in sala. PREMIO ALPI GIULIE CINEMA 2012 Il premio la “Scabiosa Trenta” è stato vinto dal film “SFINGA” regia di Vojko Anzeljc & Gregor Kresal (Slovenija) Il film, in modo gradevole, compara le prime ascensioni tradizionali alle arrampicate free climbing sulla “faccia della sfinge” che si trova sulla parte più prominente della parete nord del Tricorno. Il premio “Luigi Medeot” è stato vinto dal film “ROSANDRA, PRINCIPESSA DELLA VALLE” regia di Giorgio Gregorio (FVG) Il film percorre gli aspetti legati alla Riserva naturale regionale della Val Rosandra, sia sotto il profilo geologico e vegetazionale, illustrando la fauna, la flora e le geomorfologia dell’ambiente, sia dal punto di vista della storia, della cultura e delle tradizioni legate al territorio.

HELLS BELLS SPELEO AWARD 2012

Si è riunita, nella serata dedicata all alpinismo presso la sala del Teatro Miela durante il film festival Alpi Giulie Cinema 2011/2012 , la giuria alla quale sono stati commissionati i lavori di critica e giudizio dei filmati pervenuti per la prima edizione della rassegna HELLS BELLS speleo award contest 2012.

Una fervida produzione di cortometraggi e documentari di carattere speleologico, geografico, storico e di ricerca a tutto campo ha segnato questa prima edizione, con la presentazione di 13 lavori provenienti sia dall Italia che dall estero, che hanno portato la manifestazione a spaziare a livello internazionale seguendo le tracce che hanno lasciato gli esploratori dall Italia all Uzbekistan, dall Inghilterra alle Filippine, dall Albania al Caucaso.

La scelta dei titoli vincitori è stata emanata con parere unanime ed omogeneo da parte della cabina di regia indicata dall associazione Monte Analogo e dalla Commissione Grotte E. Boegan , promotori e organizzatori del premio, ed è stata proiettata verso l indicazione di lavori che, oltre alla perfezione della qualità delle immagine e di scelte di montaggio e regia moderne, hanno cercato di portare una forma d innovazione e di approccio attuale alla pratica della disciplina della speleologia.

Il titolo a cui è stato assegnato il primo premio, la campana d oro, è stato il filmato ESA CAVES , che è stato giudicato come una delle migliori produzioni degli ultimi anni che affronta in modo scorrevole e coinvolgente un ambizioso progetto aereospaziale di team-building denominato Cooperative Adventure for Valuing and Exercising HBP Skills , che prepara gli astronauti ad affrontare condizioni operative in ambienti ad alto rischio. L opera è documentata attraverso un ottimo montaggio agganciato ad una precisa scelta musicale ed una limpida fotografia.

La campana d argento è invece stata assegnata ad un lavoro di Rob Eavis, autore britannico già vincitore con tale lavoro al Arc teryx photocompetition al Sheffield Adventure Film Festival 2011, che ha prodotto un eclettico filmato con la tecnica dello stop-motion utilizzando oltre 1000 immagini, alcune acquisite con lunghissime esposizioni ma soprattutto senza utilizzare alcun software di post-processing: un lavoro breve ma visionario, di difficile realizzazione e lungo lavoro sul campo nonostante il prodotto finale duri solo 3 minuti. La menzione speciale per il film Alla ricerca del fiume nascosto di Tullio Bernabei avverrà in sala durante la premiazione.

SECONDA GIORNATA ALPI GIULIE CINEMA

Monte Analogo e La Commissione Grotte E. Boegan di Trieste promuovono e organizzano un pomeriggio e serata dedicata alla speleologia. Quest anno all insegna di ALPI GIULIE CINEMA i materiali e documenti presentati, concorrono al primo evento Hells Belles Speleo Award 2012 , L'appuntamento di giovedì 23 febbraio prevede una miscellanea di audiovisivi, un lungometraggio e diversi corti, (alcuni fuori concorso), visibili dalle 18.00 alle 23.00 con solo una brevissima interruzione; i lavori presentati ci faranno viaggiare in diverse parti del mondo dandoci una visione puntuale della speleologia esplorativa e di ricerca italiana nel mondo e non solo. Ancora una volta, saranno gli speleologi i veri protagonisti, sospesi tra vecchie sedi e archivi polverosi, a guardare e riguardare la storia, come pure, novelli speleonauti, affrontare tecnologie all avanguardia per la ricerca applicata alla sopravvivenza dell uomo nello spazio. Scopriremo i mondi segreti custoditi nella profondità della terra dall Italia alle Filippine, all Uzbekistàn, all Abkazia, all Albania ed all Inghilterra. Questi uomini /speleologi saranno i veri custodi degli archivi del tempo metafora delle grotte cara a Giovanni Badino, speleologo e fisico tra i più noti nel mondo. Saranno questi uomini a portarci per mano a percorrere le strade ignote e piene di incognite, in quella che sembra essere rimasta l ultima disciplina di genuina ricerca geografica. Ma non solo, ancora gli speleologi ci faranno meditare su quella che è un frontiera ancora da immaginare, la complicità tra grotte e arte.

programma del pomeriggio ore 18.00

Amazing Underground (Sardegna), Giampiero Mulas, produzione Explovideos 13

Secondway ( Lombardia), di Paolo Jeannin, produzione Gruppo Grotte Brescia 16

Grotta dei Giauli (monte Pelmo Dolomiti), di Enzo Procopio e Antonio De Vivo, produzione La Venta 13

Cento giorni a Repen (carso triestino) di Daniela Perhinek e Cristian Giordani, produzione Club Alpinistico Triestino 16

Ranemotions (Veneto), di Sandro Sedran e Simona Tuzzato, produzione SSI FSV e CAI Dolo 10

Speleo Reminescenze I1 DVO, (Friuli Venezia Giulia), di Marco Bellodi, CGEB Trieste 22

Baisun Tau (Uzbekistan), di Francesco Sauro, produzione La Venta 13

Krubera-Voronja (Abkazia), di Pino Antonini 37

Programma della sera ore 20.45

Premiazione Esa Caves ( Sardegna), di Vittorio Crobu e Sirio Sechi , produzione Agenzia Spaziale Europea 15'

PRIMO PREMIO HELLS BELLS
Shaft (Inghilterra), di Rob Eavis 3'

SECONDO PREMIO HELLS BELLS
Palawan (Asia-Filippine), produzione La Venta 13

Incognita Sphella Zeze (monti Hekurave Albania), di Louis Torelli, produzione Commissione Grotte E. Boegan 24 - Fuori concorso.

Alla ricerca del fiume nascosto (Carso, fiume Timavo), di Tullio Bernabei e Fantastificio Trieste 50 MENZIONE SPECIALE. Fuori concorso.

Presentato "ALPI GIULIE CINEMA 2012"

Il Teatro Miela è e rimane la storica sede per il film di montagna a Trieste. Così, come da tradizione ultraventennale, il programma dell'edizione 2011/12 torna anche questa volta, in febbraio, nel cinema-teatro di piazza Duca degli Abruzzi, per proporre due lunghe proiezioni non-stop dedicate agli aspetti più spettacolari ed emozionanti delle discipline sportive di montagna: arrampicata su ghiaccio, sci-alpinismo, arrampicata sportiva sulle pareti del mondo e speleologia. La serata dedicata alla speleologia, presentata in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan della Società Alpina delle Giulie, raggiungerà in questa edizione della rassegna livelli veramente notevoli: sarà una vera e propria maratona ininterrotta di video, presentazioni, premiazioni dalle 18 alle 23, con l'assegnazione delle Campane d'oro e d'argento della prima edizione del concorso Hells Bells Speleo Award, esclusivamente dedicato a documentari e reportages sotterranei italiani ed esteri. A proposito di tradizioni ormai consolidate e di concorsi, l'ultimo appuntamento di questa lunga rassegna tornerà all'Antico Caffè San Marco, da dove è partita lo scorso mese di novembre, con la premiazione e la proiezione dei film premiati con la XVIII Scabiosa Trenta 2012, concorso per video di montagna di autori originari della Slovenia, Carinzia e Friuli Venezia Giulia. Una piacevole occasione, con ingresso gratuito, di avvicinarsi alle immagini di qualità delle nostre montagne. Sergio Serra, Presidente di Monte Analogo e Louis Torelli dirigente di Monte Analogo e Presidente della Commissione Grotte E.Boegan hanno illustrato l'importante appuntamento sottolineando l'importante collaborazione con ben 3 sezioni del CAI locale: l'Alpina delle Giulie e la XXX Ottobre di Trieste e la sezione di Gorizia. E' stata ricordata inoltre l'importante collaborazione dei giovani di ARCI Servizio Civile.

Premi del concorso

Bovec Film Festival

La "Quinta edizione del Festival di Bovec" è terminata in seguito a tre serate di proiezioni e alle premiazioni finali. Nella Stergult House e nel Centro Culturale di Bovec sono stati presentati 21 film. Di questi, 16 hanno partecipato alle 2 categorie competitive, Sport e Azione: brevi (meno di 15 minuti) e lunghi.

La giuria, composta dal regista austriaco Seppi Dabringer, dai fotografi statunitensi Janine e Dan Patitucci e dalla slovena esperta di cinema Nina Pece, ha scelto il film "Finnsurf" per la categoria Sport e Azioni lunghi, e "The Hardest of the Alps" per la categoria Sport Azione brevi.

"Finnsurf", un film di Aleksi Raij, racconta la storia di 5 surfisti che cercano di fare del loro meglio per navigare nel Mar Baltico, in Finlandia.

"The Hardest of the Alps", un film dei registi italiani Damiano Levati, Matteo Vettorel e Emilio Previtali, racconta di due fratelli con la passione per l'alpinismo: i Fratelli Pou della Spagna. Scalano tutte le Alpi, passando da una montagna già scalata a quella successiva.

Inoltre gli organizzatori hanno assegnato il Premio per il miglior film sloveno a "Cycling to the Sun" di Matej Tonejec, che in nove mesi è andata in bicicletta dalla sua Slovenia fino a Bangkok.

L'assegnazione del premio da parte del pubblico è andata inveca al film slovacco di Pavol Barabas "The iron hole", che racconta della spedizione in una gola molto profonda del Trou de Fer a Réunion.

CONFERENZA STAMPA ALPI GIULIE 2012

Si terrà venerdì 10 febbraio 2012 alle ore 11.00 nel'Antico Caffè S.Marco, in via Cesare Battisti 18 a Trieste, la CONFERENZA STAMPA di presentazione di ALPI GIULIE CINEMA 2012. Sono previste 3 giornate: il 18 febbraio con una magnifica carrellata di performance estreme di sci alpinismo, ice climbing, arrampicata, il 23 febbraio con una intera giornata di immagini sulla speleologia da tutto il mondo e il 1° marzo il Premio ALPI GIULIE CINEMA.

5 BOFF

Inizia il conto alla rovescia per il 5 BOFF Bovec Outdoor Film Festival. Dal 28 al 30 dicembre 2011 si terrà il tradizionale appuntamento per gli amanti dello sport "en plein air". Il programma prevede: film di sport outdoor (di cui 2 italiani), mostra di fotografie e di libri, laboratorio di snowboard e di sci fuoripista per adulti, festival di sculture di ghiaccio L'evento è organizzato dalla Società sportiva Drča, in collaborazione con il Comune di Bovec e l ufficio turistico LTO Bovec Info sul sito http://www.boff.si/

Notizie dal Nepal

I nostri amici Albero Ieralla e Jonna Iljin sono in Nepal per scalare l'Ama Dablam. Cronache di prima mano in tempo reale e fantastiche immagini sul loro blog: outdoorlab.blogspot.com. Raccomandatissimo.

TRENTO FILM FESTIVAL

Roberto De Martin è il nuovo presidente del Trento Film Festival. Il nuovo consiglio direttivo della celebre rassegna che premia ogni anno i migliori film del cinema di montagna, l ha eletto il 4 novembre a Trento, accogliendo all unanimità l indicazione lasciata dall ultima assemblea dei soci, il Comune di Trento e il Club Alpino Italiano.

De Martin era stato proposto infatti dal Club Alpino Italiano che, in quanto socio insieme al Comune di Trento, nomina il presidente del Trento FilmFestival ad anni alterni. Sessantottenne di origine bresciana, ha ricoperto la carica di presidente generale del Cai dal 1992 al 1998 e successivamente del Club Arc Alpin, la federazione che riunisce i club alpini europei.

La 60esima edizione del TrentoFilmfestival si svolgerà dal 26 aprile all 6 maggio 2012 e avrà come direttore artistico Luana Bisesti, riconfermata dall anno scorso. Il consiglio ha inoltre designato Gianluigi Bozza come vice presidente, e ha introdotto nuovi nomi nel direttivo, ovvero quelli di Luciana Chini, Giorgio Gajer e Carlo Frigo.

ALPI GIULIE CINEMA

Si terrà VENERDI’ 18 novembre 2011 alle ore 11.00 nell’Antico Caffè San Marco, in via Cesare Battisti 18 a Trieste la presentazione ufficiale di

                ALPI GIULIE CINEMA
                “Genti & Montagne”

Novembre chiama ancora all’appuntamento col cinema di montagna nella straordinaria cornice storica dell’Antico Caffè San Marco, luogo principe della cultura triestina. La prima parte della rassegna Alpi Giulie Cinema 2011/12 torna sui temi delle genti di montagna, con cortometraggi legati più “sociali” o, se vogliamo, più riflessivi rispetto allo spettacolo e all’emozione pura degli sport alpini: la tenacia e i problemi delle ultime comunità dei monti, la forza terapeutica delle avventure nei canyon della Sardegna, lo straordinario viaggio di due ragazzi attraverso le onde tra due continenti. Vera e propria sorpresa conclusiva la “prima visione” di uno straordinario documento del cinema muto Sloveno, girato sulle cime del Triglav nei primi anni 30, accompagnato dalla performance sonora dal vivo del musicista triestino Giorgio Degrassi, che reinterpreta il film in chiave attuale. A febbraio 2012 si terrà il tradizionale appuntamento con il cinema di montagna al teatro Miela, e di nuovo nella prestigiosa location del Caffè S.Marco il primo marzo con la serata conclusiva del concorso cinematografico Alpi Giulie Cinema – Premio Scabiosa Trenta.

PREMI ALPI GIULIE CINEMA - Trieste

In parallelo alla Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" si terranno due concorsi.

Dal 2012 si terrà il primo concorso di video speleologici, in collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan - Società Alpina delle Giulie, Sezione CAI di Trieste "HELLS BELLS - Speleo Award 2012". Le premiazioni(la Campana d'Oro) e le proiezione dei film in concorso si terranno giovedì 23 febbraio 2012 al Teatro Miela.

Il 1° marzo 2012 nell'Antico Caffè San Marco verranno presentate invece le migliori produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente). In premio la "Scabiosa Trenta.

Scadenza per la presentazione delle produzioni: 31 dicembre 2011.

Programma 2011/2012

Alla pagina del programma sono pubblicati i dettagli della programmazione di MontiFilm Gorizia 2011, di Alpi Giulie Cinema 2011 e di Alpi Giulie Cinema 2012

BOFF - Bovec Outdoor Film Festival

Si svolgerà nelle giornate del 28, 29, 30 dicembre la quinta edizione del BOFF - Bovec Outdoor Film Festival, una manifestazione dedicata agli sport outdoor e alla natura.

Il Festival avrà luogo a Bovec, in Slovenia.

Il sito: www.boff.si

ALPI GIULIE CINEMA - MONTIFILM

Sono state definite le date della rassegna di Cinema Montagna per il 2011 a Gorizia e Trieste:

GORIZIA - Kinemax

Martedi' 8 Novembre

ore 17.30 "Il corridore", "Crossing the ditch"

ore 21.00 "V kraljestvu Zlatoroga", "The Swiss Machine"

Martedi' 15 Novembre

ore 17.30 "Into Eternity", "The West in the East"

ore 21.00 "What happened on Pam Island", "The Prophet"

Martedi' 22 Novembre

ore 17.30 "Semus fortes", "Patagonia promise", "A life ascending"

ore 21.00 "Mani come badili: c'era una volta il CIN", "Le vene dei monti"

TRIESTE - Antico Caffè San Marco

Martedì 22 Novembre

ore 20.30 "The West in The East", "La Comunidad"

Martedì 29 Novembre

ore 20.30 "Semus Fortes"

Martedì 6 Dicembre

ore 20.30 "V Kraljestvu Zlatoroga"

Martedì 13 Dicembre

ore 20.30 "Crossing the Ditch"

Film Festival di Trento

La giuria del 59° TrentoFilmFestival 2011 ha visionato i 27 film in concorso e assegnato i seguenti Premi: GRAN PREMIO CITTA' DI TRENTO GENZIANA D'ORO al miglior film che in assoluto, possedendo elevate qualità artistiche, corrisponda agli obiettivi culturali cui il Festival si ispira

SUMMER PASTURE di Lynn True e Nelson Walker (USA)

PREMIO CITTA' DI BOLZANO GENZIANA D'ORO AL MIGLIOR FILM DI ESPOLORAZIONE O AVVENTURA

PARE, ESCUTE, OLHE di Jorge Pelicano (Portogallo)

PREMIO DEL CLUB ALPINO ITALIANO - GENZIANA D'ORO AL MIGLIOR FILM DI ALPINISMO O MONTAGNA

THE ASGARD PROJECT di Alastair Lee (Gran Bretagna)

GENZIANA D'ARGENTO AL MIGLIOR MEDIOMETRAGGIO

LUKOMIR di Niels van Koevorden (Olanda)

GENZIANA D'ARGENTO AL MIGLIOR CONTRIBUTO TECNICO-ARTISTICO

DECLARATION ON IMMORTALITY di Marcin Koszalka (Polonia)

GENZIANA D'RGENTO AL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

IL CAPO di Yuri Ancarani (Italia)

PREMIO DELLA GIURIA

INTO ETERNITY di Michael Madsen (Danimarca)

Congresso nazionale speleologia a Trieste

Si terrà a Trieste dal 2 al 5 giugno 2011 il 21° Congresso Nazionale di Speleologia. Tutte le info: www.21congressospeleo.it

Trento Filmfestival

Trento torna capitale internazionale della montagna grazie ad una miriade di appuntamenti, e occasione ideale per trascorrere alcuni giorni immersi nell'incantata dimensione della montagna grazie alla 59a edizione del Trento Filmfestival. Tutto il programma su: www.trentofestival.it

Incontri di Cultura Fotografica

L'Associazione A.C.Q.U.A., in collaborazione con Monte Analogo, organizza un percorso di incontri di cultura fotografica, per chi vuole imparare e migliorarsi nelle capacità espressive e nella tecnica, articolato su sessioni di lettura e studio di opere fotografiche selezionate (libri e scatti singoli, per conoscere "dal vivo", con esempi concreti la "buona" creazione dell'immagine fotografica. Sono previste anche uscite di ripresa per la sperimentazione "sul campo". Il programma è disponibile in sede.

Premio Alpi Giulie Cinema

E terminata giovedì 24 febbraio 2011 all Antico Caffè S.Marco di Trieste, con grande successo di pubblico, la rassegna ALPI GIULIE CINEMA (cinema di montagna) organizzata dall Associazione MONTE ANALOGO. L ultima giornata era dedicata alla premiazione e proiezione delle opere scelte dalla Giuria del Premio Alpi Giulie Cinema , riservato alle produzioni cinematografiche di autori della Carinzia, Friuli Venezia Giulia e Slovenia. Al regista del miglior video è stata assegnata la SCABIOSA TRENTA , fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Quest anno il premio è stato realizzato in acquerello dalla pittrice Riccarda de Eccher. Di origine trentina ma udinese d adozione, presente in sala. Erano presenti Sergio Serra, Giuliano Gelci, Louis Torelli, dell associazione MONTEANALOGO che hanno premiato, le registe Anja Medved e Nadja Velušček del film "Trenutek Reke/Il Tempo del Fiume" con la SCABIOSA TRENTA , principale riconoscimento del concorso. Il premio in memoria Luigi Medeot come miglior soggetto è stato assegnato a Gianpaolo Penco , regista del film Guardare il silenzio . Immagini e verbali della giuria alla pagina del concorso.

ALPI GIULIE CINEMA - ultimo appuntamento

Dopo lo straordinario successo della serata dedicata alla speleologia, tenutasi al Teatro Miela lo scorso giovedì 17 febbraio, con la partecipazione dei graditissimi ospiti Rivadossi e Sedran e la presentazione, tra gli altri sei film in rassegna, dell'anteprima del documentario "Canin, la strada nella roccia" in realizzazione su iniziativa di Monte Analogo e Commissione Grotte Eugenio Boegan con la partecipazione della Regione Friuli Venezia Giulia, la rassegna di quest'anno arriva all'ultima tappa.
Con ingresso gratuito, alle ore 20.30 di giovedì 24 febbraio prossimo, andrà in scena all'Antico Caffè San Marco in via C.Battisti 18, a Trieste, la diciasettesima edizione del concorso Alpi Giulie Cinema - Scabiosa Trenta 2011, con la premiazione dei vincitori (registi e autori di Friuli, Carinzia e Slovenia) e la proiezione dei cortometraggi premiati. La Scabiosa Trenta è stata realizzata dalla pittrice Riccarda De Eccher, che sarà presente in sala. Brindisi conclusivo!

ALPI GIULIE CINEMA

Giovedì 3 febbraio al Teatro Miela è stata presentata ALPIGIULIE CINEMA 2011, la ormai classica rassegna di cinema di montagna di Trieste che ormai ha doppiato la boa dei venti anni di storia. Sergio Serra e Giuliano Gelci, rispettivamente Presidente e VicePresidente dell Associazione Monte Analogo, hanno dichiarato che sono particolarmente fieri di questo traguardo, che ha portato nella nostra e in altre città più di 200 pellicole e video, tra i più famosi, importanti, premiati del mondo. Pur con le note difficoltà che caratterizzano ogni iniziativa di ordine culturale di questo ultimo periodo, anche quest anno l offerta visiva sarà spettacolare e significativa, ancora una volta ospitata nella cornice del Teatro Miela nel mese di febbraio 2011, dopo il successo della prima parte del novembre 2010 all Antico Caffè San Marco. Serra ha comunicato che un vero e proprio evento sarà la proiezione del 10 febbraio del film Mount Sant Elias, vera e propria docu-fiction sulla discesa in sci più lunga e pericolosa del mondo in Alaska, che ha ottenuto premi e riconoscimenti in tutte le rassegne internazionali cui ha partecipato; ultima in ordine di tempo il Bovec Outdoor Festival di fine anno in Slovenia. Non poteva mancare al carnet di proposte due originali ed emozionanti film di arrampicata di respiro internazionale. In collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan della Società Alpina delle Giulie il 17 febbraio sarà invece un intera giornata di proiezioni (pomeriggio-sera) dedicata alla speleologia, consolidando così una interessante e produttiva collaborazione nella città che è stata la culla della speleologia internazionale. L'appuntamento prevede una miscellanea di immagini e cortometraggi che danno una ampia visione sugli aspetti più attuali della speleologia italiana. Esplorazione e scienza sono impegnate a salvaguardare le acque che sono la risorsa primaria della terra e che dalla profondità della terra (le grotte) nascono. Dal Veneto, dalla Sardegna, e dalla Toscana, con il contributo di importanti autori, da Andrea Gobetti a Tullio Bernabei (spesso ospiti di Monte Analogo) e l'emergente Sandro Sedran, si evidenzia l'aspetto ecologico-didattico che si pone come una necessità a protezione degli ambienti sotterranei profondi, in quanto parte di un ecosistema delicato, da tutelare nella sua integrità; rocce, minerali e acque, parchi speleologici, caparbietà esplorativa e di tutela che contraddistinguono la figura dello speleologo. La prima sezione pomeridiana è dedicata ad una retrospettiva di avventura-esplorazione speleo-subacquea di produzione dell inglese Marcus Taylor in una delle più importanti risorgive carsiche del nord Italia e un salto in Africa con un video dedicato al Canyonig prodotto da Matteo Rivadossi, uno dei più noti speleo-alpinisti italiani. Il premio Scabiosa Trenta, Alpi Giulie Cinema 2011, giunto alla 17a edizione, concluderà, come da tradizione, l intero percorso della manifestazione, con la premiazione e la visione dei video premiati provenienti da Carinzia, Slovenia, Friuli Venezia Giulia, presso l Antico Caffè San Marco a Trieste. Gelci ha ricordato i patrocini del Comune e Provincia di Trieste e della Regione Friuli Venezia Giulia. Ha sottolineato inoltre le importanti collaborazioni con il Film Festival di Trento, il Bovec Outdoor Film Festival, il CAI di Gorizia e la Commissione Grotte Eugenio Boegan del CAI Società Alpina delle Giulie di Trieste. Un sentito grazie è andato inoltre ai volontari di ARCI Servizio Civile di Trieste per il grosso impegno dato nelle traduzioni delle produzioni presentate e agli studenti universitari che stanno svolgendo stage nell Associazione.

ALPI GIULIE CINEMA SUI MEDIA

Monte Analogo presenterà la ventunesima edizione di ALPI GIULIE CINEMA martedì 8 febbraio alle ore 20.45 (repliche mercoledì 9 e giovedì 10 febbraio alle ore 15.20) sulle frequenze di RTVKoper-TeleCapodistria nell'ambito del programma "K2 - La montagna e le sue genti". Sono previsti inoltre interventi specifici su TeleQuattro, Antenna 3 e Radio Attività.

CONFERENZA STAMPA

Si terrà giovedì 3 febbraio 2011 alle ore 11.00 nel Teatro Miela, in Piazza Duca degli Abruzzi 3 a Trieste, la CONFERENZA STAMPA di presentazione di ALPI GIULIE CINEMA 2011. Sono previste 3 giornate: il 10 febbraio con una magnifica carrellata di performance estreme di sci alpinismo, mountain bike, arrampicata, il 17 febbraio con una intera giornata di immagini sulla speleologia italiana e il 24 febbraio il Premio ALPI GIULIE CINEMA.

TIROCINIO CON MONTE ANALOGO per studenti universitari.

Monte Analogo offre la possibilità di svolgere attività di stage a studenti universitari iscritti alla facoltà di Lettere e Filosofia di Trieste.
Lo stage è un’attività che si svolge all’esterno dell’università presso enti, ditte, istituzioni o privati. È anche un adempimento che l’attuale ordinamento di legge prevede per gli Atenei e le Facoltà. Gli studenti interessati sono invitati a contattare Monte Analogo per concordare le modalità di svolgimento dello stage. Rimandiamo al sito dell'Università di Trieste per ulteriori dettagli.

Quarta edizione Bovec Outdoor Film Festival: i film premiati.

Dopo tre serate di proiezione, alla Quarta edizione del Bovec Outdoor Film Festival, sono stati premiati: per la categoria Sport e Azione il film austriaco di sci estremo Mount St. Elias (che verrà presentato a Trieste giovedì 10 febbraio) e To the Rainbow, un cortometraggio inglese di arrampicata. Per la categoria Natura e Ecologia il film australiano sui deserti di sale Salt, già presentato a Trieste il 19 novembre 2010. Un film di snowboard (Grilomentary) si è meritato il riconoscimento di Miglior film Sloveno, mentre Life Cycles ha vinto il Premio di Pubblico.

BOFF

Si terrà tra il 28 e il 30 dicembre 2010 a Bovec, in Slovenia, il 4° Bovec Outdoor Film Festival, rassegna cinematografica di sport outdoor, natura ed ecologia organizzato dall'associazione DRČA. Sono previste produzioni slovene, austriache, americane, inglesi e canadesi. Sergio Serra, presidente di Monte Analogo, sarà presente in qualità di membro della giuria. Ulteriori informazioni: www.boff.si

La SCABIOSA TRENTA 2011

Sarà la trentina Riccarda De Eccher a realizzare la SCABIOSA TRENTA 2011, il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, che costituisce il principale riconoscimento del concorso.

Di origini trentine ma udinese di adozione in quanto la sua famiglia si trasferisce nel capoluogo friulano quando lei è giovanissima. Legata da sempre alla montagna si avvicina ben presto al mondo dell'alpinismo. A Udine però all'epoca (si era nei primi anni '70) l'ambiente alpinistico era piuttosto conservatore, anche rispetto a una presenza femminile. Cerca e trova subito altri luoghi e nuove amicizie. A Trieste l'ambiente è più consono al suo carattere. Bianca di Beaco e Tiziana Weiss sono rispettivamente l'immediato passato e il presente dell'alpinismo femminile triestino e non solo. Da Trieste il campo si allarga a tutto l'arco alpino. All'epoca non sono molte le ragazze in grado di arrampicare su difficoltà superiori al quarto grado. Innumerevoli le vie di roccia di difficoltà estreme percorse, in cordate miste o interamente femminili. Partecipa a due spedizioni himalayane, all'Annapurna 3 e all'Everest. Il matrimonio, il trasferimento negli Stati Uniti ed i figli contribuiscono ad allontanarla dall'alpinismo di punta. In anni recenti si riavvicina alla montagna, amore mai abbandonato, dedicandosi alla pittura, ritraendo le cime e le pareti alle quali è più legata: Dolomiti, Alpi Giulie e Carniche. La tecnica prevalente è quella particolarmente difficile dell'acquerello. I primi lavori vengono raccolti e pubblicati in tre piccoli libri: La cengia Paolina (2004); Bianco di Neve(2005); Un compagno di cordata(2006) in collaborazione con lo scrittore Enrico Maria Pizzarotti e pubblicato da Antiquità Edizioni. Espone per la prima volta nel 2007 alla Libreria Sovilla di Cortina d Ampezzo. In seguito sue opere sono comprese nelle mostra Le Montagne del Cuore al Museo Murer di Falcade. Espone ancora a Belluno nell'ambito della manifestazione Oltre le Vette, e a Trieste. L'ultima sua esposizione pesonale si è tenuta nel maggio del 2010 alla Galleria Visconti di Ljubljana.

La consegna della SCABIOSA TRENTA 2011 al vincitore del Premio Alpi Giulie Cinema si terrà in concomitanza con la proiezione della pellicola vincente giovedì 24 febbraio 2011 alle ore 20.30, all'Antico Caffè San Marco in via C. Battisti 18 a Trieste (ingresso gratuito).

Premio Alpi Giulie Cinema

In parallelo alla Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" organizzata dall Associazione Monte Analogo che si terrà a Trieste dal mese di novembre 2010 a febbraio 2011, si svolgerà il Premio Alpi Giulie Cinema", riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna sotto gli aspetti sportivo, culturale, storico, ambientale ed etnografico. L'iniziativa, unica nel suo genere, sia per il contenuto delle opere che per la caratterizzazione internazionale è un punto fisso di riferimento culturale in un territorio come quella dell'Alpe Adria che ferve di piccoli e grandi produttori di filmati dedicati alla montagna che difficilmente trovano gli spazi adeguati per proporre le loro realizzazioni. Al regista del miglior video verrà assegnata la Scabiosa Trenta", fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreterà questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. Verrà assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna). Le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna, verranno proiettate all Antico CAFFE SAN MARCO di Trieste. Il termine ultimo per la presentazione scade il giorno 31 dicembre 2010. Il materiale dovrà pervenire presso la sede organizzativa:

MONTE ANALOGO ALPI GIULIE CINEMA Via Fabio Severo 31 34133 TRIESTE ITALIA Per l'iscrizione scaricare il bando di concorso e la scheda di partecipazione dal sito www.monteanalogo.net

ALPI GIULIE CINEMA 2010

Martedì 9 novembre al Caffè S.Marco di Trieste Giuliano Gelci e Sergio Serra dell'Associazione MONTEANALOGO hanno presentato la prima parte della rassegna di Cinema di Montagna ALPI GIULIE CINEMA. Erano presenti anche Giorgio Godina, Presidente della XXX Ottobre CAI di Trieste, il giornalista e saggista della montagna Luciano Santin e Riccarda De Eccher, alpinista e pittrice, autrice del Premio "La Scabiosa Trenta".

Come ormai consuetudine, ha inizio nel novembre 2010 la prima parte della rassegna di cinematografia di montagna Alpi Giulie Cinema, la quale si articolerà e concluderà nel febbraio 2011 con la seconda parte della rassegna e il premio Scabiosa Trenta.

Ospitata ancora una volta nella splendida cornice dell’Antico Caffè San Marco a Trieste, le tre serate di Genti e Montagne esplorano la parte forse meno atletica, avventurosa di cime e pareti, per addentrarsi in un universo legato agli aspetti più culturali, etnici, ecologici delle catene montuose del mondo. Pirenei, Urali, Himalaya faranno quest’anno da spettacolare sfondo ad altrettante avventure “sociali” legate alla montagna: il cammino come possibile forma di espiazione per giovani detenuti, la salvaguardia della natura, il duro e silenzioso lavoro degli sherpa, il popolo che rende oggi possibile il turismo d’altissima quota. L’ingresso sarà gratuito e libero a tutti: aspetto non da poco coi tempi che corrono, per rimandare a reportages di avventura ed exploit la seconda parte, tradizionalmente ospitata presso il Teatro Miela nel febbraio del prossimo anno.

Con il patrocinio di Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia e Comune di Trieste

In collaborazione con CAI Sezione di Gorizia, Trento Film Festival, Cooperativa Bonawentura, ARCI Trieste

Conferenza stampa

Si terrà martedì 9 novembre 2010 alle ore 11.00 nell'Antico Caffè San Marco, in via Cesare Battisti 18 a Trieste la presentazione ufficiale della rassegna cinema di montagna ALPI GIULIE CINEMA.

Bando di concorso 2010/2011

Pubblicato il bando di concorso per l'edizione 2010/2011

Scaricatelo dalla pagina del concorso.

Objavljen je bil razpis za natečaj 2010/2011

Prenesite si ga iz strani natečaja.

The 2010/2011 Competition has been announced

Download the rulebook and the admission form from the Competition page.

Ventunesima edizione

E’ in fase di programmazione la rassegna ALPI GIULIE CINEMA giunta alla ventunesima edizione.

Dal mese di novembre 2010 alla primavera 2011 sono previste proiezioni in tutta la regione Friuli Venezia Giulia con produzioni cinematografiche di alpinismo, arrampicata, speleologia, sci, avventura, natura, vita e impegno sociale in montagna, provenienti oltre che dall’ Italia, dalla Svizzera, Germania, Australia, Russia, Slovenia, Austria, Francia, Belgio, Stati Uniti.

Premiati i vincitori dell'edizione 2009/2010

E terminata giovedì 25 febbraio 2010 all Antico Caffè S.Marco di Trieste, con grande successo di pubblico, la rassegna ALPI GIULIE CINEMA (cinema di montagna) organizzata dall Associazione MONTE ANALOGO.

Erano presenti Sergio Serra, Giuliano Gelci e Louis Torelli dell associazione MONTEANALOGO che hanno premiato Giorgio Gregorio, regista del film Giorgio Gervasutti, il solitario signore delle pareti con la SCABIOSA TRENTA , principale riconoscimento del concorso. Il premio in memoria Luigi Medeot come miglior soggetto è stato assegnato a Franco Longo, regista del film Il segreto dell orrido nascosto di Casasola .

Immagini e verbali della giuria alla pagina del concorso.

Premiazione del concorso “ALPI GIULIE CINEMA 2010”

Giovedì 25 febbraio 2010 alle ore 20.30 nell’Antico Caffè S.Marco in via C.Battisti 18 a Trieste l’ assegnazione della “SCABIOSA TRENTA” al miglior film del concorso.
I film stranieri, selezionati dalla giuria, saranno proposti in lingua originale con traduzione simultanea.
All’inizio della serata verrà assegnata al regista del miglior video la “Scabiosa Trenta”, il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere e poeta delle Alpi Giulie, Julius Kugy , creato ogni anno da un diverso artista in ambito regionale.
Quest’anno la “Scabiosa Trenta” è stata realizzata in pietra carsica dal triestino Paolo Hrovatin.
Verrà assegnato anche un premio per il migliore soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista “Alpinismo Goriziano” e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna).

Conferenza stampa

Si terrà giovedi’ 4 febbraio 2010 alle ore 12.00 al Teatro Miela in Piazza Duca degli Abruzzi 3, a Trieste, la conferenza stampa di presentazione della seconda parte della rassegna “ALPI GIULIE CINEMA”.

La SCABIOSA TRENTA 2010

Sarà il triestino Paolo Hrovatin a realizzare la SCABIOSA TRENTA 2010, il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, che costituisce il principale riconoscimento del concorso.

Hrovatin vive ed opera a Borgo Grotta Gigante (Comune di Sgonico-Italia) ed è proprio qui che fin da piccolo resta affascinato dall'elemento naturale che lo circonda: la pietra carsica. Nasce cosi la sua simbiosi con questa materia dovuta anche forse al fatto che il padre lavorava in cava. Abilmente, con originalità e fantasia inizia a trasformare le dure pietre in vere e opere d'arte. Dalle sue mani escono stupendi basso rilievi, pazientemente scolpiti, impreziositi da diversi tipi di pietre che creano una tridimensionalità assoluta. Tappa obbligatoria quando si va a passeggiare sul Carso quella di visitare il suo originale show-room, dove si possono ammirare le sue creazioni che spaziano da grandi sculture a piccoli oggetti d'arredo. Meravigliose poi le sue fontane che richiamano l'antica filosofia orientale del Feng Shui, ricche di una bellezza esteriore unica nel suo genere, perfette nelle forme astratte ed armonizzate sapientemente con giochi d'acqua e cascatelle che ci proiettano in un'atmosfera di massima tranquillità, regalandoci emozioni intense ormai dimenticate.

La consegna della SCABIOSA TRENTA 2010 al vincitore si terrà in concomitanza colla proiezione della pellicola vincente giovedì 25 febbraio 2010 alle ore 20.30 all’Antico Caffè San Marco in via C. Battisti 18 a Trieste (ingresso gratuito).

Premio Alpi Giulie Cinema

In parallelo alla Rassegna Internazionale "ALPI GIULIE CINEMA" organizzata dall Associazione Monte Analogo che si terrà a Trieste tra novembre 2009 e febbraio 2010, si svolgerà il 25 febbraio 2010 all Antico Caffè San Marco a Trieste, il Premio Alpi Giulie Cinema", riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente). L'iniziativa, unica nel suo genere, sia per il contenuto delle opere che per la caratterizzazione internazionale è un punto fisso di riferimento culturale in un territorio come quella dell'Alpe Adria che ferve di piccoli e grandi produttori di filmati dedicati alla montagna che difficilmente trovano gli spazi adeguati per proporre le loro realizzazioni. Al regista del miglior video verrà assegnata la Scabiosa Trenta", fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreterà questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. Verrà assegnato anche un premio per il miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna)

Le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna, verranno proiettate nell Antico Caffè S.Marco di Trieste, nell ambito della Rassegna Internazionale ALPI GIULIE CINEMA Bando di concorso:

MONTE ANALOGO indice un concorso riservato alle produzioni cinematografiche di autori delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia.

Saranno ammessi filmati in formato DVD purchè di recente produzione (2008-2009)

Le opere dovranno essere inerenti agli ambienti montani sotto gli aspetti sportivo, culturale, ambientale ed etnografico. I filmati dovranno essere presentati all organizzazione nel formato DVD da sottoporre all' esame della giuria per l'eventuale proiezione in sala, qualora l'opera venga premiata.

Per le opere in lingua straniera non doppiate in italiano, si richiede l'invio dello script in italiano o in inglese.

Il termine ultimo per la presentazione scade il giorno 31 dicembre 2009. Il materiale dovrà pervenire presso la sede organizzativa:

MONTE ANALOGO ALPI GIULIE CINEMA Via Fabio Severo 31 34133 TRIESTE ITALIA Telefono/fax +39040761683 E-mail: info@monteanalogo.net

I tre componenti della giuria saranno scelti tra autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna.

Le produzioni premiate, assieme ad eventuali pellicole degne di nota, verranno proiettate a Trieste, il 25 febbraio 2010, durante la serata dedicata alla premiazione che si terrà nell ambito della Rassegna ALPI GIULIE CINEMA

I partecipanti autorizzano espressamente l'organizzazione a trattenere una copia della produzione a scopo di archivio.

Per l'iscrizione scaricare il bando di concorso (PDF - 85 kB) e la scheda di partecipazione (PDF - 48 kB) dal sito www.monteanalogo.net

Programma 2009/10

Disponibile sulla pagina apposita il programma completo dell'edizione 2009/10 di Alpi Giulie Cinema - Genti & Montagne, che si svolgera a Trieste e Gorizia da novembre 2009 a febbraio 2010.

Presentazione di Alpi Giulie Cinema il 10 novembre al Caffè San Marco

La presentazione ufficiale di Alpi Giulie Cinema - Rassegna internazionale “CINEMA di MONTAGNA” si terrà nell'Antico Caffè San Marco in via Battisti 18 a Trieste il 10 novembre 2009 alle ore 11.00. La rassegna si terrà nelle province di Gorizia, Trieste, Udine e Pordenone da novembre 2009 a luglio 2010.

ALPI GIULIE CINEMA 2009-2010

In fase di programmazione la rassegna ALPI GIULIE CINEMA 2009/10. Da novembre 2009 fino alla primavera 2010, da Gorizia alla Pedemontana Pordenonese, da Trieste alla Carnia Friulana verranno proiettati produzioni cinematografiche di alpinismo, arrampicata, speleologia, sci, avventura, natura, vita in montagna. Previsti film provenienti, oltre dall' Italia, dal Cile, Cina, Germania, Svizzera, Francia, Austria, USA, Iran.

Concluderà l' iniziativa la premiazione e proiezione dei film premiati, dell' ormai noto concorso ALPI GIULIE CINEMA, ospitato nella suggestiva cornice dell' Antico Caffè San Marco a Trieste.

TRIESTE Teatro Miela Piazza Duca degli Abruzzi 3

Antico Caffè San Marco Via Cesare Battisti 18

Con il patrocinio di Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia e Comune di Trieste. In collaborazione con CAI Sezione di Gorizia, Trento Film Festival, Cooperativa Bonawentura Trieste, ARCI Servizio Civile Trieste, CAI - Società Alpina delle Giulie Trieste, Commissione Grotte Eugenio Boegan.

PREMIO ALPI GIULIE CINEMA 2009

La giuria del Premio Alpi Giulie Cinema composta da:

Luciano Santin             Giornalista

Giorgio Gregorio               Regista

Peter Podgornik            Alpinista

dopo aver visionato le opere presentate in concorso nel febbraio 2009, assegna all unanimità il seguente riconoscimento: Premio Scabiosa Trenta 2009 Premio Luigi Medeot
al film ON THE SUNNY SIDE OF THE ALPS Con la seguente motivazione: Il film, seppur nella sua brevità, restituisce allo spettatore la bellezza delle Alpi Giulie e, grazie alla scelta della sceneggiatura, lo fa ponendo in primo piano i valori più nobili della montagna, al di là della quotidianità materiale, dell identità nazionale ed etnica, condividendo così appieno gli ideali a cui si è ispirato Julius Kugy nella sua ricerca come botanico ed alpinista; misura, garbo ed ironia sono gli elementi che l autore sceglie per la costruzione del racconto, prefernedo l allusione e la complicità all esplicitazione. Si vuole per altro sottolineare che, seppur comprendendo il profondo legame culturale che sussiste tra la caccia e la cultura dei montanari, non si condivide la scelta di iniziare il film rappresentando la gioia del protagonista per l uccisione di un animale selvatico.

segnala all unanimità: il film ILLIMANI Con la seguente motivazione: Pur restando nel genere del diario di viaggio di una spedizione di alpinisti, realizzato con strumenti e metodi tipici del home-movie, si stacca dalle altre opere di questo tipo iscritte al concorso, per originalità, sia per una certa qualità delle immagini, sia nelle scelte di montaggio.

La Scabiosa Trenta 2009 per il premio Alpi Giulie Cinema è stato realizzata dall artista triestino Andrea Milia.

PREMIO ALPI GIULIE CINEMA 2009 (Julian Alps Cinema Prime)

The jury of the Julian Alps Cinema Prize consists of:

Journalist Luciano Santin -

Producer George Gregory

Peter Podgornik Mountaineer

Having seen the works submitted in competition in February 2009, gives the following recognition: the Scabiosa Thirty award 2009 Luigi Medeot 's award to the film ON THE SUNNY SIDE OF THE ALPS for the following reason: The film, albeit in its brevity, allows the public to sympathetic with the beauty of the Julian Alps and, thanks to the choice of the script, it does so by putting in the foreground the most noble of the mountain, beyond the everyday material, beyond the national and ethnic identity, sharing so fully the ideals for which it was inspired in his Julius Kugy 's searching as botanist and mountaineer; the measure, grace and irony are the elements that the author chooses for the construction of the story. It also wants to stress that, although it can be understood the deep cultural bond that exists between the hunting and the culture of the mountain, there 's no sharing about the joy of the protagonist to kill a wild animal. It also indicates unanimously: ILLIMANI film as winner according to that reason: While remaining generally in the travel diary of an expedition of climbers, carried out with tools and methods of typical home-movie, it detaches from the other works of this kind in the competition, especially for the originality, but both for a certain image quality and in montage. The Award 2009 for the Julian Alps Cinema was built by the artist Andrea Milia Trieste.

Premio Alpi Giulie Cinema

E terminata giovedì 26 febbraio 2009 all Antico Caffè S.Marco di Trieste, con grande successo di pubblico, la rassegna ALPI GIULIE CINEMA (cinema di montagna. L ultima giornata era dedicata alla premiazione e proiezione delle opere scelte dalla Giuria del Premio Alpi Giulie Cinema , riservato alle produzioni cinematografiche di autori della Carinzia, Friuli Venezia Giulia e Slovenia. Al regista del miglior video è stata assegnata la SCABIOSA TRENTA , fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie Julius Kugy, a 151 anni dalla sua nascita. Quest anno il premio è stato creato dall artista triestino Andrea Milia. Erano presenti per MONTE ANALOGO Sergio Serra, Giuliano Gelci, Louis Torelli, per la giuria Luciano Santin e Giorgio Gregorio che hanno premiato lo sloveno Janez Burger e i goriziani Andrea Olivieri e Alessandro Simonazzi.

La rassegna dopo Gorizia e Trieste si trasferirà adesso in Carnia e nel Pordenonese.

ALPI GIULIE CINEMA si è tenuto con il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia e Comune di Trieste; in collaborazione con il CAI di Gorizia, Trento Film Festival, Cooperativa Bonawentura, ARCI Servizio Civile, Antico Caffè S.Marco, CAI Società Alpina delle Giulie, Commissione Grotte Eugenio Boegan.

Premio alpi giulie cinema

It s over on Thursday 26th February 2009 at Antico Caffè San Marco in Trieste, with great success of the public, the exhibition ALPI GIULIE CINEMA (cinema mountain). The last day was dedicated to the awards ceremony and screening of works chosen by the Jury Prize Julian Alps Cinema, reserved for film productions of authors of Carinthia, Friuli Venezia Giulia and Slovenia. To the best video director was assigned the Scabiosa THIRTY, alpine flower imagery searched for a life by the great pioneer of the Julian Alps Julius Kugy, 151 years after its birth. This year the prize was created by artist Andrea Milia Trieste. They were present as MONTE ANALOGOUS 's association Sergio Serra, Giuliano Gelci, Louis Torelli, for the jury Santin Luciano and George Gregory who rewarded Slovenian Janez Burger and Gorizia Andrea Olivieri and Alessandro Simonazzi. The review from Gorizia and Trieste is moving to Carnia and Pordenone. ALPI GIULIE CINEMA was held under the patronage of the Regione Friuli Venezia Giulia, the Province and the Municipality of Trieste, in collaboration with CAI Gorizia, Trento Film Festival, Cooperative Bonawentura, Arci Servizio Civile, Antico Caffè San Marco, CAI Alpine Society of Julian Commission Grotte Eugenio Boegan.

PRESENTAZIONE UFFICIALE -Seconda parte della Rassegna-

ALPI GIULIE CINEMA

RASSEGNA INTERNAZIONALE “CINEMA di MONTAGNA”

MARTEDI’ 10 FEBBRAIO 2009 alle ore 11.00 al Teatro Miela Piazza Duca deli Abruzzi 3 - Trieste

si terrà la presentazione ufficiale di

“ALPI GIULIE CINEMA” CINEMA di MONTAGNA

La Vostra presenza sarà particolarmente gradita

Segreteria Organizzativa MONTE ANALOGO Via Fabio Severo 31 34100 TRIESTE (Italy) Tel/Fax: +39 040 761683
Cell. +39 335 5279319 info@monteanalogo.net www.monteanalogo.net

Monte Analogo (dal titolo dell’omonimo libro di René Daumal, un classico della letteratura di montagna) è il nome assunto dell’Associazione costituita a Trieste, che mira a sviluppare e dare un nuovo impulso alla divulgazione, alla didattica e alla diffusione di immagini e materiale riguardo alle vette di tutto il mondo e ai protagonisti di viaggi, spedizioni e attività sportive relative all’ambiente. Opera in tutta la regione.

ALPI GIULIE CINEMA febbraio 2009

ALPI GIULIE CINEMA 2009

Inizia con un importante appuntamento dedicato alla speleologia (nobile e dura disciplina, ingiustamente trascurata nel circuito del grande cinema di montagna), la seconda parte della rassegna ALPI GIULIE CINEMA 2008/9 a cura dell' Associazione MONTE ANALOGO di Trieste. In collaborazione con la Commissione Grotte Eugenio Boegan della Società Alpina delle Giulie, la manifestazione presenta ben quattro film, distribuiti tra due proiezioni nel pomeriggio-sera, con splendide e avventurose immagini provenienti da Scandinavia, Caucaso, Velebit e Marguareis; ospite d' eccezione lo speleologo, giornalista e scrittore Andrea Gobetti. Gli ottomila di Himalaya e Karacorum sono in seguito gli immensi scenari dei drammi d' alta quota narrati in altri cortometraggi, ad opera di registi tedeschi e australiani, della seconda serata della rassegna, ospitata (come da tradizone) al Teatro Miela di Trieste. Per la prima volta l' appuntamento di quest anno presenta, come nell' edizione goriziana, il programma pomeridiano differenziato, ospitando due grandi film in tema Natura/Ambiente: uno struggente documentario sulla convivenza tra ricercatori e orsi Grizzly, nella penisola di Kamchatka e un contributo sul dramma dello scioglimento dei ghiacci e l' inquinamento planetario da pesticidi, ambientato in Groenlandia, Conclude l' iniziativa la premiazione e proiezione dei film premiati, dell' ormai noto concorso ALPI GIULI CINEMA, in questa edizione ospitato nella suggestiva cornice dell' Antico Caffè San Marco a Trieste. Buona visione.

TRIESTE Teatro Miela Piazza Duca degli Abruzzi 3

Antico Caffè San Marco Via Cesare Battisti 18

Con il patrocinio di Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia e Comune di Trieste In collaborazione con CAI Sezione di Gorizia, Trento Film Festival, Cooperativa Bonawentura Trieste, ARCI Servizio Civile Trieste, CAI - Società Alpina delle Giulie Trieste, Commissione Grotte Eugenio Boegan

Giovedì 12 Febbraio Teatro Miela (ingresso € 5,00)

speleologia

ore 18.00

- RAGGE JAVRE RAIGE (Italia) 37'10"

Giugno 2007, cinque ragazzi del Gruppo Grotte Brescia partono per visitare una grotta mitica, Ragge Javre Raige, a Nord della Norvegia. Aerei, macchina a noleggio, barca di pescatori... dopo un lungo percorso ritagliato lungo i fiordi arrivano all' ingresso di questa grotta che in realtà è una traversata: si apre a 600 metri di quota, si snoda in una lingua di calcare incastonata tra i graniti e sbuca con due ingressi bassi, uno a 3 metri s.l.m. e l' altro circa 100 metri più in alto.

- SPELEOLOGY: A JORNEY TO THE CENTER OF EARTH (Russia) 50'40"

I cavers sono gli ultimi pionieri sulla faccia della Terra. Un gruppo di reporter professionisti segue le orme degli esploratori spelologi da distanza ravvicinata . Tutto si svolge nell' estate 2003 in Abkhazia (Caucaso) durante una spedizione internazionale nella grotta di Krubera Voronja, la cavità che diventerà l' abisso più profondo conosciuto al mondo.

ore 20.30

- VELEBITA 2007 (Croazia) 28'28"

A pochi chilometri dai nostri confini nord-orientali inizia un mondo geografico semi-sconosciuto. Si incunea nei Balcani tra le isole della Dalmazia e l' interno più selvaggio croato, la catena montuosa dei Velibit, che cela un nuovo eldorado per la speleologia esplorativa. Un' agguerrita spedizione scopre un nuovo abisso che nasconde una sorpresa, uno dei pozzi verticali più profondi al mondo.

- LA LUNGA NOTTE (Italia) 36'30"
ospite in sala: Andrea Gobetti

Nell' agosto del 2007 la maggior parte degli speleologi attivi italiani trascorrono ore tranquille impegnati nelle loro attività di routine. Non sanno che da li a poco, in quanto volontari del soccorso speleologico verranno reclutati d' urgenza per un intervento veramente estremo, uno dei più difficili degli ultimi anni. Igor , uno speleologo croato, si è ferito gravemente in Piaggia Bella, grotta fredda e impegnativa situata sugli altipiani della catena del Marguareis, nelle Alpi Marittime. La situazione si presenta subito delicata per non compromettere il ferito e stabilizzarlo al meglio. Bisogna recuperarlo in barella da cinquecento metri di profondità e per diversi chilometri di galleria e meandri sospesi strettissimi.

Giovedì 19 febbraio Teatro Miela (ingresso € 5,00)

uomo e ambiente

ore 18.00

- THE EDGE OF EDEN: LIVING WITH GRIZZLIES (Canada) 89'
56° Trento Film Festival

Il grizzly è considerato da molti l' animale più pericoloso al mondo. Ma c è un ambientalista canadese, Charlie Russel, che non la pensa così. Lui crede che i grizzly siano animali incompresi e che la nostra paura sia inutile, e li stia portando all' estinzione. Le sue convinzioni lo hanno spinto a trasferirsi in Russia, nella regione selvaggia a sud della penisola di Kamchatka dove, da dieci anni, alleva cuccioli orfani di grizzly. Diventando la loro madre adottiva lotta per tenere in vita i cuccioli ed insegnare loro tutto ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere allo stato brado. Il film segue le imprese di Russel mentre salva due cuccioli orfani da uno zoo dove sarebbero stati presto uccisi e li porta nella sua capanna in una riserva lontana. Nel periodo di una stagione devono imparare che piante mangiare, come catturare i pesci e come sfuggire agli orsi maschi predatori. Il film mostra scene straordinarie in cui Russel si trova ad affrontare i grizzly adulti per difendere i suoi cuccioli. Allevare i cuccioli di grizzly orfani, ha permesso a Charlie di comprendere da vicino il mondo degli orsi.

- SILENT SNOW (Olanda) 14'

Sullo sfondo dei ghiacciai che si sciolgono, Silent Snow preannuncia quello che sarà un problema mondiale di proporzioni drammatiche: l' avvelenamento di esseri umani e animali da parte di pesticidi come il DDT e le sostanze organiche inquinanti persistenti (POP). Attraverso le correnti dell' oceano, queste sostanze inquinanti raggiungono l' artico dove si accumulano nel plancton, nel pesce e negli animali come i gabbiani e gli orsi polari. Ma esse viaggiano anche attraverso l' aria cadendo poi sulla neve e finendo nell' ambiente quando la neve si scioglie. In Groenlandia gli eschimesi avevano l' abitudine di mangiare il grasso dei gabbiani e delle balene, perchè li proteggeva dalle malattie fornendo loro l' apporto vitaminico difficile da trovare nella scarsa vegetazione commestibile che cresce nella landa ghiacciata. Oggi, invece, le sostanze chimiche che si accumulano soprattutto in questo grasso, lo rendono nocivo per la salute. I livelli elevati di sostanze organiche inquinanti persistenti nel sangue portano a quozienti intellettivi decisamente più bassi nei bambini. Inoltre, nelle comunità eschimesi nascono il doppio di femmine rispetto ai maschi. I primi segnali di questo tipo di inquinamento si sono manifestati soprattutto nell' artico, ma prima o poi l' inquinamento da pesticidi colpirà tutto il mondo.

alpinismo in alte quote

ore 20.30

- GRAB IN EISIGEN HOHEN (Germania) 65'
56° Trento Film Festival

Pakistan 8 luglio 2006: nell' ultima foto che ritrae Markus Kronthaler vivo, lo vediamo alzare trionfante le braccia al cielo. E a 8047 metri, quasi in vetta. Pochi istanti dopo cade a terra morto a causa della disidratazione, proprio a pochi metri dalla cima. Il suo compagno è costretto ad abbandonare il corpo. Per più di un anno il corpo senza vita del giovane austriaco Markus Kronthaler resta sulla cima della Broad Peak in Pakistan. Il fratello di Markus, Georg, decide di salire l' ottomila per riprendere le spoglie abbandonate e riportarle in patria, come promesso alla madre. Lo accompagnano in questa rischiosa impresa due amici, la guida alpina Paul Koller e Stefan Lackner, sei esperti sherpa pachistani ed il cameraman viennese Hubert Rieger, in quanto il canale televisivo Prosieben accompagna la spedizione. Per ben due volte i partecipanti della spedizione sono costretti ad abbandonare il cadavere; la fitta nebbia rende ancora più difficile il ritrovamento del corpo e la situazione sembra ormai precipitata, lasciando poche speranze a Georg e a tutti coloro che stanno seguendo l' impresa con il fiato sospeso. Un anno esatto dopo la tragedia, il 20 luglio del 2007 finalmente la salma di Markus viene recuperata, grazie all' impresa coraggiosa e rischiosa del fratello.

- MIRACLE ON EVEREST (Australia) 52'

Il 2006 è stato uno degli anni peggiori nella storia dell' Everest, per il gran numero di tragiche morti avvenute durante le arrampicate. Lincoln Hall, un esperto alpinista viene chiamato in una spedizione come cameraman specializzato in riprese di alta quota. Per lui è il secondo tentativo di raggiungere la vetta, avendo fallito la prima volta, ventidue anni prima. Poco dopo aver raggiunto la cima, Hall inizia però a comportarsi in modo irrazionale ed in seguito a stare molto male, a causa di una forte mancanza di ossigeno. Aiutato dal suo fedele sherpa che lo assiste per oltre nove ore, alla fine collassa e viene dichiarato morto dai membri della spedizione. La famiglia viene informata e i media annunciano la notizia. Quella stessa notte, accade qualcosa che la scienza non riesce a spiegare. Il mattino successivo Lincoln Hall viene ritrovato vivo da alcuni alpinisti ed inizia così una drammatica azione di salvataggio. Mai nessuno prima d' ora era stato dichiarato morto sull Everest a quell' altitudine e poi era sopravvissuto. Il film racconta la storia incredibile di Lincoln e del suo miracoloso ritorno alla vita dalla morte tra i ghiacci.

Giovedì 26 febbraio Antico Caffè San Marco (ingresso gratuito)

ore 20.30

- Premio Alpi Giulie Cinema

In parallelo alla Rassegna Internazionale si terrà il consueto Premio Alpi Giulie Cinema , concorso riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente). Verranno proiettate le produzioni premiate dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Al regista del miglior video verrà assegnata la Scabiosa Trenta , fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Ogni edizione un artista, scelto in ambito regionale, interpreta questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. Verrà assegnato anche un premio al miglior soggetto, intitolato alla memoria di Luigi Medeot, direttore della rivista Alpinismo Goriziano e componente del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna).

Presentazione ufficiale di ALPI GIULIE CINEMA “CINEMA di MONTAGNA”

GIOVEDI’ 6 NOVEMBRE 2008 alle ore 11.00 nell’Antico Caffè San Marco in via Cesare Battisti 18 a Trieste si terrà la presentazione ufficiale di Alpi Giulie Cinema “Cinema di Montagna”.

Saranno presenti il regista Giorgio Gregorio e il giornalista Luciano Santin che illustreranno la raccolta videoantologica, realizzata dal Centro Produzioni Televisive della Regione Friuli Venezia Giulia, su un progetto dell’Associazione Monte Analogo, nel centocinquantennale dalla nascita di Julius Kugy, pioniere dell’alpinismo e cantore delle Giulie.

ALPI GIULIE CINEMA 08/09 - genti&montagne

Presentazione

Ritorna anche quest’anno, dopo la positiva sperimentazione del 2007, la collocazione in più sedi e in tempi diversi della rassegna cinematografica “Alpi Giulie Cinema” promossa dall’associazione Monte Analogo. Genti e Montagne è ancora una volta il titolo di questa prima parte, collocata nel mese di novembre presso la importante e suggestiva cornice dell’antico Caffè San Marco in Trieste. Le montagne del mondo si presentano qui, nell’arco di tre serate, attraverso le vite a volte immensamente distanti, altre volte curiosamente incrociate, delle sue genti. Tradizioni, Guerre, Globalizzazione i temi di pressante attualità proposti alla visione gratuita del pubblico, contenuti in quattro suggestive, poetiche, drammatiche opere di registi italiani, tedeschi, georgiani, olandesi e serbi.

programma 2008

Alpi Giulie Cinema - Monti Film Gorizia

Kinemax di piazza Vittoria Programma 2008

Bando di concorso 2008/2009

Pubblicato il bando di concorso per l'edizione 2008/2009

Scaricatelo dalla pagina del concorso.

Objavljen je bil razpis za natečaj 2008/2009

Prenesite si ga iz strani natečaja.

DVD su Julius Kugy

Presentazione della videoantologia su DVD

E stato realizzato da parte del Centro Produzioni Televisive della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, su un progetto dell Associazione MONTE ANALOGO, una raccolta videoantologica in formato DVD, nel centocinquantennale della nascita di Julius Kugy, il grande pioniere e poeta delle Alpi Giulie.

Il 19 luglio 1858 nasceva Julius Kugy, pioniere dell alpinismo e cantore delle Giulie. Uomo fortemente radicato nel suo tempo e nella sua terra giuliana, esponente della grande borghesia cosmopolita triestina, antesignana nella prassi e nei principi di un Europa unita.

L educazione sentimentale alla montagna trasmessa dai suoi libri è stata fondamentale nella formazione di tanti appassionati. Un approccio mosso dall amore, dall assoluto rispetto per l ambiente, poco attento alla tecnica, lontano dai superomismi e delle ansie prestazionistiche che già allora si insinuavano nell alpinismo. Sotto questi aspetti la sua figura centocinquanta anni fa era già molto moderna.

Questa raccolta videoantologica, con una presentazione storica del giornalista del Messaggero Veneto Luciano Santin, della durata di circa dodici minuti, unisce tre film che in modo diverso toccano la figura di Kugy, e ne ricordano la lezione, nei luoghi che gli furono cari.

Le tre produzioni inserite sono: MONTASIO, SULLA NORD DEL DRAGO (Nell agosto 1902 per la prima volta venne scalata la Parete Nord del Jof di Montasio. Il film ripercorre, a 100 anni di distanza, quell avventura ed è narrato da uno dei protagonisti, ormai anziano - 29 15 ). UNA SALITA TRA LE GIULIE (Un alpinista affronta la maestosa Parete Nord-Ovest del Montasio lungo la via Kugy-Horn. Forse la spinta a partire è venuta proprio dalla lettura di un libro, o dai ricordi di un anziano che ha conosciuto Kugy di persona - 31 51 ). SULLE ORME DI JULIUS KUGY (Un omaggio a Julius Kugy, con spettacolari immagini di arrampicata - 6 12 ).

La produzione verrà distribuita gratuitamente a enti pubblici, istituti scolastici, università, associazioni alpinistiche, culturali e ambientali che ne faranno richiesta.

La presentazione ufficiale della videoantologia si terrà nel mese di ottobre nell Antico Caffè San Marco in via Cesare Battisti 18 a Trieste, sede dell Associazione MONTE ANALOGO. Gli interessati possono ritirare gratuitamente copia del DVD nella sede organizzativa di MONTE ANALOGO in via Fabio Severo 31 a Trieste dalle ore 10.00 alle 12.00 ogni giorno, da lunedì a venerdì.

In collaborazione con la Libreria Transalpina:

Libreria Transalpina

Edizione 2008/2009

Annunciata la prima serata

Sarà l'11 novembre 2008 a Gorizia la prima serata dell'edizione 2008/2009 di ALPI GIULIE CINEMA. Previste proiezioni itineranti in tutta la regione (Gorizia, Trieste, Pedemontana Pordenonese, Carnia) provenienti oltre che dall'Italia, dall'Olanda, Francia, Norvegia, Gran Bretagna, Spagna, Austria, Svizzera, Germania, USA, Australia, Slovenia, Canada, Sud Corea.

La manifestazione culturale, come di consueto, é rivolta in particolare al mondo alpinistico e ambientale, con particolare attenzione a temi quali arrampicata, alpinismo, speleologia, sci, avventura , ambiente e natura.

Julius Kugy

Prodotto il DVD per il centocinquantenario

É stata realizzata la produzione videoantologica in formato DVD per i 150 anni dalla nascita di Julius Kugy, promossa dalla Regione Friuli Venezia Giulia e da Monte Analogo.

Si terranno presentazioni istituzionali a Trieste e Gorizia nel mese di luglio 2008, per poi mettere successivamente a disposizione il DVD agli istituti scolastici, università, pro loco, associazioni alpinistiche, ambientali e culturali, enti locali, ecc. che ne faranno richiesta.

Film di montagna

film di montagna organizzato dalle Sezioni di Spilimbergo e Maniago del CAI e dall'Associazione culturale Monte analogo di Trieste in collaborazione con le Sottosezioni di Tramonti e Valvasone del CAI, UISP - Unione italiana sport per tutti, Associazione "il progetto" e Associazione culturale "il caseificio"

Per informazioni: CAI Spilimbergo 0427 51001 CAI Maniago 0427 730749 (venerdì dalle 21 alle 22)

Premio Alpi Giulie Cinema 2008

E terminata giovedì 21 febbraio 2008 al Teatro Miela, con grande successo di pubblico, la rassegna ALPI GIULIE CINEMA (cinema di montagna) organizzata dall Associazione MONTE ANALOGO.

L ultima giornata era dedicata alla premiazione e proiezione delle opere scelte dalla Giuria del Premio Alpi Giulie Cinema, riservato alle produzioni cinematografiche di autori della Carinzia, Friuli Venezia Giulia e Slovenia. Al regista del miglior video è stata assegnata la SCABIOSA TRENTA, fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie Julius Kugy, a 150 anni della sua nascita. Quest anno il premio è stato creato dall artista triestina Alessandra Trebbi, in perle di vetro. Gli organizzatori durante la premiazione hanno già annunciato che sono previste altre due serate in primavera dedicate alla speleologia e all ambiente. La rassegna dopo Gorizia e Trieste si trasferirà adesso in Carnia e nel Pordenonese.

Vincitori e verbali della giuria alla pagina del concorso.

thumb 1
thumb 2
thumb 3